Un riscatto per molti - Cosa può significare?

      Da New Christian Bible Study Staff (machine translated into Italiano)

Un riscatto per molti - Cosa può significare?

Quasi 2000 anni fa, Gesù di Nazareth - Gesù Cristo - fu crocifisso. Morì. Dolorosamente. E poi, il secondo giorno dopo, è risorto dai morti. Il suo corpo fisico non c'era più - o, piuttosto, alla luce degli eventi successivi, sembra essere stato trasformato in uno spirituale. (Questa è una cosa interessante su cui riflettere, di per sé, ma non è l'obiettivo di questo articolo).

Invece, qui vogliamo concentrarci su alcune delle cose che sono dette nella Bibbia sul perché Gesù è morto. C'è una confusione di quasi 2000 anni al riguardo. Scaviamo dentro...

In Marco 10:42-45 (e in Matteo 20:25-28), troviamo questa nota lezione, che avviene alla fine del ministero di Gesù. Giacomo e Giovanni - ancora non comprendendo bene la profondità di ciò che stava accadendo, stavano facendo pressione su Gesù per avere la promessa di sedere alla sua sinistra e alla sua destra quando sarebbe stato "re". Gli altri discepoli erano dispiaciuti, naturalmente. Gesù sa cosa sta succedendo, così li riunisce tutti e cerca di spiegare la vera natura della sua missione, e quale dovrebbe essere anche la loro missione.

Ecco il testo:

"Ma Gesù li chiamò a sé e disse loro: "Voi sapete che quelli che sono ritenuti a capo dei Gentili esercitano su di loro la signoria; e i loro grandi esercitano su di loro l'autorità. Ma così non sarà tra voi; ma chiunque sarà grande tra voi, sarà vostro ministro: e chiunque di voi sarà il più grande, sarà il servo di tutti. Perché anche il Figlio dell'uomo non è venuto per essere servito, ma per servire e per dare la sua vita in riscatto per molti".

Un riscatto. La parola greca usata qui è λύτρον, o lutron, che significa il prezzo per riscattare o riscattare, da λύω, luo, per sciogliere, slegare o liberare.

Alcuni teologi hanno preso questo testo e l'hanno combinato con il testo della storia della crocifissione, quando Gesù dice tre cose che mostrano la sua angoscia e il suo sentimento di separazione dalla sua essenza divina - "Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?", e "Tuttavia, non la mia volontà, ma la tua sia fatta", e "Padre, perdona loro, perché non sanno quello che fanno".

Può certamente essere interpretato come una sorta di sacrificio, in cui Gesù agisce come una sorta di capro espiatorio, sostituendo la sua morte alla razza umana che aveva deluso suo Padre. Alcuni teologi lo hanno fatto. Anselmo di Canterbury, intorno al 1000 d.C., era uno dei leader di una fazione che faceva questo ragionamento. Ma noi non pensiamo che quella sia la strada giusta; in effetti, pensiamo che sia una strada sbagliata che è stata piuttosto dannosa.

Nella teologia neo-cristiana, non ha senso che Dio fosse arrabbiato. Lui è l'amore stesso. È deluso quando non ricambiamo il suo amore? Certo, ma arrabbiato? No. C'è certamente l'apparenza di questo, specialmente nell'Antico Testamento a volte, ma la natura centrale di Dio è l'amore.

Inoltre, dovrebbe essere ancora più chiaro che la morte del corpo fisico di Gesù non farebbe sentire meglio Dio Padre. Ricordate, sono davvero UNA persona, di una sola mente - non due.

Invece, l'intero ciclo dell'incarnazione, del ministero, della morte e della resurrezione di Dio fu intrapreso affinché nuove verità potessero raggiungere l'umanità.

In Arcana Coelestia 1419,

"Il Signore, essendo l'amore stesso, o l'essenza e la vita dell'amore di tutti nei cieli, vuole dare al genere umano tutte le cose che sono sue; il che è significato dal suo dire che il Figlio dell'uomo è venuto a dare la sua vita in riscatto per molti".

In Apocalisse spiegata 328:15, troviamo questa spiegazione:

"La frase 'riscattare' significa liberare le persone dalle falsità e riformarle per mezzo delle verità. Questo è significato dalle parole: 'Riscattami, o Geova, Dio della verità'" (Salmi 31:5)

Una delle ragioni per cui Gesù morì fu di vincere il potere dell'inferno. Gesù ha combattuto contro gli spiriti maligni per tutta la sua vita. La descrizione più chiara di questo è subito dopo il suo battesimo, quando trascorre 40 giorni nel deserto. La sua sofferenza sulla croce fu la lotta finale contro il male, e la sua resurrezione fu la sua vittoria finale su di esso.

Per ogni persona, superare il male comporta una tentazione o una lotta contro il male. Come noi lottiamo contro il male individualmente, Cristo ha lottato contro il male su scala cosmica. La sua morte fu la conclusione di quella lotta, ma non fu una perdita; fu una vittoria. La Bibbia dice che Dio ha assunto carne e sangue affinché "attraverso la morte potesse distruggere colui che aveva il potere della morte, cioè il diavolo". (Ebrei 2:14,15)

Un'altra ragione che la Bibbia dà per la morte di Gesù era che Egli potesse unire la sua natura umana con la sua natura divina, in modo da poter "fare in se stesso, di due, un uomo nuovo", (Efesini 2:14-16, cfr. Giovanni 17:11, 21; 10:30).

Ci sono anche altre ragioni menzionate:

Egli poteva "andare al Padre" (Giovanni 13:3; 14:2, 28; 16:10).
Potrebbe essere "glorificato" (Giovanni 17:1,5) o "entrare nella sua gloria" (Luca 24:26).
Potrebbe essere "perfezionato" (Luca 13:32), o "santificato" (Giovanni 17:19).

In Swedenborg La Vera Religione Cristiana 86, dice,

"Geova Dio è venuto nel mondo come verità divina allo scopo di redimere le persone. La redenzione consisteva nell'ottenere il controllo degli inferi, ristrutturare i cieli e poi stabilire una chiesa".

Alla crocifissione, le forze del male pensavano di aver vinto. I poteri religiosi e civili dell'epoca si fecero strada nel condannarlo. Fu deriso. La folla si rivoltò contro di lui.

La morte del corpo fisico di Gesù fu un "riscatto" in questo modo: subendo quella tortura e quella morte, Egli poté poi mostrare che il suo potere spirituale trascendeva la morte naturale. Ci liberò, ci sciolse, dal dominio degli inferi, e stabilì una nuova chiesa - una nuova via che possiamo seguire.


Traduci: