From Swedenborg's Works

Cielo e inferno #1

Cielo e inferno

Go to section / 603  

← Previous    Next →

1. Prefazione dell’Autore

Il Signore parlando ai suoi discepoli della fine dei tempi, cioè nell’ultimo periodo della chiesa, 1 dice, all’avvicinarsi della predetta fine, in merito al successivo stato di amore e fede: 2

Subito dopo l’afflizione di quei giorni il sole si oscurerà e la luna non darà il suo splendore, e le stelle cadranno dal cielo, e le potenze dei cieli saranno scosse. Ed allora apparirà nel cielo il segno del Figlio dell’uomo; ed allora tutte le tribù della terra faranno cordoglio, e vedranno il Figliuolo dell’uomo venire sulle nuvole del cielo con gran potenza e gloria. E manderà i suoi angeli con gran suono di tromba a radunare i suoi eletti dai quattro venti, da un capo all’altro dei cieli. (Matteo 24:29-31)

Coloro che si soffermano sul mero significato letterale di queste parole, hanno la convinzione che alla fine dei tempi, quando vi sarà il giudizio universale, tutte queste cose avranno luogo, così come sono descritte nel senso letterale, cioè che il sole e la luna si oscureranno e le stelle cadranno dal cielo, e che il segno del Signore apparirà nel cielo, ed egli stesso sarà visto sulle nubi, con gli angeli e con le trombe al seguito; inoltre è predetto in altri passi che l’intero universo sarà distrutto, e poi sorgerà un nuovo cielo e una nuova terra. Tale è la convinzione della maggior parte degli uomini nella chiesa, nel presente. Ma coloro che sono in questa fede ignorano i segreti che sono nascosti in ogni minimo dettaglio della Parola; in realtà in ogni singolo vocabolo della Parola vi è un significato interiore che concerne le cose spirituali e celesti anziché le cose naturali e mondane, così come appaiono nel senso letterale. E questo è vero non solo per il significato di gruppi di parole, ma per ciascuna parola. 3 Perché la Parola è scritta esclusivamente per corrispondenze 4 , affinché vi possa essere un significato interiore in ogni singolo particolare di essa. Quale sia questo significato lo si può vedere da tutto ciò che è stato scritto al riguardo in Arcana Coelestia [pubblicato nel 1749-1756]; e dalle citazioni attinte da quell’opera, nell’illustrazione del Cavallo Bianco [dell’Apocalisse, pubblicato nel 1758] cui si fa riferimento nell’Apocalisse.

È in conformità di quel significato spirituale, che deve essere inteso l’avvento del Signore dal cielo, sulle nuvole, di cui al passo sopra citato. Ivi il sole che si oscura significa il Signore quanto all’amore; 5 la “luna” si riferisce alla fede; 6 le stelle indicano la conoscenza del bene e della verità, o dell’amore e della fede; 7 il “segno del Figlio dell’uomo nel cielo” indica la manifestazione della Divina verità; le “tribù della terra” significano tutte le cose concernenti la verità ed il bene, o la fede e l’amore; 8 “l’avvento del Signore sulle nuvole del cielo, in gloria e potenza,” significa la sua presenza nella Parola e la sua rivelazione; 9 le “nuvole” significano il senso letterale della Parola, 10 e la “gloria” il senso interiore della Parola; 11 gli “angeli con gran suono di tromba” indicano il cielo quale sorgente della Divina verità. 12 Tutto questo chiarisce cosa deve intendersi con queste parole del Signore, vale a dire che alla fine della chiesa, quando non vi sarà più alcun amore, e quindi alcuna fede, il Signore svelerà il significato interiore della Parola e rivelerà i segreti del cielo. I segreti rivelati nelle seguenti pagine riguardano il cielo e l’inferno, nonché la vita dell’uomo dopo la morte. L’uomo della chiesa attualmente ha una scarsa conoscenza del cielo e dell’inferno, o della sua vita dopo la morte, sebbene questi argomenti siano contemplati e descritti nella Parola; ciò nondimeno molti di quelli nati in seno alla chiesa, negano queste cose, dicendo nel loro intimo, “Chi mai è venuto da quel mondo e ha confermato queste cose?” Per evitare che questo atteggiamento negazionista, invalso specialmente presso quelli pervasi dalla saggezza mondana, possa contaminare e traviare le persone semplici nel cuore e nella fede, mi è stato concesso di essere associato agli angeli e di parlare con loro, come tra uomo e uomo, e anche di vedere come sono i cieli e gli inferni, e questo da tredici anni, ormai; quindi, adesso posso descrivere ciò che ho visto è udito, nell’auspicio che l’ignoranza possa essere illuminata, e l’incredulità, dissipata. Le presenti rivelazioni sono estese ora perché questo deve intendersi per la venuta del Signore.

-----
Footnotes:

1. [I rinvii contenuti nelle note in questa edizione, se non altrimenti specificato, sono all'opera Arcana Coelestia di Emanuel Swedenborg, e sono stati inseriti dall'Autore]. La fine dei tempi è il periodo finale della chiesa ( Arcana Coelestia 4535, 10622).

2. Le profezie del Signore in Matteo 24, 25, in merito alla fine dei tempi ed alla sua venuta, alla fine della chiesa e al giudizio finale, sono spiegate nelle prefazioni ai capitoli da 26 a 40 della Genesi (nn. 3353-3356, 3486-3489, 3650-3655, 3751-3757, 3897-3901, 4056-4060, 4229-4231, 4332-4335, 4422-4424, 4635-4638, 4661-4664, 4807-4810, 4954-4959, 5063-5071).

3. Sia in generale, sia in ogni particolare della Parola vi è un significato interiore o spirituale (nn. 1143, 1984, 2135, 2333, 2395, 2495, 4442, 9048, 9063, 9086).

4. La Parola è scritta esclusivamente per corrispondenze, e per questa ragione ogni singola cosa in essa ha un significato spirituale (nn. 1404, 1408, 1409, 1540, 1619, 1659, 1709, 1783, 2900, 9086).

5. Nella Parola il sole significa il Signore, quanto all'amore, e di conseguenza l'amore per il Signore (nn. 1529, 1837, 2441, 2495, 4060, 4696, 7083, 10809).

6. Nella Parola la luna significa il Signore, quanto alla fede, di conseguenza la fede per il Signore (nn. 1529, 1530, 2495, 4060, 4696, 7083).

7. Nella Parola le stelle significano la conoscenza del bene e della verità (nn. 2495, 2849, 4697).

8. Le tribù significano tutte le verità e tutti i beni nel loro insieme, quindi tutte le cose della fede e dell'amore (nn. 3858, 3926, 4060, 6335).

9. La venuta del Signore significa la sua presenza nella Parola, e la rivelazione di essa (nn. 3900, 4060).

10. Nella Parola le nuvole significano la Parola nel senso letterale Arcana Coelestia 4060, 4391, 5922, 6343, 6752, 8106, 8781, 9430, 10551, 10574).

11. Nella Parola gloria significa la Divina verità come è nel cielo e nel significato interiore della Parola ( Arcana Coelestia 4809, 5922, 8267, 8427, 9429, 10574).

12. La tromba o il corno significano la Divina verità nel cielo, e rivelata dal cielo ( Arcana Coelestia 8158, 8823, 8915); e la “voce” ha un simile significato (nn. 6771, 9926).

-----

Go to section / 603  

← Previous    Next →

From Swedenborg's Works

Arcana Coelestia #4391

Go to section / 10837  

← Previous    Next →

4391. Et acquisitioni suae fecit tuguria': quod significet

similiter in communi, bono et 1 vero tunc, constat ex

significatione acquisitionis' quod sint bona et vera in communi;

et ex significatione facere tuguria' seu tentoria quod sit simile

cum aedificare domum,' nempe accipere incrementum boni a vero, cum

differentia quod aedificare domum sit minus commune, ita interius,

et facere tuguria' seu tentoria sit communius, ita exterius; illud

erat pro ipsis, nempe Jacobo, ejus feminis et natis, hoc pro

servitiis, gregibus et armentis; tuguria' seu tentoria in Verbo

proprie significant sanctum veri, et distinguuntur tabernaculis,

quae etiam tentoria vocantur, per id 2 quod haec significent

sanctum boni, n. 414, 1102, 2145, 2152, 4128; illa in lingua

originali appellantur succoth,' haec autem ohalim': sanctum veri

est bonum quod a vero.

(References: Arcana Coelestia 414, 1102, Arcana Coelestia 2145, 2152, Arcana Coelestia 4128)


[2] Quod significatio tuguriorum seu

tentoriorum quae vocantur succoth, illa sit, patet quoque ab his

locis in Verbo: apud Davidem,

Jehovah Deus equitavit super cherubo, et volavit, et

vectus super alis venti, posuit tenebras absconsionem Suam,

et circuitus Suos tentorium Suum, tenebrae aquarum, nubes

caelorum, Ps. xvi 11, 12 [A.V. 10, 11]:

et alibi,

Inclinavit caelos cum descendit, et densae tenebrae si

pedibus Ipsius: et equitavit super cherubo, et volavit, et

vectus super alis venti, et posuit tenebras circum Se

tentoria, ligatur aquarum, nubes caelorum, 2 Sam. xxii 10-

12;

ubi 3 de revelatione Divina seu Verbo; inclinare caelos cum

descendit' pro abscondere interiora Verbi; densae tenebrae sub

pedibus Ipsius' pro quod illa quae apparent homini', sint tenebrae

respective; sensus litteralis Verbi est talis; equitare super

cherubo' pro quod ita provisum; ponere tenebras circum Se

tentoria,' seu circuitus Suos tentorium Suum' pro sanctum veri in

abscondito, nempe intus in sensu litterali; ligaturae aquarum et

nubes caelorum' sunt 4 Verbum in littera; quod nubes caelorum'

sit Verbum in littera, videatur Praefatio ad cap. xviii Gen. et n.

4060:

(References: 2 Samuel 22:10-12; Arcana Coelestia 2135, Arcana Coelestia 4060; Psalms 18:11-12, Psalms 18:10-11)


[3] (m)simile significatur 5 per haec apud Esaiam,

Creabit Jehovah super omne habitaculum montis Zionis, et

super convocationes ejus, nubem interdiu, et fumum et splendorem

ignis flammae noctu, nam super omni gloria obtegumentum; et

tentorium erit in umbram interdiu, et in refugium et

absconsionem contra inundationem et pluviam, iv 5, 6;

nubes' quoque hic est sensus litteralis Verbi', et gloria'

sensus internus, ut quoque apud Matthaeum xxiv 30; Marcum xiii 26;

Lucam xxi 27; tentorium quoque 6 hic pro sancto veri. Quod

dicatur quod interiora vera sint in abscondito, est ob causam si

revelata fuissent, quod tunc illa profanavissent 7 , videatur n.

3308, 3399, (x)4289; quod etiam exponitur per haec verba apud

Davidem,

Occultas eos in abdito facierum Tuarum prae insidiosis

consiliis viri, abscondis eos in tentorio prae lite

linguarum, Ps. xxxi 21 [A.V. 20].

(References: Arcana Coelestia 3398-3399, Arcana Coelestia 4289; Isaiah 4:5-6; Luke 21:27; Mark 13:26; Matthew 24:30; Psalms 31:20, 31:21)


[4] Quod tentorium' sit sanctum veri, patet etiam apud Amos,

In die illo erigam tentorium Davidis lapsum, et

obsepiam rupturas, et destructa erigam, et aedificabo juxta

dies aeternitatis, ix 11;

erigere tentorium Davidis lapsum' pro sanctum veri restaurare

postquam periit; David' pro Domino respective ad Divinum Verum, n.

1888, rex' enim est Divinum Verum, n. 2015, 2069, 3009. Quia

tentorium' significabat sanctum veri, et habitare tentoria'

significabat cultum inde, ideo festum tentoriorum, quod vocatur

festum tabernaculorum, in Ecclesia Judaica et Israelitica,

institutum erat, Lev. xxiii 34, 42, 43; Deut. xvi 13, 16, ubi etiam

festum illud vocatur festum succoth seu tentoriorum.



-----
Footnotes:

1. asin the Manuscript and the First Latin Edition but cf 4388, l. 10

2. in eo

3. ibi

4. est

5. The Manuscript inserts etiam

6. The Manuscript deletes quoque, and inserts etiam

7. quod interiora vera abscondita fuerint, fuit ob causam ne prophanarentur

-----

(References: Amos 9:11; Arcana Coelestia 1888, 2015, 2069, Arcana Coelestia 3009; Deuteronomy 16:13, 16:16; Genesis 33:17; Leviticus 23:42-43, 23:34; Psalms 18:10-11, Psalms 31:20)

Go to section / 10837  

← Previous    Next →


Translate:
Share: