La Bibbia

 

Luke 19:29-44 : L'ingresso trionfale di Gesù a Gerusalemme (Vangelo di Luca)

Studia il significato interno

        

29 And it came to pass, when he was come nigh to Bethphage and Bethany, at the mount called the mount of Olives, he sent two of his disciples,

30 Saying, Go ye into the village over against you; in the which at your entering ye shall find a colt tied, whereon yet never man sat: loose him, and bring him hither.

31 And if any man ask you, Why do ye loose him? thus shall ye say unto him, Because the Lord hath need of him.

32 And they that were sent went their way, and found even as he had said unto them.

33 And as they were loosing the colt, the owners thereof said unto them, Why loose ye the colt?

34 And they said, The Lord hath need of him.

35 And they brought him to Jesus: and they cast their garments upon the colt, and they set Jesus thereon.

36 And as he went, they spread their clothes in the way.

37 And when he was come nigh, even now at the descent of the mount of Olives, the whole multitude of the disciples began to rejoice and praise God with a loud voice for all the mighty works that they had seen;

38 Saying, Blessed be the King that cometh in the name of the Lord: peace in heaven, and glory in the highest.

39 And some of the Pharisees from among the multitude said unto him, Master, rebuke thy disciples.

40 And he answered and said unto them, I tell you that, if these should hold their peace, the stones would immediately cry out.

41 And when he was come near, he beheld the city, and wept over it,

42 Saying, If thou hadst known, even thou, at least in this thy day, the things which belong unto thy peace! but now they are hid from thine eyes.

43 For the days shall come upon thee, that thine enemies shall cast a trench about thee, and compass thee round, and keep thee in on every side,

44 And shall lay thee even with the ground, and thy children within thee; and they shall not leave in thee one stone upon another; because thou knewest not the time of thy visitation.

   Studia il significato interno

Explanation of Luke 19      

Da Rev. John Clowes M.A.

Verses 1-10. That the Gentiles, who are out of the Church, are accepted of the Lord, and have conjunction with Him in charity and the good of life.

Verses 3-4. Because, notwithstanding their deficiency in the knowledges of truth from the Word, they are desirous to know the truth, and by that desire are elevated into the truths and goods of the external Church.

Verses 5-6. And are thus acknowledged by the Lord, and declared to be the members of His Church and kingdom, which declaration they receive with joy.

Verse 7. Still it appears contrary to order, that the Divine Truth should be imparted to those who are in disorder of life.

Verses 8-9. Until it is seen, that the Gentiles, who are out of the Church, are principled in charity, and that by charity they are capable of being saved, and thus of being received within the Church.

Verse 10. Since the Lord operates charity, faith, freewill, repentance and regeneration with every one, inasmuch as He wills the salvation of all.

Verses 11-13. For the Lord is willing to communicate to all the knowledges of truth and good from the Word, with the faculty of perceiving them.

Verse 14. And this, notwithstanding the force of hereditary and actual evil on the part of man, which is opposed to the Divine Love and Wisdom.

Verse 15. Every one therefore, sooner or later, must give an account of his application of those knowledges.

Verses 16-21. On which occasion it becomes manifest, that some procure, to themselves much intelligence and wisdom, and others procure some, and others none.

Verses 20-27. And that they who procure none are deprived of the truths which they possessed in the memory only, and not in the life.

Verse 21. Since they think harshly of the Divine mercy, and accuse it of expecting more from man than he has the ability to perform.

Verses 22-23. Whereas this their idea of the Divine mercy ought to have led them to exert themselves the more in procuring charity and the good of life.

Verses 24-26. And inasmuch as they have not made the use of the knowledges which they possessed, therefore those knowledges are taken away from them, since it is an eternal law, that they who are in the good of charity shall sooner or later be enriched with truths, whereas they who are in falsities derived from evil in the other life are deprived of all truths.

Verse 27. At the same time they are deprived of all spiritual life.

Verses 28-30. That the Lord from His Divine love, and by His Divine truth, explores the principles of the natural man as to truth, requiring them to be separated from all that is evil and false, and to receive influx of life from Himself.

Verse 31. And if the persuasions of the natural man oppose, they are to be overcome by teaching the necessity of such an influx to restore order.

Verses 32-34. Which necessity is accordingly taught, and is acknowledged by the natural man.

Verses 35-36. So that truths in every complex are submitted to the Lord.

Verses 37-38. And all, who are principled in what is good and true, exalt the Divine Human principle of the Lord, and His Divine operation, as the source of every blessing.

Verses 39-40. Which doctrine is taught, not only in the spiritual and internal sense of the Word, but also in its natural and literal sense.

Verses 41-42. The rejection therefore of this doctrine by the Jewish nation excites the tenderness of the Lord's love, that, if possible, they might receive it, but reception is now become impossible.

Verses 43-44. Inasmuch as through rejection of the Lord at his advent, they were immersed in evils and falsities of every kind, so that the representatives of a Church no longer existed amongst them.

Verses 45-46. For they made gain of holy things, and thus defiled all worship by perversion of what is holy.

Verses 47-48. And when the Lord would have instructed them in the things concerning himself and his kingdom, they opposed all his love and wisdom, yet not without caution, since there were still some remains of the affection of truth in the lower principles.

Dalle opere di Swedenborg

Spiegazioni o riferimenti:

Arcana Coelestia 2242, 2701, 2781, 5291, 5323, 5480, 6588, ...

Apocalypse Revealed 81, 166, 336, 493, 618, 809, 839, ...

A Brief Exposition of New Church Doctrine 100

Doctrine of the Lord 64

True Christian Religion 782


Riferimenti da opere inedite di Swedenborg:

Apocalypse Explained 31, 102, 195, 340, 365, 405, 638, ...

Scriptural Confirmations 2, 13

Altro commento neo cristiano

  Le storie e i loro significati:



Salta a versi biblici simili

Deuteronomy 28:52, 32:29

2 Samuel 15:30

2 Kings 8:11, 9:13

Psalms 148:1

Isaiah 6:9, 11, 29:3, 59:8, 65:12

Jeremiah 6:6, 13:17, 14:17

Lamentations 3:48, 49

Ezekiel 4:2

Daniel 9:26

Micah 3:12

Habakkuk 2:11

Zechariah 9:9

Significati del termine biblico

came to pass
The phrase “it came to pass,” often also translated as “it happened,” generally indicates the end of one spiritual state and the beginning of a...

bethany
Bethany was a village on the Mount of Olives about two miles from Jerusalem, near its sister village Bethphage. It plays a small but significant...

olives
'Olives' signify good.

disciples
When we read the Gospels and see Jesus addressing the disciples, we assume His words are meant for us as well. And indeed they are!...

go
In the physical world, the places we inhabit and the distances between them are physical realities, and we have to get our physical bodies through...

over
'Upon' or 'over' signifies being within.

sat
If you think about sitting, it seems fair to say that where you're sitting is more important than that you're sitting. Sitting in a movie...

say
As with many common verbs, the meaning of “to say” in the Bible is highly dependent on context. Who is speaking? Who is hearing? What...

way
These days we tend to think of "roads" as smooth swaths of pavement, and judge them by how fast we can drive cars on them....

said
As with many common verbs, the meaning of “to say” in the Bible is highly dependent on context. Who is speaking? Who is hearing? What...

garments
Soft raiment,' as in Matthew 11:9, represents the internal sense of the Word.

upon
'Over' or 'upon' in the Word, signifies being within, because the highest part in successive order becomes inmost in simultaneous order. This is why the...

rejoice
Feelings of joy and rejoicing flow from our affections, not from our thoughts. Some people might argue that that's not true, that you can rejoice...

Loud
In Revelation 5:2, 'a loud' or 'great voice' signifies divine truth from the Lord, in its power or virtue.

mighty
'Might' denotes the forces or power of truth.

seen
The symbolic meaning of "seeing" is "understanding," which is obvious enough that it has become part of common language (think about it; you might see...

peace
In ordinary life, we tend to think of "peace" as essentially "a lack of conflict." As a nation, if we're not at war, it's a...

heaven
"Air" in the Bible represents thought, but in a very general way – more like our capacity to perceive ideas and the way we tend...

glory
Blessing, and glory, and wisdom, and thanksgiving (Rev. 7.) signify divine spiritual things of the Lord.

highest
'Highest' denotes the 'inmost,' because interior things, with person who is in space, appear as higher things, and exterior things as lower. But when the...

pharisees
The Pharisees were a sect of the Jewish church at the time of the New Testament. The name comes from a root that means "separate",...

multitude
A company, congregation, and a multitude, in the Word, are predicated of truths.

answered
To "answer" generally indicates a state of spiritual receptivity. Ultimately this means being receptive to the Lord, who is constantly trying to pour true ideas...

tell
'To tell' signifies perceiving, because in the spiritual world, or in heaven, they do not need to tell what they think because they communicate every...

city
Cities of the mountain and cities of the plain (Jeremiah 33:13) signify doctrines of charity and faith.

side
'Side' signifies good or spiritual love.

visitation
The end time of the church and each individual, is called 'the visitation,' and precedes judgment. 'Visitation' is nothing but an exploration of the quality...

Risorse per genitori e insegnanti

Gli articoli qui elencati sono forniti per gentile concessione dei nostri amici della Chiesa generale della Nuova Gerusalemme. Puoi cercare/visualizzare tutta la loro biblioteca sul sito Il sito web di New Church Vineyard.


 Christ the King
As you celebrate Easter this year, you can remember the Lord’s suffering, but more importantly, we can rejoice in the success of the Lord’s mission while He lived on earth. He brought the heavens into order and conquered the hells. He provided for people’s freedom to choose a life of heaven, and He showed how He is indeed our Heavenly King. Sample from the Jacob’s Ladder Program, Level 5, for ages 10-11.
Religion Lesson | Ages 10 - 11

 Compare Joshua with Jesus
Complete a chart comparing Joshua and Jesus. Who were theys fighting? Where did they go? How did they show courage?
Activity | Ages 9 - 13

 Even the Stones Testify
Worship Talk | Ages 7 - 14

 Lord As King
Sunday School Lesson | Ages 9 - 12

 Palm Sunday
Coloring Page | Ages 7 - 14

 Palm Sunday
Worship Talk | Ages 7 - 14

 Palm Sunday: Luke
A New Church Bible story explanation for teaching Sunday school. Includes lesson materials for Primary (3-8 years), Junior (9-11 years), Intermediate (12-14 years), Senior (15-17 years) and Adults.
Teaching Support | Ages over 3

 Peace and Glory
Worship Talk | Ages 7 - 14

 Quotes: King of Kings
Teaching Support | Ages over 15

 The Lord Does Not Remember
Worship Talk | Ages 7 - 14

 The Lord Wept
Worship Talk | Ages 7 - 14

 The Responsibility of the Lord's Servants
Worship Talk | Ages over 18

 Triumphal Entry into Jerusalem
A lesson for younger children with discussion ideas and a project.
Sunday School Lesson | Ages 4 - 6

 Welcoming the King
An illustrated story of Palm Sunday.
Story | Ages 3 - 7

 Welcoming the Lord as King
Jesus rode into Jerusalem on the colt of a donkey because kings rode on donkeys. People knew that this meant He was coming as a king. People gathered in the streets and welcomed Him with joyous shouts. Sample from the Jacob’s Ladder Program, Level 2, for ages 7-8.
Religion Lesson | Ages 7 - 8

Commento

 

Pianto a Pasqua

     

Da Rev. Peter M. Buss Sr. (machine translated into Italiano)

Before entering Jerusalem for the last time, Jesus wept over its future. This painting by Enrique Simonet, is called "Flevit super Illam", the Latin for "He Wept Over It". It is in the Museum of Malaga.

"E mentre si avvicinavano, Egli vide la città e pianse su di essa, dicendo: 'Se tu avessi saputo, anche tu, specialmente in questo tuo giorno, le cose che appartengono alla tua pace! Ma ora sono nascoste ai tuoi occhi". (Luca 19:41,42 ).

"Figlie di Gerusalemme, non piangete per me, ma piangete per voi stesse e per i vostri figli..... Perché se fanno queste cose nel bosco verde, cosa si farà nell'asciutto? ( Luca 23:28,31).

Gesù pianse su Gerusalemme. Le donne piangevano per Lui, e Lui diceva loro di piangere per se stesse e per i loro figli. Dolore in un momento di trionfo, dolore in un momento di desolazione.

C'è dell'ironia nella storia della Domenica delle Palme, perché oltre il suo tripudio pende l'ombra del tradimento, del processo e della crocifissione. La folla inferocita che ha chiesto la Sua crocifissione era la stessa moltitudine che lo ha salutato come Re cinque giorni prima? Perché il Signore ha cavalcato in trionfo, sapendo le cose che sicuramente sarebbero avvenute? Lo fece per annunciare che Lui, la verità divina del bene divino, avrebbe governato tutte le cose; per darci un'immagine che rimarrà per tutto il tempo di Sua Maestà. E poi gli eventi del Getsemani e del Calvario ci hanno fatto conoscere la natura di quella maestà - che in effetti il Suo regno non è di questo mondo.

Possiamo immaginare la scena della Domenica delle Palme? Le moltitudini si rallegravano e gridavano, e poi vedevano il loro Re piangere. Non è stato un momento breve, ma un pianto prolungato, che ha fatto sì che lo scrittore del Vangelo ne sentisse parlare. Le loro grida si sono spente mentre guardavano il Suo dolore, si sono chiesti quando Egli ha pronunciato il giudizio di sventura sulla città in cui vivevano? "I vostri nemici vi costruiranno un terrapieno intorno a voi, vi circonderanno e vi chiuderanno da ogni lato, e livelleranno voi e i vostri figli con voi, fino a terra; e non lasceranno in voi una pietra su un'altra perché non conoscevate l'ora della vostra visita". Poi, forse, mentre cavalcava, il tifo riprese e le strane parole furono dimenticate.

C'è un'altra ironia, perché la gente gridava che la pace era arrivata. "Benedetto il Re che viene nel nome del Signore! Pace in cielo e gloria nel più alto dei cieli! Ma quando Gesù piangeva, diceva alla città: "Se tu avessi conosciuto, anche tu, specialmente in questo tuo giorno, le cose che fanno per la tua pace! Ma ora sono nascoste ai vostri occhi".

Questo grande panorama parla del mondo dentro ogni essere umano. È nella nostra mente, nel senso spirituale della Parola, che Gesù cavalca in trionfo. Quando vediamo la meraviglia della sua verità, percepiamo il suo potere su tutte le cose, lo coroniamo. Tutti gli eventi della Domenica delle Palme raccontano di quei momenti in cui riconosciamo che il Signore, il Dio visibile, governa la nostra mente attraverso la Parola che è dentro di noi. È un momento di grande gioia. Come le moltitudini della Domenica delle Palme, sentiamo che questa visione spazzerà via tutto ciò che è malvagio, e il Signore regnerà facilmente dentro di noi come nostro Re e nostro Dio.

Tempi così felici vengono a noi, e noi possiamo gioire di essi, e salutare il nostro Signore e Re con giubilo. "Pace in cielo e gloria nel più alto dei cieli! La pace viene attraverso la congiunzione con il Signore che abbiamo visto (Apocalisse Spiegata 369:9, 11). Eppure il Signore stesso sa che ci sono battaglie che vengono da chi non conosce la pace. Anche di questo ci avverte nella Sua Parola. Nella Gerusalemme naturale del giorno del Signore i governanti hanno usato la falsità per distruggere la verità, e hanno portato molto dolore ai cristiani. Nella Gerusalemme spirituale nella nostra mente ci sono falsi valori che distruggerebbero la pace. Prima di arrivare in cielo ci sarà una battaglia tra la nostra visione del Signore e il nostro amore personale che abuserà della verità per far sì che ciò avvenga.

Così il Signore pianse, là fuori sul monte degli Ulivi, mentre guardava la città dall'alto. Il suo pianto era un segno di misericordia, perché Egli piange per gli stati in noi che ci faranno del male e che si oppongono alla nostra pace. (Arcana Coelestia 5480; Apocalisse Spiegata 365 [9]cfr. 365:11, 340). Eppure il suo dolore è una forza attiva, è la misericordia, che lavora per eliminare quegli stati. Gesù ha promesso che Gerusalemme sarebbe stata completamente distrutta - non una sola pietra rimasta in piedi. È vero che la Gerusalemme naturale è stata rasa al suolo, ma non è questo che Egli intendeva. Egli ci promette - anche se ci avverte delle battaglie che verranno - che Egli trionferà, e che la nostra Gerusalemme - le nostre scuse per fare il male - non resterà in piedi. Saranno decimati dalla Sua Parola. (Cfr. Arcana Coelestia 6588 [5]; Apocalisse Spiegata 365 [9]).

Piangeva per pietà, e prometteva la fine del pianto, perché "La sua tenera misericordia è su tutte le sue opere".

Il Venerdì Santo c'era sicuramente motivo di piangere. Immaginate questa scena: Le donne seguivano la croce, piangendo. Gesù deve aver sanguinato per la frusta, e segnato dalla corona di spine. Era circondato da persone che si divertivano a veder morire qualcuno. Coloro che lo chiamavano il loro nemico erano soddisfatti di aver vinto.

I suoi seguaci erano desolati. Non avevano mai immaginato che il sogno che Egli aveva promosso sarebbe finito in questo modo, o che la Guida che amavano sarebbe stata trattata in modo così terribile. Sentivano per Lui in quella che erano sicuri fosse la Sua sofferenza. Piangevano per Lui.

Poi forse le folle che lo insultavano sono state placate mentre si rivolgeva ai lutti. Del suo infinito amore Egli parlò. "Figlie di Gerusalemme, non piangete per me, ma piangete per voi stesse e per i vostri figli". Non pensava alla sua imminente agonia, piangeva per coloro che amava. Avrebbe trionfato. Era su di loro che la sofferenza sarebbe arrivata. Quale immagine più chiara possiamo avere della meta che ha portato il nostro Dio sulla terra di quella frase? Egli è venuto perché le persone malvagie e i sentimenti malvagi portano miseria ai suoi figli. È venuto per dare loro gioia dopo il loro pianto, per dare loro consolazione e speranza, e infine per dare loro la certezza che non ci sarà più la morte, né dolore né pianto.

Le donne di quel tempo affrontarono davvero il dolore fisico. È straziante apprendere delle persecuzioni dei cristiani, pensare alle persone uccise perché adorano il loro Dio; ai bambini che vengono portati via da loro, alle persone buone soggette alla misericordia di coloro che non conoscono la misericordia. Anzi, deve essere sembrato che il Signore avesse ragione nel dire che sarebbe stato meglio che non avessero mai partorito bambini che avrebbero sofferto così per la loro fede. Infatti stanno arrivando i giorni in cui diranno: "Beati gli aridi, i grembi che non hanno mai partorito e i seni che non hanno mai allattato".

Ma la vera ragione per cui il Signore è sceso sulla terra è che dentro la crudeltà fisica c'è una ferita molto più grande. Ci sono molte persone che camminano su questa terra che non penserebbero di uccidere qualcun altro, ma che si divertono regolarmente a portar via qualcosa di molto più prezioso - la sua capacità di seguire il suo Signore.

Per questo il Signore disse queste parole: "Non piangete per me, ma piangete per voi stessi e per i vostri figli". Le figlie di Gerusalemme rappresentano il dolce amore della verità con persone sincere in tutto il mondo. I loro figli sono la carità e la fede che viene dall'amore della verità. Sono le vittime del male, soprattutto quando infesta una chiesa. Queste sono le cose che provocano il pianto interiore, un dolore dello spirito che è tanto più devastante quanto più è silenzioso.

"Figlie di Gerusalemme", le chiamava. Il nostro amore innocente per la verità cresce insieme alla nostra giustificazione per essere egoiste. In realtà, è governato dall'auto giustificazione, come le figlie di Gerusalemme erano governate da una chiesa corrotta. Quando quelle donne hanno cercato di fuggire dalla Chiesa ebraica sono state perseguitate. Quando il nostro amore innocente per la verità cerca di condurci a seguire il Signore, subiamo tentazioni nel nostro spirito. Gli inferni si alzano e ci tentano con tutte le delizie egoistiche e malvagie che abbiamo mai avuto, e noi piangiamo per noi stessi.

Vedete, non è la verità in sé che soffre! "Non piangete per me", disse Gesù. La verità è onnipotente. È il nostro amore per quella verità che è tentata. Sono la nostra carità e la nostra fede - i figli di quell'amore - che soffrono.

"Perché infatti stanno arrivando i giorni in cui diranno: 'Beati gli aridi, i grembi che non hanno mai partorito e i seni che non hanno mai allattato'". Non ci sembra a volte che le persone che non hanno verità, che non hanno ideali, siano quelle felici? In realtà questa è una profezia che chi è fuori dalla Chiesa e la ritrova avrà un tempo più facile di chi porta le falsità della vita nella battaglia.

La Domenica delle Palme, quando Gesù pianse, disse che Gerusalemme sarebbe stata distrutta. Come ho detto, Egli prometteva in realtà la distruzione del male in noi. Il Venerdì Santo ha dato la stessa promessa: "Allora cominceranno a dire alle montagne: "Cadeteci addosso!" e alle colline: "Copriteci!". Queste parole apparentemente dure sono parole di conforto, perché promettono che, quando la verità del Signore trionferà in noi, il cielo si avvicinerà. Quando ciò accadrà, gli inferni che ci tentano non potranno sopportare la presenza del cielo e si copriranno e si nasconderanno.

"Perché se fanno queste cose nel bosco verde, cosa si fa all'asciutto?" Gli ascoltatori sapevano cosa significava: se quando Egli era tra loro hanno rifiutato la Sua verità, cosa faranno quando il ricordo della Sua presenza e dei Suoi miracoli si sarà prosciugato? In senso interno il legno verde è la verità che è ancora viva per amore. Anche quando vedremo gli ideali della Parola, lotteremo contro la tentazione. Ma quando quel legno si secca, quando non riusciamo a percepire la vita e la potenza della verità, la battaglia diventa molto più dura.

In entrambe queste immagini - il suo pianto della Domenica delle Palme, il suo triste avvertimento alle donne di piangere per se stesse e per i loro figli, il Signore ci prepara a lottare per ciò in cui crediamo. Come ci prepara? Assicurandoci non solo delle prove a venire, ma anche della certezza della vittoria, ora che ha rivelato la sua potenza. C'è una tale meraviglia, una tale speranza di felicità eterna nella vera religione cristiana. Eppure nessun amore degno di essere conservato fino a quando non avrà affrontato le sue sfide. Ci deve essere un tempo di pianto: il nostro Signore misericordioso piange per le nostre lotte e ci dà la forza della misericordia; i nostri sogni e le nostre speranze piangono quando temiamo che siano perduti. Attraverso la prova esprimiamo il nostro impegno per i nostri sogni, e Lui ci libera.

Meno di ventiquattro ore prima del Suo arresto il Signore ha parlato di nuovo di pianto. Nell'Ultima Cena disse: "In verità vi dico che piangerete e vi lamenterete, ma il mondo ne gioirà". Ma non si fermò lì. "E sarete addolorati, ma il vostro dolore si trasformerà in gioia". Una donna, quando è in travaglio, ha dolore perché è giunta la sua ora; ma non appena ha dato alla luce il bambino, non ricorda più l'angoscia, per la gioia che un essere umano è nato nel mondo. Perciò ora hai dolore; ma io ti rivedrò e il tuo cuore si rallegrerà, e la gioia che nessuno ti porterà via".

Quando fu crocifisso e risuscitò, devono aver pensato che ora le Sue parole si erano compiute. Ora avevano trovato la gioia che nessuno poteva togliergli. Forse quando hanno sofferto per mano dei persecutori e hanno trovato la gioia tra i compagni cristiani, hanno pensato lo stesso. E infine, quando avevano combattuto le loro battaglie private, e dal Suo potere di superare il nemico dentro di sé, sapevano cosa voleva dire veramente.

"Gesù pianse sulla città". "Piangete per voi stessi e per i vostri figli". Il nostro amore per la verità sarà minacciato e con esso la nostra speranza per la vera fede e la vera carità. Fu a questo scopo che Egli venne al mondo e cavalcò in trionfo e bevve il calice del rifiuto e della morte apparente - per poter trasformare il nostro dolore in gioia. Perciò Egli poteva anche dire: "Nel mondo avrete tribolazione; ma siate di buon animo, io ho vinto il mondo". Amen.

(Riferimenti: Luca 19:29-44, 23:24-38)


Traduci: