Modi utili per giudicare

      Da Rev. Jeffrey Smith (machine translated into Italiano)

Silver scales of justice.

Sei il capo di una piccola azienda. Stai cercando di assumere un nuovo dipendente per riempire un posto vacante. Il primo candidato entra nella stanza e si siede. Mentre guardi la domanda, ti rendi conto che non c'è un curriculum. Devi averlo trascurato perché sei ancora un po' inesperto nell'essere un capo. Vai comunque avanti con l'intervista... forse sarà interessante. Dopo alcune domande per conoscervi, chiedete al candidato delle referenze e delle precedenti esperienze di lavoro. Il candidato pensa per un secondo e poi dice: "Non sai che Gesù ci ha detto di non giudicare?

Questo è il secondo di due articoli sul giudizio. Il primo articolo riguardava i tipi di giudizio che dovremmo evitare: giudizi condannanti, moralisti, ipocriti, spirituali. In questo, esamineremo il tipo di giudizio che il Signore ci dà il permesso di fare.

Quali sono i modi in cui possiamo e dobbiamo giudicare? Quali sono alcuni modi in cui possiamo essere utili una volta che abbiamo giudicato rettamente?

Per cominciare, forse dovremmo solo verificare che sia giusto per noi giudicare. La vera prova è se ha senso agli occhi del Signore.

Quindi, diamo una rapida occhiata ad alcuni versetti sul giudizio che abbiamo usato nel sermone precedente:

"Chi è senza peccato tra voi, scagli per primo una pietra contro di lei". - Questo NON riguarda il NON giudicare, riguarda il non distruggere e uccidere lo spirito di qualcuno giudicandolo con le nostre idee (non importa quanto vere possano essere).

"Non giudicate per non essere giudicati...." - Questo significa veramente "non condannare", intendendo che non possiamo giudicare il carattere spirituale di una persona, perché possiamo solo vedere ciò che è all'esterno.

"Prima togli la trave dal tuo occhio, e poi potrai vedere chiaramente per togliere la pagliuzza dall'occhio del tuo fratello". - Nota che Gesù non dice "non togliere la pagliuzza a tuo fratello". Dice: "prima togli la tua pagliuzza".

Il Signore ci dà il permesso di giudicare le azioni delle persone. In realtà, ci dice che dovremmo farlo. Nel Levitico ci viene detto,

"Non commetterai ingiustizia nel giudicare. Non sarai parziale nei confronti del povero, né onorerai la persona del potente. Giudicherai con giustizia il tuo prossimo. Non andrai in giro a raccontare storie tra il tuo popolo (Levitico 19:15-16)

Qui, il Signore comanda agli israeliti di giudicare il loro prossimo con giustizia. E, nel caso in cui qualcuno stesse cercando un po' di spazio per la sua abitudine di spettegolare, ho lasciato il comando del Signore che dice: "non andrai in giro come un chiacchierone". Diffondere storie negative non è un atto d'amore, ma piuttosto è più probabilmente un atto di egoismo.

I nuovi insegnamenti della Chiesa sostengono anche la pratica di emettere certi tipi di giudizi. Quanto segue dal libro Il vero cristianesimo offre una ragione molto pratica per giudicare:

"Quando qualcuno sceglie fra tre o quattro persone un amministratore per gestire la sua casa, o per essere un servo, non indaga forse sull'interiorità di quella persona, e ne sceglie uno che sia onesto e fedele, e così lo ama?" (La Vera Religione Cristiana 410)

Ecco un insegnamento un po' simile da Apocalypse Explained:

"È lecito a ciascuno pensare alla vita morale e civile di un altro, e giudicarla; senza tale pensiero e giudizio riguardo agli altri, nessuna società civile potrebbe sussistere." (Apocalisse Spiegata 629.14)

Ecco: possiamo giudicare la vita morale e civile di un altro. Possiamo giudicare le azioni di qualcuno, e possiamo anche giudicare in base a queste azioni se una persona sembra agire onestamente e fedelmente o meno. I giudici nei nostri tribunali prendono questo tipo di decisioni tutto il tempo. Devono determinare se una persona ha fatto qualcosa con cattiva intenzione o semplicemente accidentalmente.

OK. E allora? E allora se noi giudichiamo giustamente? E allora?

Beh, possiamo usarlo per determinare chi dovrebbero essere i nostri amici, o chi assumere per un lavoro. Ma è tutto qui? Viene usato solo per tenere lontane le persone che non vogliamo vicino a noi? In alcuni casi - per esempio nelle famiglie e in altre situazioni inevitabili - è impossibile prendere le distanze da qualcuno, eppure possiamo ancora applicare questi giudizi a fin di bene.

Amare il prossimo non significa amare la persona, ma amare il bene che vediamo in quella persona. Senza eccezione, ogni essere umano è un mix di bene e male. Il nostro obiettivo nell'amare è sostenere il bene. Cosa facciamo allora del male che vediamo? Dovremmo amare quel male in qualche modo?

Per rispondere a questo, guardiamo i versi che seguono le parole del Signore sulla pagliuzza e l'asse. Egli continua dicendo,

"Non date ai cani ciò che è santo; e non gettate le vostre perle davanti ai porci, perché non le calpestino sotto i loro piedi, e si rivoltino e vi facciano a pezzi". (Matteo 7:6)

Un modo per applicare le parole del Signore qui è di non dare il nostro amore e quindi il nostro sostegno alle cattive abitudini che vediamo nelle persone. Quell'amore sarà distrutto, e non servirà allo scopo dell'amore di aiutare il nostro prossimo verso il cielo. Affinché il nostro amore sia utile, dobbiamo usare la nostra capacità di giudicare e riconoscere i porci e i cani - cioè le cattive abitudini nel nostro prossimo e anche in noi stessi.

Giusto, quindi, amare e sostenere le buone abitudini... e le cattive abitudini? Il Signore ci dice di non gettare le nostre perle davanti ai porci. Allora, cosa facciamo con i porci?

Questa non è una situazione semplice, quindi non c'è una risposta unica per tutti. Dobbiamo usare il nostro giudizio e la guida del Signore per cercare di trovare il modo migliore per rispondere. Ecco alcuni possibili modi per affrontare le cattive abitudini che osserviamo negli altri.

La prima cosa che possiamo fare è ignorare una cattiva abitudine che non fa male a nessuno. Nella storia di Noè sulla sua ubriachezza, Shem e Japheth entrarono nella tenda al contrario per coprire la nudità del padre. Non lo guardarono nemmeno. Ci viene detto che anche gli angeli agiscono in questo modo - amano e sostengono il bene nel loro prossimo mentre difficilmente notano i loro peccati.

La seconda cosa che dovremmo fare è proteggere gli
innocenti. In un passaggio, gli insegnamenti della Nuova Chiesa offrono un'idea dell'occupazione appropriata di un giudice. Un giudice infligge una pena a una persona colpevole per evitare che venga fatto del male a persone innocenti. E il nostro giudizio può servire
lo stesso scopo - la protezione degli innocenti.

Ci sono due cose che possiamo fare quando giudichiamo rettamente: in primo luogo possiamo ignorarlo e sostenere le sue buone abitudini, e in secondo luogo, se il peccato di una persona potrebbe ferire qualcuno, dovremmo prima proteggere il bene e l'innocenza.

E infine, c'è una terza opzione: affrontare il trasgressore.

Dobbiamo considerare attentamente come affrontare qualcuno le cui azioni o parole meritano una correzione. In questo tipo di confronto, come in qualsiasi altra interazione, potremmo considerare se stiamo offrendo amore o verità? Chiedetevi di cosa ha veramente bisogno la persona. O un'idea migliore: chiedete alla persona di cosa ha bisogno? "Ehi, hai bisogno di qualche idea utile qui, o hai solo bisogno di qualcuno che ti ascolti?". È molto probabile che la persona con cui ci stiamo confrontando stia vivendo una situazione di vita difficile, e che abbia semplicemente bisogno di un po' d'amore.

E poi, quando offriamo la verità, controlla se le tue parole sono davvero utili sottoponendole a tre test: gentile, vero e utile.

Prima prova... la cosa che stiamo dicendo è gentile - vale a dire, veniamo davvero dall'amore e dal desiderio di aiutare la persona ad andare in paradiso, o siamo un po' moralisti o condannatori. Anche quando offriamo le nostre idee, dovrebbe essere da un luogo d'amore.

Secondo test... la cosa che stiamo dicendo è effettivamente vera, o la nostra percezione sta forse distorcendo la situazione. È molto probabile che stiamo interpretando male le azioni di qualcuno e rispondiamo in modo inappropriato? Per evitare interpretazioni errate, di solito è una buona idea ascoltare prima la persona.

Terzo test: le nostre parole sono utili? Certo, vogliamo aiutare, e per quanto possiamo dire, è vero... ma è davvero, effettivamente, veramente utile alla persona nella sua situazione? Possiamo cercare di essere gentili, e pensiamo che sia vero, ma se la persona è in una situazione difficile, allora potrebbe non essere utile per quella persona.

Può essere molto utile per qualcuno ricevere una prospettiva esterna sulle proprie parole e azioni. Se si sta presentando come un idiota, merita davvero di saperlo. I nuovi insegnamenti della Chiesa ci informano che può essere davvero utile avere qualche input esterno riguardo al nostro aspetto esterno, altrimenti continuiamo a vivere nelle nostre fantasie (Vedi Cielo e Inferno 487).

Allora, ti va bene essere giudicato? Con la misura in cui hai giudicato, sei pronto per essere misurato di nuovo? Sei pronto che gli altri facciano a te come tu fai a loro?

Se la tua risposta è sì, allora mentre vai avanti nella tua vita quotidiana a giudicare rettamente, prima pensa se il problema può essere semplicemente ignorato sostenendo il bene. Se non è possibile, allora prima assicurati che l'innocenza e la bontà siano protette. E se la cattiva abitudine di una persona deve essere affrontata, allora scegliete le vostre parole con molta, molta attenzione. Le vostre parole sono gentili, vere e utili?

(Adattato da un sermone di Jeffrey Smith, aprile 2021)


Traduci: