La porta dell'anno

      Da Rev. Emily Jane Lemole (machine translated into italiano)

La porta dell'anno
Un sermone della Rev. Emily Jane Lemole

Letture:
Isaia 26:1-4, 42:5-8
Matteo 7:7-14
Apocalisse 22:14
I segreti del cielo 2851

---
E dissi all'uomo che si trovava alle porte dell'anno: "Datemi una luce che mi permetta di camminare con sicurezza verso l'ignoto".

Ed egli rispose: "Esci nelle tenebre e metti la mano nella Mano di Dio". Questo sarà per voi meglio della luce e più sicuro di un modo noto".

Così andai avanti e, trovando la Mano di Dio, calpestai volentieri la notte. E mi ha condotto verso le colline e la rottura del giorno nell'est solitario.

di Minnie Louise Haskins
---

Ci troviamo alla Porta dell'Anno, una soglia verso l'ignoto per molti versi. "Datemi una luce che mi permetta di camminare con sicurezza verso l'ignoto".

Leggiamo molti passaggi della Parola e degli Scritti sui cancelli. I cancelli forniscono un collegamento tra ciò che è dentro e ciò che è fuori. Suggeriscono una scelta - se aprirla o chiuderla - se entrare o rimanere fuori.

Un cancello chiuso ci fa esitare e ci fa fermare. In questo detto sufi i cancelli offrono riflessione e riflessione su ciò che diciamo:

Prima di parlare, lasciate passare le vostre parole attraverso tre porte.
Al primo cancello, chiedetevi: "è vero?".
Alla seconda domanda, "è necessario?".
Al terzo cancello chiedi "è gentile?

Come iniziare questo nuovo anno? Ci sono le solite risoluzioni - perdere peso, essere più sani, essere più organizzati e passare più tempo con i propri cari. Ma ci sono risoluzioni o intenzioni più profonde che chiedono a gran voce un nuovo inizio, un nuovo inizio. Numero 1 - mettere Dio al centro della nostra vita - vedere il Signore Gesù Cristo come inizio, metà e fine della nostra giornata. Una buona abitudine è quella di pregare - un'elevazione della nostra prospettiva - delle nostre priorità - più volte al giorno. Anche l'azione fisica di alzare lo sguardo e fare una pausa può spostare un umore irritato e risentito in un momento di correzione - un'inversione di rotta di gran parte di ciò che ci preoccupa.

Sub specie aeternitatis è un grande promemoria. Sotto gli auspici dell'eternità - cosa importa? Non è la maggior parte di ciò che ci preoccupa e ci sconvolge. Nella visione a lungo termine, con Dio al centro, ciò che conta davvero diventa evidente e ciò che non diminuisce.

Allora, come mettiamo la mano nella mano di Dio? Come aprire le porte della nostra mente e del nostro cuore a tutto ciò che è buono e vero, saggio, gentile e pacifico? Come si chiude la porta all'egoismo, alla scortesia, al risentimento, all'ingratitudine e alla violenza?

Da quello che facciamo ogni giorno.

"Il modo in cui facciamo tutto è il modo in cui facciamo tutto", dice p. Richard Rohr, il sacerdote francescano.

A cosa prestiamo attenzione e a cosa dedichiamo il nostro tempo? Cosa amiamo?

Un Capodanno sembra un buon momento per fare un inventario, una riflessione sull'anno scorso, non tanto su ciò che abbiamo realizzato, quanto su chi stiamo diventando. Cosa ci interessa di più? Quali sono le nostre priorità? O, come chiederebbe Swedenborg, Cosa amiamo? Perché siamo ciò che amiamo!

Impariamo che ci sono due porte che sono in ognuno di noi. La Porta del Cielo, circondata dagli angeli, conduce a ciò che è buono e ciò che è vero.

E la Porta dell'Inferno, circondata da spiriti maligni, conduce a ciò che è malvagio e falso.

Questi cancelli sono dentro di noi. Noi possiamo scegliere, e cosa determina la nostra scelta? Quello che amiamo!

Ogni anno, ogni settimana, ogni giorno, ogni momento abbiamo la libertà di scegliere chi siamo, cosa ci fa piacere, come passiamo il nostro tempo prezioso - cosa amiamo e come amiamo.

E ricordiamoci che se non ci piace onestamente ciò che vediamo nel nostro inventario, possiamo pentirci! Girati! Cambia la nostra direzione! Cambiamo idea! Cambia i nostri amori!

Swedenborg descrive ciò che non possiamo vedere - i nostri compagni spirituali - l'azienda che teniamo e di cui siamo per lo più inconsapevoli. Come gli ospiti, vengono su invito.

Siamo circondati da ospiti spirituali, invitati dai nostri stati d'animo e dal nostro cuore: Attraverso le Porte celesti vengono gli angeli e gli spiriti buoni; dalle Porte infernali vengono gli spiriti malvagi o cattivi. Il mio insegnante di latino del liceo si riferiva a questi come "Basement Boys".

Oggi è fuori moda parlare di male, di colpa, di pentimento o di inferno. Questi termini sono diventati obsoleti, scomodi e non vogliamo che ci vengano ricordati. Ma da tutto ciò che insegna Swedenborg, queste sono realtà spirituali.

Il male è molto vivo e vegeto nel nostro mondo (se si leggono i giornali e si guarda la TV) e in ognuno di noi, riconosciuto con una certa introspezione! Quando diventiamo onestamente consapevoli delle nostre intenzioni e delle nostre emozioni, lo sappiamo!

Il male, con il suo gemello, la falsità, è tutto ciò che è contro Dio, che è egoista, disonesto, avido, avido, meschino e crudele. Ma il male può anche apparire con un volto ingannevole - possiamo giustificare i nostri risentimenti, la nostra ingratitudine, la nostra posizione spietata. Peccare significa mancare il segno, il segno è Dio. Tutto ciò che ci allontana da Dio ci fa perdere quel segno!

Il senso di colpa - un'emozione molto necessaria che ci fa venire voglia di pentirci - non per sguazzare, ma per portarci al pentimento - per convincerci a cambiare rotta!

E gli spiriti maligni - questi sono i veri compagni spirituali che ci dicono che stanno lottando per la nostra attenzione e, alla fine, per la nostra vita spirituale. Siamo in bilico. Siamo tra due porte.

Un antico proverbio buddista insegna: A tutti viene data la chiave delle Porte del Paradiso; la stessa chiave apre le Porte dell'Inferno". La chiave è ciò che amiamo.

Ogni decisione che prendiamo alimenta il nostro proprium (la nostra volontà non rigenerata) o alimenta i nostri "resti" - quel tesoro inviolato, un deposito di tutte le cose buone e vere che abbiamo vissuto da prima della nascita. I resti sono il nostro diritto di nascita, e ne attingiamo e li aggiungiamo per sempre con pensieri veri e buone azioni.

Dal momento che l'obiettivo numero uno della maggior parte delle risoluzioni di Capodanno è quello di perdere peso (e non sono contrario, se necessario) cerchiamo di utilizzare questo concetto per una perdita di peso spirituale - perdere il peso dell'emozione negativa, le cattive abitudini di critica, reclamo, pettegolezzi, irritazione, fastidio, essere facilmente offeso, rabbia - la lista che conosciamo va avanti all'infinito. La dieta per questa perdita di peso è fatta di buoni pensieri, comportamento onesto, intenzioni sincere. Spegnere le cattive notizie, accendere le buone notizie. Sostenere un ottimismo pieno di speranza che incoraggia gli altri; atti gentili che non cercano il ritorno.

Pensate a queste cose, scrive Paolo nella sua lettera ai Filippesi.

"Qualunque cosa sia vera, qualunque cosa sia nobile, qualunque cosa sia giusta, qualunque cosa sia pura, qualunque cosa sia pura, qualunque cosa sia bella, qualunque cosa sia di buon rapporto, se c'è qualche virtù e se c'è qualcosa di lodevole meditare su queste cose". Filippesi 4:8.

E l'esercizio necessario per questa trasformazione della salute dell'anima è la pratica spirituale - l'esercizio che porta l'astratto nel reale, il fare di ciò che diciamo di credere. Forse quest'anno possiamo abbracciare un esercizio spirituale:

- Meditazione
- Preghiera
- Lectio Devina - lettura lenta e propositiva della Scrittura e di altri Libri Sacri.

Una mia cara amica ha l'abitudine di pensare a quali tipi di spiriti la stanno influenzando, e poi chiedere al Signore di mandare via gli influssi dannosi, quando ci sono. Inoltre, ha sviluppato la pratica di ringraziare il Signore per tutte le cose buone che accadono.

Possiamo aprire le Porte del Paradiso. Gli angeli possono affrettarsi ad entrare in qualsiasi momento che facciamo sì che le porte si aprano amando ciò che è buono, ciò che è vero, il Signore e gli uni gli altri. Queste scelte aprono quei cancelli.

Abbiamo tutti bisogno di promemoria che ci aiutino a fare le scelte giuste. Ci dimentichiamo così rapidamente e siamo distratti dal rumore forte dei nostri tempi. Siamo collegati alla televisione, alla radio, ai nostri computer, ai telefoni e agli i-pad - una cultura secolare che è immersa in ciò che è naturale, non spirituale. Ma non è naturale per noi allontanarci e volgerci verso Dio e le porte celesti. È innaturale. È spirituale. Ecco alcuni promemoria che ho trovato utili.

IMPOSTA UN TEMPO PER UN APPUNTAMENTO CON IL SIGNORE: Ogni mattina e prima di andare a dormire sono due orari comunemente usati per riservare al Signore. Quando vi sentite arrabbiati, alzate i vostri pensieri e la vostra visione verso l'alto e chiedete l'aiuto degli angeli al cancello. Provate una frase imparata da un amico di nostra figlia: Benedite e liberate! Lavorare per vedere Dio in tutti e in tutte le cose.

Lasciate passare gli stati brutti - benedite i vostri nemici, ricordando che coloro che non sono d'accordo o non ci piacciono sono probabilmente i nostri migliori maestri spirituali. Possiamo vedere la nostra risposta a loro, di solito una risposta che rispecchia il comportamento che ci irrita. Amate i nostri nemici, ci viene detto, così come il nostro prossimo.

Dobbiamo stare attenti ai nostri pensieri.

Dagli Antichi Veda:

"Guarda i tuoi pensieri, diventano parole.
Attento alle tue parole, diventano azioni.
Guarda le tue azioni, diventano abitudini.
Guarda le tue abitudini, diventano carattere.
Guarda il tuo personaggio, diventa il tuo destino".

La cosa più importante è individuare ciò che amiamo, perché questo determinerà quale cancello ci circonda e, più tardi, vi entrerà.

Quanto è di buon auspicio avere la Santa Comunione all'inizio dell'anno nuovo. Quale modo migliore per iniziare, cercando prima il regno dei cieli - mettendo in primo piano ciò che conta di più?

Questa è una bella preghiera di suor Joyce Rupp:

SACRO MISTERO,
In attesa sulla soglia
di questo nuovo anno,
si aprono i cancelli
E mi chiami:

(Tu dici) "Vieni! Venite!
Non diffidate di ciò che vi aspetta
mentre si entra in un terreno sconosciuto,
non dubitare delle tue capacità
per crescere dalle sue gioie e dai suoi dolori.

Perché io sono con te,
Sarò la vostra Guida.
Sarò il vostro Protettore
Non sarai mai solo".

Custode di questo nuovo anno,
Ho messo da parte le mie paure, le mie preoccupazioni, le mie preoccupazioni,
Apro la mia vita al mistero, alla bellezza,
all'ospitalità alle domande,
all'infinita opportunità
di scoprirvi nelle mie relazioni,
e a tutti i ciuffi silenziosi di meraviglia
che mi attirerà al tuo cuore.

Accolgo con favore la vostra immancabile Presenza
E camminare con speranza in questo nuovo anno.

---

"Esci nell'oscurità e metti la mano nella mano di Dio".

E' davvero importante come ci troviamo alla Porta del Nuovo Anno la cui mano prenderemo - la cui ispirazione seguiremo e la cui influenza potrà determinare chi stiamo diventando.

Da Salmo 118:19-20:
"Apritemi le porte della giustizia;
Li esaminerò,
E io loderò il Signore.
Questa è la porta del Signore,
Con la quale i giusti entreranno".

Amen!


Traduci: