Ang Bibliya

 

Matthew 14:22-33 : Si Jesus ay Naglalakad sa Tubig

pag-aaral

           |

22 And straightway Jesus constrained his disciples to get into a ship, and to go before him unto the other side, while he sent the multitudes away.

23 And when he had sent the multitudes away, he went up into a mountain apart to pray: and when the evening was come, he was there alone.

24 But the ship was now in the midst of the sea, tossed with waves: for the wind was contrary.

25 And in the fourth watch of the night Jesus went unto them, walking on the sea.

26 And when the disciples saw him walking on the sea, they were troubled, saying, It is a spirit; and they cried out for fear.

27 But straightway Jesus spake unto them, saying, Be of good cheer; it is I; be not afraid.

28 And Peter answered him and said, Lord, if it be thou, bid me come unto thee on the water.

29 And he said, Come. And when Peter was Come down out of the ship, he walked on the water, to go to Jesus.

30 But when he saw the wind boisterous, he was afraid; and beginning to sink, he cried, saying, Lord, save me.

31 And immediately Jesus stretched forth his hand, and caught him, and said unto him, O thou of little faith, wherefore didst thou doubt?

32 And when they were come into the ship, the wind ceased.

33 Then they that were in the ship came and worshipped him, saying, Of a truth thou art the Son of God.

Puna

 

Gesù cammina sull'acqua

     

Ni New Christian Bible Study Staff (isinalin ng machine sa Italiano)

The Disciples See Christ Walking on the Water, by Henry Ossawa Tanner

Questa è una delle storie più amate della Bibbia, e non è difficile capire perché. È facile per noi visualizzare i discepoli che lottano per portare la loro piccola nave attraverso il tempestoso mare di Galilea, e il loro stupore quando Gesù viene da loro, passeggiando in cima alle onde come se l'acqua fosse una strada romana. Possiamo simpatizzare con Pietro, che in preda allo stupore va lui stesso sull'acqua, solo per essere colpito dalla paura. E possiamo trarre un chiaro messaggio spirituale di fidarsi del Signore e credere nella sua potenza.

(Mga Sanggunian: Apocalisse Spiegata 514 [21])


Ma è tutto qui? Gesù ha camminato sull'acqua solo per stupire i discepoli e per stupire il lettore? O aveva un significato più profondo?

Secondo gli Scritti, la storia illustra il fatto che la nuova chiesa lanciata da Gesù avrebbe portato vita spirituale al mondo intero, non solo al gruppo ristretto di credenti specifici - e che il Signore opera allo stesso modo nel mondo oggi.

Uno dei simboli chiave qui è il mare, che rappresenta quelli della periferia della chiesa. Essi hanno alcune conoscenze spirituali e una grande quantità di conoscenze naturali, tutte fluide e turbolente. Un altro è la nave, che rappresenta le credenze specifiche dei discepoli, la loro dottrina. Essi navigano quella nave, da soli, nella turbolenza delle credenze della periferia della chiesa. Le onde mostrano che erano attaccati da argomenti di idee naturali; il vento mostra che la loro dottrina non era abbastanza elevata per essere veramente allineata con la potenza del Signore.

Così Gesù viene da loro all'alba - che significa l'inizio della sua nuova chiesa - camminando sull'acqua. Questo dimostra che nel Suo perfetto amore e bontà Egli porta la vita anche a coloro che sono in credenze esterne. All'inizio i discepoli non lo riconoscono e hanno paura - la reazione di chi è in uno stato spirituale inferiore all'avanzata di uno superiore. Ma Gesù li rassicura, e Pietro - che rappresenta le vere idee che nascono dal desiderio del bene - osa camminare lui stesso sull'acqua.

Per un momento, sostenuta dalla fede in Gesù, funziona. Le idee vere basate sul desiderio di bene possono funzionare senza il supporto di un sistema dottrinale specifico, anche nella confusione del pensiero naturale. Ma i discepoli non sono ancora pronti per questo; la fiducia di Pietro viene meno e Gesù deve riportarlo sulla nave. Il risultato finale, però, è un progresso spirituale per i discepoli. Il fatto che il vento si fermi quando Gesù sale sulla nave mostra un'elevazione delle loro idee dottrinali; sono più in accordo con la potenza del Signore (rappresentata dal vento). E qual è questa differenza? È illustrato dal fatto che si inchinano e adorano Gesù, chiamandolo Figlio di Dio.

Cosa significa questo per noi? Siamo (si spera, comunque) essenzialmente discepoli - persone con una certa conoscenza del Signore e il desiderio di essere buoni. Quello che possiamo imparare, quindi, è che l'amore del Signore non è limitato a noi o a coloro che credono come noi - è per tutti, ovunque, in ogni tratto di mare. E potremmo voler lavorare sulla fiducia nel Signore e sul credere nel suo potere se vogliamo uscire sull'acqua e aiutare il mondo.

(Mga Sanggunian: Apocalisse Spiegata 514 [21])