Cosa è successo veramente a Pasqua?      

By New Christian Bible Study Staff (machine translated into italiano)
Om door te bladeren terwijl u kijkt, speelt u de video af in een nieuw venster.

This video is a product of the Swedenborg Foundation. Follow these links for further information and other videos: www.facebook.com/offthelefteye and www.Swedenborg.com

Om door te bladeren terwijl u kijkt, speelt u de video af in een nieuw venster.

This video is a product of the Swedenborg Foundation. Follow these links for further information and other videos: www.facebook.com/offthelefteye and www.Swedenborg.com

Om door te bladeren terwijl u kijkt, speelt u de video af in een nieuw venster.

This video is a product of the Swedenborg Foundation. Follow these links for further information and other videos: www.facebook.com/offthelefteye and www.Swedenborg.com

Cosa insegna la Nuova Chiesa sulla Pasqua? È una domanda breve, ma coinvolge una grande rete di idee collegate. Non si può rispondere bene in un boccone, quindi abbiate pazienza...

In primo luogo, crediamo in Dio - un solo Dio - che crea e sostiene tutto, compreso il nostro universo fisico.

Noi crediamo che Dio è l'amore stesso, e la saggezza stessa. È nella natura dell'amore voler amare gli altri al di fuori di sé, e renderli felici, ed essere uniti a loro. È nella natura della saggezza fornire i mezzi, il know-how, per mettere in atto l'amore.

Dio, agendo dal suo nucleo di Amore Divino, usando la sua Saggezza Divina, ha creato l'universo (il Big Bang?) e, alla fine, come parte di esso, la nostra galassia, il sistema solare e la Terra. Attraverso la sua provvidenza creativa, la vita è iniziata sulla terra. Nel corso di milioni di anni, si è evoluta in forme di vita progressivamente più complesse, fino a quando, col tempo, Dio ha potuto portare allo sviluppo di esseri umani con menti razionali in grado di comprendere le verità spirituali. Attraverso queste verità, le persone sarebbero in grado di amarsi l'un l'altro come vicini, e di amare Dio, di camminare nelle sue vie, di ricevere il suo amore e la sua saggezza, e di essere uniti a Lui.

Fa parte della Provvidenza di Dio tenere sempre aperto un modo per comunicare con noi, in modo che possiamo ricevere le verità accomodate al nostro stato. Comunicava con i primi esseri umani attraverso una consapevolezza più diretta, ma man mano che diventavamo più esterni, usava alcuni uomini come profeti, o rivelatori, per scrivere le sue verità e per dirle agli altri. Alcune di queste rivelazioni sono molto antiche, per gli standard umani. Nei Libri di Mosè, forse 3500 anni fa, Mosè stesso si riferisce a libri ancora più antichi - "Le guerre di Geova", "Annunciazioni", e "Il libro di Jasher", che formava parti di un antico Verbo.

Al tempo prima della nascita di Gesù Cristo, le verità del Verbo antico erano state corrotte o in gran parte dimenticate, e il politeismo e l'idolatria erano diffusi. Delle 12 tribù dei Figli di Israele, 10 furono disperse e inghiottite nella cultura circostante. A Gerusalemme e dintorni, la chiesa ebraica conservava ancora l'Antico Testamento, e i fedeli ne osservavano ancora i principi, ma anche all'interno del giudaismo una parte del culto esterno era vuota. C'erano ancora alcune persone nel bene semplice, che avrebbero ricevuto volentieri le nuove verità del Signore - Maria, Giuseppe, Elisabetta, Zaccaria, Anna, Simeone e più tardi gli apostoli, e poi le moltitudini che si riunivano per ascoltare Gesù predicare la verità, e per essere guariti da Lui.

La Nuova Chiesa insegna che Gesù Cristo era Dio stesso, che ha assunto un corpo umano, per poter vivere in mezzo a noi, e ci insegna le verità essenziali di cui abbiamo bisogno per poterle seguire, e così facendo apre la nostra mente a ricevere e trasmettere il suo amore.

Crediamo anche che parte del suo metodo di redenzione sia stato quello di assumere un'eredità umana con la sua tempra, in modo da poter combattere direttamente il male. Da dove veniva il male? Noi crediamo che le persone abbiano un'anima immortale. Quando i nostri corpi muoiono, viviamo in un mondo spirituale. In quel mondo, non possiamo fingere di essere buoni se non lo siamo - la nostra vera natura diventa evidente. E noi gravitiamo verso persone che la pensano come noi, come facciamo in questo mondo, se non con una vista più chiara. Se amiamo fondamentalmente il nostro prossimo e Dio più di noi stessi, creeremo società amichevoli e vicine. Se fondamentalmente cerchiamo il "numero uno", le nostre società tenderanno ad andare verso i cattivi, formando luoghi infernali. Dio non ha creato l'inferno, ma non ci costringe ad essere buoni, perché questo distruggerebbe la nostra libertà. Così, ci permette di creare l'inferno per noi stessi. Possiamo farlo anche sulla terra, quando i malvagi hanno potere. La Germania nazista è stata un esempio molto chiaro di questo, tra troppi altri.

Ora, nella Chiesa Nuova crediamo, come molte persone, che ci sia una relazione tra il mondo spirituale e il mondo naturale, e che siamo soggetti a influenze spirituali. L'immagine popolare dell'angelo custode ha in realtà qualche fondamento spirituale, e anche l'immagine dell'angelo su una spalla e del diavolo sull'altra è più reale di quanto non sia comodo pensare.

Siamo tentati, mentre viviamo la nostra vita, di fare cose malvagie. Queste tentazioni ci arrivano da persone malvagie del mondo spirituale. Nell'ordine normale delle cose, la potenza di questo male è tenuta sotto controllo equilibrando l'afflusso dal cielo, dove l'amore del Signore scorre attraverso le società buone e si comunica a noi. Al momento della nascita del Signore, l'equilibrio era precario - gli inferni erano diventati troppo forti e il male troppo influente. Ne vediamo illustrazioni nelle storie del Nuovo Testamento, dove Gesù e i suoi discepoli in molti casi guariscono le persone possedute dai demoni.

Così, parte della missione del Signore era di tenere a freno il potere dell'influenza infernale, e lo ha fatto lasciandosi tentare attraverso l'umano che aveva preso da Maria, e vincendo ogni tentazione a sua volta, per bloccare il potere di ogni società infernale. Nelle storie del Nuovo Testamento vediamo alcune di queste tentazioni - quando fu tentato dal diavolo nel deserto, nel Giardino del Getsemani e sulla croce. Ma li ha conquistati tutti, anche quelli finali, dove dubitava che la sua missione fosse riuscita.

Cosa è successo a Pasqua?

Dio incarnato era venuto sulla terra, come Gesù Cristo, compiendo tutta una serie di profezie dell'Antico Testamento. Aveva, attraverso una serie di tentazioni che duravano da una vita, combattuto e sottomesso i poteri dell'inferno, ripristinando l'equilibrio che permetteva alle persone di scegliere liberamente il proprio corso della vita. Ci aveva insegnato le nuove verità di cui avevamo bisogno, affinché potessimo imparare, se volevamo, ad essere buoni. Aveva aperto un nuovo canale di comunicazione - potremmo ora immaginarlo in forma umana - non solo come un Dio remoto e informe, ma come un Dio Divinamente Umano che ci ama, che vuole salvarci e nella cui immagine e somiglianza siamo fatti.

La crocifissione è stata la tentazione culminante, e la vittoria, in una vita di vittoria sul male. Il corpo umano che il Signore ha assunto da Maria è stato glorificato, convertito alla sostanza divina. Ecco perché non è stato trovato nella tomba la domenica di Pasqua, quando la pietra è stata rotolata via.

Dopo Pasqua, il Signore poteva - e lo ha fatto - apparire ancora ai suoi seguaci, ma essi lo vedevano con gli occhi spirituali aperti. Lo seguirono in Galilea, e furono testimoni della sua ascensione al cielo. E poi si diffusero in tutto il mondo, insegnando le verità che lui aveva insegnato loro, e guidando con l'esempio, così che il cristianesimo divenne la religione più grande del mondo.

Mentre la religione cristiana si diffondeva, le idee false si insinuavano in essa. Ecco alcuni punti chiave nella nostra convinzione, che combattono queste falsità:

- Non crediamo che Gesù fosse una persona separata da Dio. Era Dio.

- Non crediamo che si sia sacrificato sulla croce per espiare a Dio i peccati dell'umanità. Era Dio. Invece si è lasciato crocifiggere perché così facendo ha potuto dimostrare che anche la morte del corpo fisico non era qualcosa di definitivo, non qualcosa che aveva davvero potere sul bene e sulla verità. La sua resurrezione è stato l'evento chiave.

Noi crediamo che Maria fosse buona, ma non che fosse perfetta, né che fosse nata senza peccato. Fu scelta per essere la madre del Signore perché era, come Giuseppe, parte del residuo di persone semplici e buone che obbedivano alla volontà del Signore e la cui fede avrebbe permesso il compimento della sua missione. Tuttavia, l'eredità attraverso Maria conteneva normali tendenze al male che aprivano Gesù alle tentazioni, il che era una parte necessaria del piano.

Ci sono anche idee non cristiane che hanno una moneta nella nostra cultura, anche se pensiamo che siano false. Ecco alcuni punti chiave del nostro credo:

- Non crediamo che Gesù Cristo abbia avuto una storia d'amore con Maria Maddalena o che abbia sposato Maria Maddalena.

- Non crediamo che Gesù Cristo fosse solo un buon maestro o un uomo di carattere esemplare, che fu poi divinizzato dai suoi discepoli.

- Noi crediamo che Gesù Cristo sia esistito come figura storica, che sia stato Dio incarnato, e che i Vangeli contengano verità essenziali di cui dobbiamo vivere.


Vertalen: