Commento

 

Libertà di parola. Libero pensiero. Libera religione.

        |

Da New Christian Bible Study Staff (machine translated into Italiano)

Sunrise over a field of grain.

Daniele 6:7-23Luca 19:37-40La Vera Religione Cristiana 814Divina Provvidenza 144Divina Provvidenza 38Cielo e Inferno 598Atti 9Daniele 3Isaia 1:16)

Dalle opere di Swedenborg

 

Divina Provvidenza #38

Studia questo passo

        
/ 340  
  

38. Nessun uomo immerso nei piaceri che derivano dalle cupidità del male può sapere alcunché dei piaceri delle affezioni del bene in cui si trova il cielo angelico, poiché questi due generi di piaceri sono assolutamente opposti fra loro interiormente, e quindi nel loro aspetto esteriore. Tuttavia, in superficie essi differiscono poco, infatti ogni amore ha i suoi piaceri, anche l’amore del male in coloro che sono nelle corrispondenti cupidità, come l’amore di commettere adulterio, di vendicarsi, di defraudare, di rubare, di abbandonarsi alla crudeltà; ed ancora, nei più malvagi, di bestemmiare le cose sante della chiesa, e di spandere veleno contro Dio. La sorgente di questi piaceri è l’amore di dominare in virtù dell’amore di sé. Questi piaceri derivano dalle cupidità che ossessionano gli accessi più profondi della mente, da cui scorrono nel corpo stimolando cose impure che eccitano le nostre fibre. Quindi, dal piacere della mente, secondo le cupidità, nasce il piacere del corpo. In cosa consistano e quali siano le cose impure che eccitano le nostre fibre, è concesso ad ognuno di saperlo dopo la morte, nel mondo spirituale: si tratta, in generale, di cose simili a cadaveri, escrementi, sterco, cose puzzolenti e fetide, poiché i loro inferni traboccano di tali immondizie, che sono corrispondenze (si veda in Divino Amore e Divina Sapienza, dal n. 422-424). Tuttavia, dopo che l’uomo entra nell’inferno, questi turpi piaceri si trasformano in crudeli tormenti. Abbiamo detto queste cose affinché si possa comprendere in cosa consiste e qual’è la felicità del cielo, di cui ora tratteremo, poiché ogni cosa si conosce dal suo opposto.

  
/ 340  
  

Many thanks to Fondazione Swedenborg for making this translating publicly available.