Puna

 

La vera fede e le belle nozioni irrilevanti

Ni Jared Buss (isinalin ng machine sa Italiano)

Jesus raises Jairus's daughter.

Quando le cose vanno male, sia nella nostra vita personale sia nel mondo che ci circonda, la religione può iniziare a sembrare irrilevante. O forse sarebbe più corretto dire che inizia a sembrare una speranza inutile. Sembra un bagaglio che non abbiamo più motivo di portare con noi. Gli insegnamenti religiosi possono iniziare a sembrare ideali senza senso e le pratiche religiose possono sembrare futili. Potremmo guardare i disordini della nostra vita e dire: "I miei ideali non hanno impedito che questo accadesse". Oppure potremmo vedere la tragedia e il caos nei telegiornali e dire: "In che modo andare in chiesa cambierà le cose?".

Ma tutti questi ragionamenti sono al contrario. La religione non è un bene di lusso. Non è qualcosa con cui ornare le nostre vite per testimoniare che la vita va alla grande. Non è una cosa bella che facciamo perché siamo persone belle. Se la religione è ciò che deve essere, allora diventa tanto più importante quanto più le cose vanno a rotoli.

La prova più evidente di questo è la nota affermazione del Signore: "Non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori a ravvedersi" (Matteo 9:13; Marco 2:17). Le persone si lasciano facilmente trasportare dall'idea che la religione sia per le persone giuste, ma il Signore dice "non è così". E meno male, perché dove sono questi giusti? È venuto qui per i peccatori. È venuto sulla terra per le persone che hanno creato disordine nella loro vita, non per congratularsi con loro, ma per aiutarle. Per salvarli.

Ecco perché nella Parola ci sono tanti insegnamenti duri. Il Signore ci dice come combattere le battaglie spirituali, come evitare i mali che portiamo alla luce dentro di noi. Se ci aspettiamo che la religione sia un bell'ornamento per persone belle, questi insegnamenti sono stridenti. Sono un po' come un corso di primo soccorso. Chi vuole passare il tempo a pensare alle ferite? Se la vita fosse solo un sabato pomeriggio in poltrona, non ci sarebbe bisogno di pensare a queste cose. È quando qualcosa va storto che il valore di un corso di primo soccorso si fa sentire. Allo stesso modo, se crediamo che non ci sia niente di male in qualcosa o in qualcuno, è difficile capire perché il Signore abbia tanto da dire sul pentimento. Ma se il male è reale, tutto ha senso. Il male è ciò da cui Egli sta cercando di salvarci. È per questo che ci dice tante volte che abbiamo bisogno di Lui, che abbiamo bisogno della sua forza. "Anche i giovani si affievoliranno e si stancheranno e i ragazzi cadranno del tutto, ma quelli che aspettano il Signore rinnoveranno le loro forze" (Isaia 40:30, 31).

Tutto questo non significa che dobbiamo avere una visione negativa della vita. La Parola non è lì solo per insegnarci che i tempi duri sono reali e che abbiamo bisogno di essere salvati. Il messaggio della Parola è che il Signore può darci gioia nonostante le cose difficili, nonostante il male, se glielo permettiamo. Egli dice: "Perciò ora siete afflitti; ma vi vedrò di nuovo e il vostro cuore si rallegrerà e la vostra gioia nessuno ve la toglierà" (Giovanni 16:22). Non si tratta solo di un ideale altisonante. È molto più potente dell'idea che la vita debba essere bella. Se il Signore è "reale" quando parla di cose grintose e dolorose, di solitudine e di perdita, allora forse è "reale" anche quando promette di poterci consolare.

Gran parte del mondo sembra credere che la religione sia sempre più irrilevante. Il mondo sembra dire che la religione non ci ha guarito da nulla, quindi è un peso morto di cui la razza umana può fare a meno. Ma questo è al contrario. Gli insegnamenti della Parola sono rilevanti perché il mondo ha bisogno di guarigione. Questa guarigione non è solo qualcosa che possiamo cercare per noi stessi: è qualcosa che possiamo condividere, se ne abbiamo il coraggio. Quando lo facciamo, non stiamo condividendo un piccolo ideale felice. Non dovremmo indicare la religione come qualcosa di semplicemente "interessante". Stiamo parlando delle cose più reali della vita: la lotta, il dolore e la gioia che li trascende.

Ang Bibliya

 

Isaiah 40:31

pag-aaral

       

31 ma quelli che sperano nell’Eterno acquistan nuove forze, s’alzano a volo come aquile; corrono e non si stancano, camminano e non s’affaticano.