La Bibbia

 

Matteo 27:50-54 : The veil was torn

Studio

50 E Gesù, avendo di nuovo gridato con gran voce, rendé lo spirito.

51 Ed ecco, la cortina del tempio si squarciò in due, da cima a fondo, e la terra tremò, e le rocce si schiantarono,

52 e le tombe s’aprirono, e molti corpi de’ santi che dormivano, risuscitarono;

53 ed usciti dai sepolcri dopo la risurrezione di lui, entrarono nella santa città, ed apparvero a molti.

54 E il centurione e quelli che con lui facean la guardia a Gesù, visto il terremoto e le cose avvenute, temettero grandemente, dicendo: Veramente, costui era Figliuol di Dio.

Commento

 

Il velo è stato strappato in due

Da New Christian Bible Study Staff (tradotto automaticamente in Italiano)

Photo by Rezha-fahlevi from Pexels

Quando Gesù morì sulla croce, ci fu un terremoto. Le rocce si spaccarono. Il centurione e i suoi soldati che avevano eseguito gli ordini di crocifissione ebbero paura.

Nel cuore del tempio, nel "santo dei santi", nel cuore stesso di Gerusalemme, il sacro velo si strappò, da cima a fondo.

Il velo, "spezzato in due"...

I veli nel tabernacolo e più tardi nel tempio erano importanti. Sono descritti in grande dettaglio nell'Esodo e in 1 Re. In Arcana Coelestia 2576, dice che, "Le verità razionali sono una specie di velo o di abito per le verità spirituali.... Il velo rappresentava le apparenze più vicine e più intime del bene e della verità razionale....

E ora, mentre Gesù muore sulla croce, il velo si strappa. Cosa significa questo?

Ecco come Swedenborg descrive il simbolismo di questo:

"...che una volta dissipate tutte le apparenze, il Signore entrò nel Divino stesso, e allo stesso tempo aprì un mezzo di accesso al Divino stesso attraverso il Suo Umano che era stato reso Divino." (Arcana Coelestia 2576)

Pensa a quattro eventi spirituali spartiacque:

1) La creazione dell'universo fisico. (La migliore ipotesi attuale: 13,8 miliardi di anni fa). Genesi 1:1-10

2) L'inizio della vita. (Sulla terra, tra 3,5 e 4,5 miliardi di anni fa). Genesi 1:11-25

3) L'inizio degli esseri umani spiritualmente coscienti. (Supposizione ragionevole: 100.000 anni fa). Genesi 1:26-31

4) L'incarnazione e la resurrezione del Signore Dio Gesù Cristo (2000 anni fa).

L'amore e la saggezza di Dio fluiscono nell'universo da molto tempo. Dove ci si potrebbe aspettare l'entropia, invece vediamo un universo che sembra favorire la vita e l'intelligenza. Pensa che momento appagante deve essere stato quando Dio ha potuto dire che le menti umane ora rispondevano a Lui, dopo tutta quella effusione.

Ma la libera capacità di risposta è una tragedia, perché possiamo anche scegliere di non rispondere e di andare nella direzione opposta.

Man mano che noi umani diventavamo più "sofisticati", Dio usava nuovi canali per raggiungerci, in particolare profeti e guide spirituali, e più tardi la parola scritta. E in questi canali, fin dai primi tempi, ci sono già profezie che il Signore un giorno sarebbe venuto nel mondo in forma umana.

Perché aveva bisogno di farlo? Deve aver previsto che le persone avrebbero avuto bisogno di avere quel livello umano di connessione, affinché esistesse abbastanza bene e verità per prendere le decisioni che ci aprono alla salvezza.

Torniamo alla descrizione di Swedenborg:

"... una volta dissipate tutte le apparenze, il Signore entrò nel Divino stesso..."

Durante tutta la vita del Signore sulla terra, c'era l'apparenza che fosse un uomo, come noi. Aveva un corpo umano. Poteva essere stanco e affamato. Poteva essere tentato (anche se, a differenza di noi, vinceva sempre). Nella sua vita spirituale, c'erano momenti in cui sentiva acutamente l'aspetto del suo umano separato dalla sua essenza divina. Altre volte, quell'apparenza si assottigliava ed egli sentiva la sua divinità con più forza. Mentre cresceva, e veniva battezzato, e iniziava il suo ministero, doveva essere sempre più consapevole di ciò che stava accadendo dentro di lui - la glorificazione della parte umana di lui. Con la morte del suo corpo sulla croce, l'umanità corporea non era più di intralcio. Quell'apparenza fu dissipata. Una nuova connessione fu pienamente forgiata tra il Divino e l'umano.

E poi, c'è la seconda parte dell'affermazione di Swedenborg:

"allo stesso tempo Egli aprì un mezzo di accesso al Divino stesso attraverso il Suo Umano che era stato reso Divino".

Il velo fu strappato. La vecchia religione, che aveva posto il rituale al di sopra del bene reale, e dove Dio era invisibile, separato dalla conoscenza umana da un velo - fu strappata. Una nuova luce poteva raggiungere le persone, attraverso i nuovi insegnamenti del Signore. Potevamo rispondere a un Dio che, nel Suo Umano Divino, ora potevamo capire, avvicinarci e amare più profondamente.

La Bibbia

 

Genesi 1:1-10

Studio

  

1 Nel principio Iddio creò i cieli e la terra.

2 E la terra era informe e vuota, e le tenebre coprivano la faccia dell’abisso, e lo spirito di Dio aleggiava sulla superficie delle acque. E Dio disse:

3 "Sia la luce!" E la luce fu.

4 E Dio vide che la luce era buona; e Dio separò la luce dalle tenebre.

5 E Dio chiamò la luce "giorno", e le tenebre "notte". Così fu sera, poi fu mattina: e fu il primo giorno.

6 Poi Dio disse: "Ci sia una distesa tra le acque, che separi le acque dalle acque".

7 E Dio fece la distesa e separò le acque ch’erano sotto la distesa, dalle acque ch’erano sopra la distesa. E così fu.

8 E Dio chiamò la distesa "cielo". Così fu sera, poi fu mattina: e fu il secondo giorno.

9 Poi Dio disse: "Le acque che son sotto il cielo siano raccolte in un unico luogo, e apparisca l’asciutto". E così fu.

10 E Dio chiamò l’asciutto "terra", e chiamò la raccolta delle acque "mari". E Dio vide che questo era buono.