Libertà o libero arbitrio

        | Par Joe David and Rev. Julian Duckworth (machine translated into Italiano)
Voir la vidéo dans une nouvelle fenêtre

This video is a product of the Swedenborg Foundation. Follow these links for further information and other videos: www.youtube.com/user/offTheLeftEye and www.swedenborg.com

by Caleb Kerr

La libertà umana o la libertà spirituale di fare delle scelte è il dono di Dio che sta alla base della nostra umanità. La libertà di agire come vogliamo non è vera libertà, ma è licenza. La vera libertà è essenzialmente quella di essere guidati da Dio in tutti i modi in cui viviamo, perché questo ci libera dall'essere schiavi dei nostri impulsi egoistici. "Conoscerai la verità e la verità ti renderà libero".

Correlato alla "libertà" è il concetto di "libero arbitrio". La nostra volontà è ciò che intendiamo fare o essere. È il cuore della nostra vita. Abbiamo il libero arbitrio di stabilire cosa faremo ed è nostra responsabilità personale deciderlo. Il nostro libero arbitrio è così importante per Dio che Egli è nato sulla terra per superare gli inferni, in modo che il nostro libero arbitrio sia sempre mantenuto e sia nostro da usare e su cui agire.

Il libero arbitrio è la qualità che distingue l'uomo dagli animali. Gli animali non possono essere né buoni né cattivi perché non comprendono questi concetti. Gli esseri umani, d'altra parte, possono capire la differenza tra il bene e il male e possono quindi scegliere quello che vogliono fare. Il Signore protegge questa libertà di volontà nella misura in cui permette il male, perché solo gli amori liberamente scelti possono essere appropriati a (o appartenere a) un individuo. Poiché siamo tutti liberi di scegliere di fare ciò che crediamo sia giusto agli occhi del Signore, o di scegliere di fare ciò che vogliamo, possiamo essere formati a immagine dell'amore che scegliamo. L'immagine può essere celeste o infernale; è una nostra scelta. Nessun animale ha una tale scelta.

Il Signore ha sempre dato all'umanità una scelta. Adamo aveva la possibilità di scegliere nel giardino dell'Eden, Noè aveva la possibilità di scegliere se obbedire o meno all'arca, Abram aveva la possibilità di viaggiare a Canaan o meno, e i figli di Israele potevano scegliere a volontà.

Tutti avevano ricevuto una rivelazione di un tipo o di un altro, culminata nella Parola di Mosè, dei profeti e dei Vangeli - ciò che ora chiamiamo Bibbia. Gli scritti per la Nuova Chiesa sono la continuazione della rivelazione del Signore. La conoscenza che loro avevano, e che noi abbiamo oggi, di quelle rivelazioni apre la possibilità di fare scelte buone o cattive.

Non possiamo cambiare i nostri amori. Non possiamo ribaltare il nostro cranio e lanciare un interruttore nel nostro cervello che ci fa amare il nostro prossimo - ma il Signore può fare una cosa del genere nel tempo. E senza nemmeno aprire il nostro cranio! Ma non lo farà se non lo vogliamo noi. Gli mostriamo che vogliamo che ciò avvenga comportandoci come se lo avesse già fatto. Se ci sforziamo di agire come se amassimo il nostro prossimo anche se non lo sentiamo ancora, un giorno ci renderemo conto che, a noi sconosciuti, Egli ci ha raggiunto e ci ha cambiato un po'. Possiamo averci costretti, ma il libero arbitrio significa che siamo liberi di costringerci - è una nostra scelta.

Alcune persone possono credere di non poter cambiare. Forse ci provano per un po' e non si accorgono di nulla, così si perdono d'animo. Questo è un progetto che dura tutta la vita. Per tutta la nostra vita nel mondo naturale il Signore ci mantiene in uno stato di equilibrio tra le influenze del cielo e dell'inferno, proprio perché la nostra volontà ci possa muovere un po' in un modo o nell'altro, in modo che possiamo rimanere in controllo. Questa è la nostra libertà.

Il Signore vuole che tutti i nati vengano al suo cielo. Questo è ciò per cui siamo nati, ma siamo tutti liberi di decidere da soli se lo faremo o meno.

(références: La Vera Religione Cristiana 475)