From Swedenborg's Works

 

Vita #0

Vita      

Go to section / 114  

Next →

VITA

EMANUEL SWEDENBORG

Sommario:

Indice Insegnamenti sulla vita per la nuova Gerusalemme tratti dal Decalogo I, [§§ 18]

La religione concerne il modo in cui si vive, e la via religiosa alla vita è fare il bene, II [§§ 917]

Nessuno può fare qualcosa di autenticamente buono da se stesso, III [§§ 1831]

Nella misura in cui l’uomo volta le spalle alle cattive azioni perché sono peccati, le buone azioni che fa non procedono da lui ma dal Signore, IV [§§ 3241]

Nella misura in cui l’uomo volta le spalle al male perché è peccato, ama ciò che è vero, V [§§ 4252]

Nella misura in cui l’uomo volta le spalle al male perché è peccato, ha fede ed è spirituale, VI [§§ 5361]

I Dieci Comandamenti ci dicono quali mali sono peccati, VII [§§ 6266 ]

Tutti i generi di omicidio, adulterio, furto e falsa testimonianza, insieme con l’impulso a commetterli, sono mali ai quali si devono voltare le spalle perché sono peccati, VIII [§§ 6773]

Nella misura in cui l’uomo volta le spalle a ogni genere di omicidio, in quanto peccato, egli è nell’amore verso il prossimo, IX [§§ 7479]

Nella misura in cui l’uomo volta le spalle ad ogni genere di adulterio in quanto peccato, ama la castità, X [§§ 8086]

Nella misura in cui l’uomo volta le spalle a tutti i generi di furto in quanto peccato, ama l’onestà, XI [§§ 8791]

Nella misura in cui l’uomo volta le spalle è tutti i tipi di falsa testimonianza in quanto peccati, ama la verità, XII [§§ 92100]

L'unico modo di astenersi dai mali in quanto peccati, fino ad averli in avversione è combattere contro di essi, XIII [§§ 101107]

L’uomo deve astenersi dai mali come peccati, e combattere contro di essi come da se stesso, XIV [§§ 108114]

Go to section / 114  

Next →


Many thanks to Fondazione Swedenborg for making this translating publicly available.

From Swedenborg's Works

 

Vita #73

Vita      

Study this Passage

Go to section / 114  

← Previous   Next →

73. Il Signore insegna il bene dell’amore in molti passi della Parola. Egli lo insegna in Matteo e ci istruisce su come riconciliarci col prossimo:

Se, dunque, stai presentando la tua offerta all'altare ed ivi ti ricordi che tuo fratello ha qualche cosa contro di te, lascia la tua offerta lì dinnanzi all'altare, e va prima a riconciliarti con tuo fratello; poi torna e presenta la tua offerta. Mettiti presto d'accordo col tuo avversario, mentre sei in cammino con lui, affinché egli non ti consegni al giudice e il giudice alle guardie e tu non sia messo in prigione. In verità ti dico: non ne uscirai finché non avrai pagato l'ultimo centesimo (Matteo 5:23­26)

Riconciliarsi con il fratello è voltare le spalle a ostilità, odio e vendette. Possiamo notare che questo è voltare le spalle al male in quanto peccato. Il Signore insegna ancora in Matteo:

Tutto quanto, adunque, desiderate che gli uomini facciano a voi, fatelo voi pure a loro; poiché questa è la Legge e i profeti(Matteo 7:12)

Così è insegnato che ci si deve astenere dal fare il male, e questo stesso insegnamento è ripetuto mille volte altrove. Il Signore insegna anche che uccidere è anche essere adirati contro il fratello o contro il prossimo, senza buone ragioni e covare risentimento contro di essi (vedi Matteo 5:21, 22)

(References: Matteo 5:21-22, 5:21-26, 5:23-26)

Go to section / 114  

← Previous   Next →

   Study this Passage
From Swedenborg's Works

Inbound References:

Divina Provvidenza 126

Fede 23


Many thanks to Fondazione Swedenborg for making this translating publicly available.


Translate: