La Bibbia

 

John 21:15-25 : Dai da mangiare ai miei agnelli, Dai da mangiare alle mie pecore

Studia il significato interno

        

15 So when they had dined, Jesus saith to Simon Peter, Simon, son of Jonas, lovest thou me more than these? He saith unto him, Yea, Lord; thou knowest that I love thee. He saith unto him, Feed my lambs.

16 He saith to him again the second time, Simon, son of Jonas, lovest thou me? He saith unto him, Yea, Lord; thou knowest that I love thee. He saith unto him, Feed my sheep.

17 He saith unto him the third time, Simon, son of Jonas, lovest thou me? Peter was grieved because he said unto him the third time, Lovest thou me? And he said unto him, Lord, thou knowest all things; thou knowest that I love thee. Jesus saith unto him, Feed my sheep.

18 Verily, verily, I say unto thee, When thou wast young, thou girdedst thyself, and walkedst whither thou wouldest: but when thou shalt be old, thou shalt stretch forth thy hands, and another shall gird thee, and carry thee whither thou wouldest not.

19 This spake he, signifying by what death he should glorify God. And when he had spoken this, he saith unto him, Follow me.

20 Then Peter, turning about, seeth the disciple whom Jesus loved following; which also leaned on his breast at supper, and said, Lord, which is he that betrayeth thee?

21 Peter seeing him saith to Jesus, Lord, and what shall this man do?

22 Jesus saith unto him, If I will that he tarry till I come, what is that to thee? follow thou me.

23 Then went this saying abroad among the brethren, that that disciple should not die: yet Jesus said not unto him, He shall not die; but, If I will that he tarry till I come, what is that to thee?

24 This is the disciple which testifieth of these things, and wrote these things: and we know that his testimony is true.

25 And there are also many other things which Jesus did, the which, if they should be written every one, I suppose that even the world itself could not contain the books that should be written. Amen.

   Studia il significato interno

Explanation of John 21      

Da Rev. John Clowes M.A.

Explaining the Inner Meaning of John 21

Verses 21:1, 2. That after his resurrection, the Lord manifested himself in common or general principles to those who were principled in good and truth.

Verse 21:3. And this at a time, when they were teaching the knowledges of truth and good for the reformation of mankind, but whereas they taught from themselves, and not from the Lord, therefore their teaching was fruitless.

Verses 21:4, 5, 6. On which account they are gifted with interior light, yet faint, from the Lord, instructing them that they ought to do all things from the good of love and charity, and that thus natural men might be converted to the truth.

Verses 21:7, 8. Which instruction is perceived to be from the Lord by those who are principled in the good of life, and also by those who are in the good of faith, therefore these latter are more and more confirmed in truth, though as yet it was in common or general principles, whilst the former, by the truth of doctrine, seek to lead natural men to the good of life.

Verses 21:9, 10, 11. Therefore they are made sensible of the divine presence in the truth of good, and in the good of love, and obeying the divine command, they acknowledge the fruitfulness and multiplication of good and truth, in all their fullness in the church, and in their coherence, to be of the Lord.

Verses 21:12, 13, 14. Yet it is granted them of the divine mercy to appropriate to themselves that fruitfulness and multiplication, by incorporating into their own minds and lives both good and truth from the Lord, whereby all doubt is removed concerning the divine presence, and they are fully convinced of the glorification of the Lord's Humanity.

Verses 21:15, 16, 17. On which occasion exploration is made concerning the conjunction of truth and good in the church, and divine admonition given, that it is the office of truth, or of those who are principled in truth, to instruct all who are in innocence, likewise all who are in the good of charity, and lastly, all who are in the good of faith.

Verses 21:18, 19. Divine warning is also given at the same time concerning the separation of truth, or faith, from good, or charity, teaching that the faith of the church in its rise is in the good of innocence, but when it is in its setting, it would no longer be in that good, nor in the good of charity, but would be led by evils and falsities.

Verses 21:20, 21, 22, 23. But still the good of charity would remain with those who are of the Lord, even to the end of the church, and when there is a new church, and not with those who are in truth separate from good.

Verses 21:24, 25. For they, who are principled in the good of charity, bear faithful witness to the truth, being convinced of the truth by its light in their own minds, yet they cannot unfold the whole of the divine operation, because the church is not in a state to receive it.

Dalle opere di Swedenborg

Spiegazioni o riferimenti:

Arcana Coelestia 1017, 2371, 2788, 2921, 3934, 3994, 4169, ...

Apocalypse Revealed 17, 23, 383, 505, 879

Divine Love and Wisdom 19

Doctrine of the Sacred Scripture 29

The Last Judgement 39

True Christian Religion 211, 764

The New Jerusalem and its Heavenly Doctrine 122


Riferimenti da opere inedite di Swedenborg:

Apocalypse Explained 9, 10, 195, 228, 229, 250, 295, ...

On the Athanasian Creed 208

Divine Love 19

Divine Wisdom 11

An Invitation to the New Church 33

Scriptural Confirmations 4, 6, 36, 68

Salta a versi biblici simili

Joshua 22:22

Psalms 116:1, 139:1

Significati del termine biblico

saith
As with many common verbs, the meaning of “to say” in the Bible is highly dependent on context. Who is speaking? Who is hearing? What...

simon
Peter – born Simon, son of Jonah – is certainly one of the Bible's most important figures, second only to Jesus in the New Testament....

peter
Peter – born Simon, son of Jonah – is certainly one of the Bible's most important figures, second only to Jesus in the New Testament....

third
The Writings talk about many aspects of life using the philosophical terms "end," "cause" and "effect." The "end" is someone’s goal or purpose, the ultimate...

said
As with many common verbs, the meaning of “to say” in the Bible is highly dependent on context. Who is speaking? Who is hearing? What...

all things
The Lord is life itself, is the Creator of the universe, and is the source of life on an ongoing basis. So in a literal...

say
As with many common verbs, the meaning of “to say” in the Bible is highly dependent on context. Who is speaking? Who is hearing? What...

gird
To gird one’s self, as in John. 21:18, signifies to know and perceive truths in the light from good.

stretch
The hand in the Bible represents power, which is easy to understand, so to reach out or stretch out the hand means to exercise power,...

hands
'Washing of the hands' was an ancient declaration of innocence, and signifies purification from evils and falsities, as in Psalms 73:13 and Matthew 27:24.

glorify
'To glorify' signifies acknowledgment and confession.

turning
Swedenborg says that the Lord is the sun of heaven, and like the natural sun of our world shines on everyone, good or evil. What...

disciple
A disciple in Matthew 10:41 signifies charity and at the same time, faith from the Lord. It disciple signifies the truth of life, and a...

seeing
The symbolic meaning of "seeing" is "understanding," which is obvious enough that it has become part of common language (think about it; you might see...

come
Coming (Gen. 41:14) denotes communication by influx.

die
Death in the Bible represents spiritual death, or the destruction of everything that is good and all true beliefs in someone. This happens when people...

written
If knowing what’s right were the same as doing what’s right, we would all be thin, healthy, hard-working, law-abiding, faithful to our spouses and free...

world
The term "world" has both general and more specific meanings in the Bible, including the relatively literal sense of the natural, physical world. In more...

Amen
Amen signifies divine confirmation from truth, consequently from the Lord himself.Amen signifies truth, because the Lord was truth itself, therefore he so often said Amen...

Risorse per genitori e insegnanti

Gli articoli qui elencati sono forniti per gentile concessione dei nostri amici della Chiesa generale della Nuova Gerusalemme. Puoi cercare/visualizzare tutta la loro biblioteca sul sito Il sito web di New Church Vineyard.


 Breakfast by the Sea
Provides an overview of the story, key points, and discussion ideas for use at home or with a Sunday School class.
Activity | All Ages

 Breakfast with the Risen Lord
Shows the Lord by the sea having breakfast with disciples.
Coloring Page | Ages 7 - 14

 Casting Our Net on the Right Side
Activity | All Ages

 Flowers and Faith
As we appreciate the flowers around us, we can reflect on the way flowers bloom in the springtime when warmth and light are both present.
Activity | All Ages

 Genuine Faith in Marriage
The pathway to conjugial love in marriage involves looking to the Lord for enlightenment by reading His Word and applying it to our lives. We must be willing to work together in marriage and use the truths of the Word to serve others.
Worship Talk | Ages over 18

 Jesus Appears
The Lord was not like you and me. When we die we lay aside our earthy body for ever. The Lord did not lay aside His earthly body—He made it Divine.
Sunday School Lesson | Ages 11 - 17

 Quotes: Having Faith in the Risen Lord
Teaching Support | Ages over 15

 Seeing the Lord
Worship Talk | Ages over 18

 The Charge to Peter
This sermon describes the meaning of the Lord's charge to Peter to feed and tend His flocks. 
Worship Talk | Ages over 18

 The Disciples See the Lord After His Resurrection
Worship Talk | Ages 7 - 14

 The Drawing Power Of Love
If we remember to approach life from “the right side” (from love, charity, kindness) we will be fruitful.
Activity | Ages over 18

 The Lord and His Disciple, Simon Peter
Four scenes about the Lord and Peter from the gospels of Matthew and John, and two later scenes from the book of Acts.
Activity | Ages 11 - 14

 The Lord's Breakfast by the Sea
This is a re-telling of John 21:1-14 for young children with beautiful color pictures. 
Story | Ages 4 - 10

 The Miraculous Catch of Fish
The Lord did this miracle twice. Once when He called fishermen to be His disciples, and again, when He had breakfast with them by the Sea of Galilee. What is the same? What is different?
Activity | All Ages

 The Miraculous Catch of Fish
Sunday School Lesson | Ages 9 - 12

 The Miraculous Catch of Fishes
Worship Talk | Ages 7 - 14

 To Love Is To Do
Spiritual tasks offer a reflection on a Biblical story and suggest a task for spiritual growth.
Activity | Ages over 18

Commento

 

Una conversazione dopo la prima colazione      

Da Joe David (machine translated into italiano)

This inscription is on a stone at the church hall in South Ronaldsey, in the Orkneys, northeast of Scotland.

Una conversazione dopo la prima colazione
(Un commento su Giovanni 21:15-25)

Nella prima parte di questo capitolo, sette discepoli erano tornati a casa in Galilea. Erano andati a pescare, avevano visto Gesù sulla riva, avevano seguito le sue istruzioni per pescare sul lato destro della barca, avevano trascinato a riva una rete carica di 153 pesci, e... all'inizio della seconda metà del capitolo, avevano appena finito di rompere il digiuno con Lui. Ora si stanno rilassando.

Gesù dice a Pietro: "Mi ami?" e Pietro, forse un po' sorpreso dalla domanda, pensando che la risposta sia ovvia, risponde "sì", e Gesù risponde: "Dai da mangiare ai miei agnelli". Ancora due volte questa sequenza si ripete, ma con qualche cambiamento. Poi, dopo questa insolita conversazione, il Signore racconta a tutti una piccola parabola sull'essere giovani e poi sull'essere vecchi. Poi il Signore dice a Pietro di seguirlo, e Pietro, apparentemente geloso, chiede a Giovanni cosa dovrebbe fare. Il Signore rimprovera leggermente la gelosia di Pietro dicendo: "Se quest'uomo indugia fino al mio arrivo, che cos'è questo per te?

Infine, il vangelo di Giovanni, e in effetti la raccolta di tutti e quattro i vangeli, si chiude con la spiegazione di Giovanni che egli è lo scrittore di questo vangelo.

Quindi, ora, guardiamo più da vicino la conversazione, la parabola, e lo scoppio di gelosia.

Solo due dei sette discepoli, Pietro e Giovanni, sono menzionati in questa parte della storia. Pietro rappresenta la fede, o la verità, ma la verità sulle cose spirituali in cui crediamo veramente viene da Dio. Giovanni rappresenta il bene, o l'amore per il prossimo. Il primo risiede nella parte comprensiva della mente e il secondo nella parte della volontà.

Nel dire a Pietro di nutrire le sue pecore, il Signore dice che seguirlo significa predicare le verità che tutti i discepoli ora conoscono sul Signore, sulla sua venuta e su come si dovrebbe condurre una vita, per essere seguaci del Signore in una nuova chiesa. Nella conversazione il Signore è diretto e indagatore. "Simone, figlio di Jonas, mi ami più di questi?". Credo che a Pietro venga chiesto se ama il Signore, Gesù, più di quanto ami i suoi amici galileiani, anche se è ambiguo, potrebbe significare "mi ami più di questi altri sei? Quando Pietro risponde la prima volta, dice: "Signore, tu sai che ti amo".

Con questa prima delle tre domande di sondaggio, il Signore risponde "Dai da mangiare ai miei agnelli", mentre dopo la risposta è "Dai da mangiare alle mie pecore". Pecora e agnello rappresentano entrambi persone che amano fare del bene, ma mentre per pecora si intende chi ama fare del bene per il bene del prossimo, per agnello si intende chi fa del bene per il bene del Signore. Il primo è il bene spirituale, il secondo è più alto e si chiama bene celeste. Ma le persone che desiderano fare il bene all'inizio non sanno cosa sia il bene; hanno bisogno di impararlo dalla Parola e di essere istruite. Per questo a Pietro viene detto di "nutrirli", cioè che la verità deve indicare come si deve fare il bene. Per fare le cose buone, bisogna unire la volontà e il saperle fare con la comprensione. Per una vita cristiana di successo, o su scala più ampia, una chiesa cristiana, "Pietro" e "Giovanni" devono lavorare in armonia.

Poi arriva la parabola. "Quando eri giovane ti sei preparato e hai fatto quello che volevi da solo. Ma quando diventi vecchio, devi chiedere aiuto e un altro ti porterà dove non vuoi andare".

Questo non sembra adattarsi qui, ma naturalmente sì, e in due modi. Il primo modo è dato nel testo biblico; si tratta della morte del Signore, che tutte le profezie lo stavano conducendo alla sua crocifissione, come viene menzionato. Il secondo modo è una lezione per tutti noi. Quando siamo giovani, fiduciosi e forti, sentiamo di poter fare ciò che vogliamo e non abbiamo bisogno di aiuto. Le tentazioni di fare il male che noi stessi possiamo affrontare. Ma quando diventiamo più saggi ci rendiamo conto che tutta la nostra forza viene dal Signore, e se continuiamo a dipendere solo da noi stessi, le tentazioni degli inferni saranno troppo forti e saremo portati a fare ciò che gli inferni vogliono per noi, non ciò che vogliamo. Dobbiamo imparare all'inizio a seguire il Signore e a dipendere da Lui. Questo dice alla fine della parabola, dove non sembra adattarsi finché non comprendiamo la parabola. "E quando Egli ha detto questo Egli dice a (loro), seguimi". Anche questo è ciò che dobbiamo fare.

Pietro è felice di fare questa predicazione della verità e forse sente di essere stato scelto, ma si rende anche conto che anche Giovanni ama il Signore ed è amato in cambio. Così chiede: "E cosa dovrebbe fare quest'uomo? Sembra che l'armonia necessaria non sia ancora presente, e che Pietro sia geloso del legame, e probabilmente spera di essere sicuro di essere il numero uno... ma questo non accade. A Peter viene semplicemente detto che non importa, che ha bisogno di fare il lavoro che gli è stato dato.

Mi viene in mente la storia di Giacobbe ed Esaù, in Genesi 25dove Esaù è il primogenito ed erediterà il diritto di nascita e la benedizione di Isacco, come gli spetta. Giacobbe con l'inganno di sua madre inganna Isacco e ruba quello che è di Esaù. Poi scappa a Padan-Aram e vi rimane con lo zio e diventa ricco. È solo al suo viaggio di ritorno che lotta con l'angelo e fa cambiare il suo nome in Israele, che incontra di nuovo Esaù. Il cambio di nome significa che ora che Giacobbe è ricco di verità dalla Parola, ora con l'incontro amichevole con Esaù, anch'esso ricco, che i due gemelli possono in parabola, essere fusi in un unico personaggio, chiamato Israele, che significa l'unione del bene e della verità nella mente.

Esaù significa qualcosa di simile a Giovanni, entrambi rappresentano la bontà o la vera carità. Giacobbe significa qualcosa di simile a Pietro, entrambi rappresentano la verità appresa dalla Parola. Ogni apparente inimicizia tra di loro su quale sia più importante può renderli entrambi inutili, e in una persona che sta diventando angelica (come tutti dovrebbero puntare), non c'è inimicizia. La verità rende possibile il bene, e il bene ispira la verità per ottenere qualcosa. Anche se possiamo pensare e parlare di loro separatamente, essi sono (perfettamente nel Signore e meno negli angeli) uniti in un'unità per essere visti come sposati. Il matrimonio tra il bene divino del Signore e la verità divina è l'origine di tutta la creazione. Sì, tutta la creazione.

Questo matrimonio tra bene e verità, e la necessità che entrambi lavorino nella nostra vita, in equilibrio e armonia, è un concetto cristiano nuovo e fondamentale.

Nei Vangeli, c'è solo un'altra storia che si svolge dopo questa. In essa, il resto dei discepoli si unisce ai sette qui citati per ascoltare gli ultimi comandi del Signore.


Traduci: