La Bibbia

 

John 21:1-14 : Prima colazione sul mare di Galilea

Studia il significato interno

        

1 After these things Jesus shewed himself again to the disciples at the sea of Tiberias; and on this wise shewed he himself.

2 There were together Simon Peter, and Thomas called Didymus, and Nathanael of Cana in Galilee, and the sons of Zebedee, and two other of his disciples.

3 Simon Peter saith unto them, I go a fishing. They say unto him, We also go with thee. They went forth, and entered into a ship immediately; and that night they caught nothing.

4 But when the morning was now come, Jesus stood on the shore: but the disciples knew not that it was Jesus.

5 Then Jesus saith unto them, Children, have ye any meat? They answered him, No.

6 And he said unto them, Cast the net on the right side of the ship, and ye shall find. They Cast therefore, and now they were not able to draw it for the multitude of fishes.

7 Therefore that disciple whom Jesus loved saith unto Peter, It is the Lord. Now when Simon Peter heard that it was the Lord, he girt his fisher's coat unto him, (for he was naked,) and did cast himself into the sea.

8 And the other disciples came in a little ship; (for they were not far from land, but as it were two hundred cubits,) dragging the net with fishes.

9 As soon then as they were come to land, they saw a fire of coals there, and fish laid thereon, and bread.

10 Jesus saith unto them, Bring of the fish which ye have now caught.

11 Simon Peter went up, and drew the net to land full of great fishes, and hundred and fifty and three: and for all there were so many, yet was not the net broken.

12 Jesus saith unto them, Come and dine. And none of the disciples durst ask him, Who art thou? knowing that it was the Lord.

13 Jesus then cometh, and taketh bread, and giveth them, and fish likewise.

14 This is now the third time that Jesus shewed himself to his disciples, after that he was risen from the dead.

   Studia il significato interno

Explanation of John 21      

Da Rev. John Clowes M.A.

Explaining the Inner Meaning of John 21

Verses 21:1, 2. That after his resurrection, the Lord manifested himself in common or general principles to those who were principled in good and truth.

Verse 21:3. And this at a time, when they were teaching the knowledges of truth and good for the reformation of mankind, but whereas they taught from themselves, and not from the Lord, therefore their teaching was fruitless.

Verses 21:4, 5, 6. On which account they are gifted with interior light, yet faint, from the Lord, instructing them that they ought to do all things from the good of love and charity, and that thus natural men might be converted to the truth.

Verses 21:7, 8. Which instruction is perceived to be from the Lord by those who are principled in the good of life, and also by those who are in the good of faith, therefore these latter are more and more confirmed in truth, though as yet it was in common or general principles, whilst the former, by the truth of doctrine, seek to lead natural men to the good of life.

Verses 21:9, 10, 11. Therefore they are made sensible of the divine presence in the truth of good, and in the good of love, and obeying the divine command, they acknowledge the fruitfulness and multiplication of good and truth, in all their fullness in the church, and in their coherence, to be of the Lord.

Verses 21:12, 13, 14. Yet it is granted them of the divine mercy to appropriate to themselves that fruitfulness and multiplication, by incorporating into their own minds and lives both good and truth from the Lord, whereby all doubt is removed concerning the divine presence, and they are fully convinced of the glorification of the Lord's Humanity.

Verses 21:15, 16, 17. On which occasion exploration is made concerning the conjunction of truth and good in the church, and divine admonition given, that it is the office of truth, or of those who are principled in truth, to instruct all who are in innocence, likewise all who are in the good of charity, and lastly, all who are in the good of faith.

Verses 21:18, 19. Divine warning is also given at the same time concerning the separation of truth, or faith, from good, or charity, teaching that the faith of the church in its rise is in the good of innocence, but when it is in its setting, it would no longer be in that good, nor in the good of charity, but would be led by evils and falsities.

Verses 21:20, 21, 22, 23. But still the good of charity would remain with those who are of the Lord, even to the end of the church, and when there is a new church, and not with those who are in truth separate from good.

Verses 21:24, 25. For they, who are principled in the good of charity, bear faithful witness to the truth, being convinced of the truth by its light in their own minds, yet they cannot unfold the whole of the divine operation, because the church is not in a state to receive it.

Dalle opere di Swedenborg

Spiegazioni o riferimenti:

Arcana Coelestia 2921, 4973, 7852, 10061

Apocalypse Revealed 405, 890

Conjugial Love 316


Riferimenti da opere inedite di Swedenborg:

Apocalypse Explained 513, 600, 820

De Domino 45

Altro commento neo cristiano

  Le storie e i loro significati:



Salta a versi biblici simili

Psalms 127:2

Significati del termine biblico

disciples
When we read the Gospels and see Jesus addressing the disciples, we assume His words are meant for us as well. And indeed they are!...

sea
'The sea and the waves roaring' means heresy and controversies in the church and individual.

simon
'Simon, son of Jonah,' as in John 21:15, signifies faith from charity. 'Simon' signifies worship and obedience, and 'Jonah,' a dove, which also signifies charity.

peter
Peter – born Simon, son of Jonah – is certainly one of the Bible's most important figures, second only to Jesus in the New Testament....

cana
The village of Cana is mentioned just three times in the Bible, all in the Book of John. At a wedding there, Jesus performed his...

galilee
Galilee was the northernmost province of Biblical Judea, a hilly area relatively remote from the center of Jewish culture in Jerusalem and bordered by foreigners...

saith
As with many common verbs, the meaning of “to say” in the Bible is highly dependent on context. Who is speaking? Who is hearing? What...

go
In the physical world, the places we inhabit and the distances between them are physical realities, and we have to get our physical bodies through...

say
As with many common verbs, the meaning of “to say” in the Bible is highly dependent on context. Who is speaking? Who is hearing? What...

answered
To "answer" generally indicates a state of spiritual receptivity. Ultimately this means being receptive to the Lord, who is constantly trying to pour true ideas...

said
As with many common verbs, the meaning of “to say” in the Bible is highly dependent on context. Who is speaking? Who is hearing? What...

cast
For something to be cast down or cast out generally refers to a rather dramatic move from a higher spiritual state to a lower one....

net
To cast the net on the right side,' as in John 21:6, signifies teaching the good of life.

side
'Side' signifies good or spiritual love.

fishes
Fish signify sensual affections which are the ultimate affections of the natural man. Also, those who are in common truths, which are also ultimates of...

disciple
When we read the Gospels and see Jesus addressing the disciples, we assume His words are meant for us as well. And indeed they are!...

heard
Thanks to modern science, we now understand that hearing actually happens in the brain, not the ears. The ears collect vibrations in the air and...

saw
The symbolic meaning of "seeing" is "understanding," which is obvious enough that it has become part of common language (think about it; you might see...

fish
Fish signify sensual affections which are the ultimate affections of the natural man. Also, those who are in common truths, which are also ultimates of...

bread
The idea of a “loaf” in the Bible is very closely tied to the idea of “bread,” and is often used to mean bread: Jesus...

Full
'To satiate' relates to the extent of a person's will, for good or evil.

third
The Writings talk about many aspects of life using the philosophical terms "end," "cause" and "effect." The "end" is someone’s goal or purpose, the ultimate...

risen
It is common in the Bible for people to "rise up," and it would be easy to pass over the phrase as simply describing a...

Video della Fondazione Swedenborg

I video qui mostrati sono forniti per gentile concessione dei nostri amici della Fondazione Swedenborg. Puoi saperne di più su di loro qui: swedenborg.com.


What the Bible Is - Swedenborg and Life

Is the Bible just an outdated book of confusing and contradictory moral lessons? Here’s one spiritual explorer’s philosophy on the hidden meaning of the Word.

John 21:6-6 >> 35:25
John 21:9-10 >> 35:25
Risorse per genitori e insegnanti

Gli articoli qui elencati sono forniti per gentile concessione dei nostri amici della Chiesa generale della Nuova Gerusalemme. Puoi cercare/visualizzare tutta la loro biblioteca sul sito Il sito web di New Church Vineyard.


 Breakfast by the Sea
Provides an overview of the story, key points, and discussion ideas for use at home or with a Sunday School class.
Activity | All Ages

 Breakfast with the Risen Lord
Shows the Lord by the sea having breakfast with disciples.
Coloring Page | Ages 7 - 14

 Casting Our Net on the Right Side
Activity | All Ages

 Flowers and Faith
As we appreciate the flowers around us, we can reflect on the way flowers bloom in the springtime when warmth and light are both present.
Activity | All Ages

 Genuine Faith in Marriage
The pathway to conjugial love in marriage involves looking to the Lord for enlightenment by reading His Word and applying it to our lives. We must be willing to work together in marriage and use the truths of the Word to serve others.
Worship Talk | Ages over 18

 Jesus Appears
The Lord was not like you and me. When we die we lay aside our earthy body for ever. The Lord did not lay aside His earthly body—He made it Divine.
Sunday School Lesson | Ages 11 - 17

 Quotes: Having Faith in the Risen Lord
Teaching Support | Ages over 15

 Seeing the Lord
Worship Talk | Ages over 18

 The Charge to Peter
This sermon describes the meaning of the Lord's charge to Peter to feed and tend His flocks. 
Worship Talk | Ages over 18

 The Disciples See the Lord After His Resurrection
Worship Talk | Ages 7 - 14

 The Drawing Power Of Love
If we remember to approach life from “the right side” (from love, charity, kindness) we will be fruitful.
Activity | Ages over 18

 The Lord and His Disciple, Simon Peter
Four scenes about the Lord and Peter from the gospels of Matthew and John, and two later scenes from the book of Acts.
Activity | Ages 11 - 14

 The Lord's Breakfast by the Sea
This is a re-telling of John 21:1-14 for young children with beautiful color pictures. 
Story | Ages 4 - 10

 The Miraculous Catch of Fish
The Lord did this miracle twice. Once when He called fishermen to be His disciples, and again, when He had breakfast with them by the Sea of Galilee. What is the same? What is different?
Activity | All Ages

 The Miraculous Catch of Fish
Sunday School Lesson | Ages 9 - 12

 The Miraculous Catch of Fishes
Worship Talk | Ages 7 - 14

 To Love Is To Do
Spiritual tasks offer a reflection on a Biblical story and suggest a task for spiritual growth.
Activity | Ages over 18

Commento

 

La colazione sul mare di Galilea      

Da Joe David (machine translated into italiano)

The net was so full that they could not draw it into the boat.

Verso la fine del vangelo di Giovanni, (in Giovanni 21:1-14), troviamo una storia in cui, alcuni giorni dopo la crocifissione e la risurrezione di Gesù, sette dei suoi discepoli si sono recati a nord di Gerusalemme, nel mare di Galilea. Su suggerimento di Pietro, sono andati tutti a pescare sulla barca di Pietro. Ma ci provano tutta la notte, non hanno fortuna e non prendono niente. Sono vicini alla riva, e quando la luce del primo mattino comincia a crescere, vedono un uomo in piedi vicino all'acqua. Egli li chiama chiedendo loro se hanno pescato qualcosa. Quando rispondono "no", dice loro: "provate dall'altra parte della barca". Quando lo fanno prendono così tanti pesci che non riescono a tirare la rete nella barca, è troppo pesante. Così remano verso riva lasciando che la rete piena di pesce si trascini sul fondo.

All'inizio non riconoscono che l'uomo che stanno vedendo è Gesù. Ha un piccolo fuoco acceso, sta cucinando il pesce e li invita a fare colazione con Lui. Poi Giovanni dice tranquillamente a Pietro che è Gesù. Pietro afferra il suo mantello, lo cinge intorno a sé per coprire la sua nudità, e salta dentro per nuotare fino a riva, dato che sono già molto vicini.

Questa storia ha alcuni dettagli interessanti da esplorare. La prima delle storie di cose accadute dopo il sorgere del Signore ha avuto luogo a Gerusalemme o vicino a Gerusalemme, ma questa è in Galilea. Cinque di questi discepoli sono nominati, e almeno quattro dei cinque che conosciamo sono della Galilea, quindi venendo lì sono a casa loro, e questi sono pescatori, quindi andare a pescare è nel loro sangue. I cinque nominati sono Simone (o Pietro), i fratelli Giacomo e Giovanni, Tommaso e Natanaele, e poi altri due che non sono nominati, per formare i sette. Sarebbe ragionevole indovinare che i due senza nome sono Andrea, il fratello di Peter, e Filippo, un amico di Nathaniel, che sappiamo essere entrambi di quella zona vicino al lago.

Gli angeli che Pietro e Giovanni videro al sepolcro avevano detto loro che Gesù li avrebbe incontrati in Galilea sul "monte", e forse questi sette, perché venivano dalla Galilea, si affrettarono a precedere gli altri.

Guardiamo i loro nomi e vediamo qual è il significato letterale e cosa rappresentano in modo spirituale.

- Simone fu ribattezzato da Gesù con il nome di 'Pietro', che in greco significa una roccia, e nel suo caso, la roccia più ferma e critica, o verità, del cristianesimo, che Gesù era di Dio.

- Giovanni significa amore o carità.

- Il fratello di John, James, significa fare la carità.

- Nathaniel significa un dono di Dio, ed essendo un amico di Filippo, penso che potrebbe essere che il dono di Dio che egli rappresenta è l'amore di imparare cose che riempiono la comprensione, la nostra curiosità.

- Thomas, in greco, significa un gemello, e poiché il suo nome deriva proprio da quello di Pietro, forse ha una rappresentazione simile. Pietro crede facilmente nel Signore per quello che ha visto e per quello che il Signore gli ha detto, mentre Tommaso crede, e crede altrettanto fortemente, ma solo dopo che i suoi dubbi sono stati cancellati, dopo che gli è stato mostrato.

Le città più citate nelle storie che si svolgono intorno al "Mare di Galilea" nei Vangeli sono Betsaida, Cafarnao, Cana e Nazareth. Betsaida stessa significa "un luogo di pesca". Le mappe che ho della zona sono in scala ridotta e non sono tutte esattamente le stesse, ma l'indicazione è che si trova all'estremità settentrionale del lago o addirittura sull'alto fiume Giordano poco prima di confluire nel lago. Cafarnao e Magdala si trovano sulla riva nord-occidentale e Cana e Nazareth sono nell'entroterra, ma solo quattro o cinque miglia a ovest di questo angolo del lago. Questa zona era il luogo in cui la maggior parte di questi discepoli era stata allevata, e la pesca era un'occupazione comune.

Il nome Galilea significa "un circuito". La Parola ci insegna che Gesù insegnava nelle città intorno al lago, in modo che una lettura di tutto ciò che Gesù insegnava e faceva in quel paese potesse essere pensata come un "circuito" dei suoi insegnamenti.

Il dettaglio successivo di interesse è che quando il Signore suggerisce l'altro lato della barca e il risultato è una grande cattura di pesce dopo una lunga notte di nulla. Questo ricorda l'incidente di pesca dato in Luca 5:4-7. Poiché i discepoli devono diventare "pescatori di uomini" (come in Matteo 4:19) e devono persuadere le persone a conoscere e ad adorare il Signore, il Cristo, è forse una lezione che nel loro ministero devono essere sempre guidati dal Signore.

Allora Giovanni si rende conto, e sussurra a Pietro: "è il Signore" (Giovanni 21:7) e Peter si mette rapidamente il mantello e salta dentro per arrivare a riva più velocemente. Perché è Giovanni che si rende conto per primo? Giovanni rappresenta l'amore e l'affetto, mentre Pietro rappresenta la fede o la verità. Mentre la verità è il mezzo per agire, come Pietro, l'amore è il mezzo per connettersi, che è ciò che Giovanni ha fatto. E perché Pietro doveva prendere il suo mantello e indossarlo? L'abito nella Parola rappresenta le verità sulle cose spirituali che tutte le persone possono avere se le cercano e sono le verità particolari che formano Pietro come discepolo, "Tu sei il Cristo" (Matteo 16:16-18) che risponde al Signore, e questa verità è la roccia della chiesa cristiana. Avere questa verità come parte di sé è necessario per incontrare il Signore.

Quando sono tutti a riva, Gesù dice loro di portare alcuni dei pesci che hanno pescato, così Pietro va in acqua e trascina la rete piena sulla sabbia e conta i pesci, centocinquantatre. Allora Gesù li invita tutti a venire a mangiare.

Ora uno strano commento viene inserito nella storia: "...nessuno dei discepoli gli chiese: 'Chi sei tu?', sapendo che era il Signore." (Giovanni 21:12). Sembra che avrebbero dovuto saperlo, lo seguivano da diversi anni. Mi chiedo se questo sia un promemoria del fatto che la chiesa cristiana non ha ancora compreso la vera realtà del Signore - era Dio, o era uomo? La Chiesa cattolica lo ha sostenuto per più di trecento anni, e il Concilio che avrebbe dovuto decidere si è formato con tre persone distinte, Padre, Figlio e Spirito Santo, tutte in un'unica divinità. Alcune delle chiese cristiane di oggi sembrano concentrarsi su due, il Padre, e un Figlio nato dall'eternità, che apparentemente governano entrambi insieme.

La Nuova Chiesa cristiana comprende che Gesù è nato sia Dio che l'uomo, ma che c'è stato un lento ma inevitabile cambiamento durante la sua vita. Egli è nato con Dio, Geova, come suo intimo, e un'eredità umana e un corpo da Maria come copertura o mantello su questo intimo. Maria era, ricorderete, della casa reale di Davide, quindi la sua eredità era forte e inclusiva, e quindi rappresentava tutto ciò che era connesso alla forma ebraica di culto. Durante la vita di Gesù (e cominciando presto, anche se non sappiamo quanto presto), Egli rimandò le cose da Maria, e mise al suo posto quello che era un corrispondente divino, dal suo intimo, fino a quando il mattino di Pasqua fu completamente divino, con tutto ciò che veniva da sua madre disperso e sparito. C'è un solo Dio.

Perché in questa piccola storia si parla del numero di pesci che sono stati catturati nella rete, e perché ora sembra così importante che Peter si sia preso il tempo di contarli mentre tutti aspettavano? Una cosa che è stata rivelata alla Nuova Chiesa cristiana è che tutti i numeri usati nelle storie della Parola hanno un significato che appartiene a quel numero anche al di fuori dell'uso letterale nella storia. Il numero 153 può essere visto come la combinazione di 150 e 3, ed entrambi hanno un forte significato. A partire dal "tre", non ci dovrebbero essere dubbi sul fatto che significhi qualcosa, visto che viene usato così spesso. Gesù si alzò il terzo giorno. Tre è anche il numero di cose che, messe insieme, rendono completo qualsiasi cosa, il desiderio o la voglia di farlo, la conoscenza di come farlo, e il fare vero e proprio. Questo vale per qualsiasi compito, dalla preparazione di una torta fino all'amore del Signore, alla sua saggezza e al suo atto di creare l'universo. Centocinquanta non è così semplice. Sono consapevole di due soli posti in cui viene usato nella Parola, e ci viene detto che significa un cambiamento totale, una fine di qualcosa e l'inizio di qualcosa di diverso. Viene usato qui e nella storia del diluvio, alla fine del Genesi 7 e in Genesi 8:3"E le acque hanno prevalso sulla terra per centocinquanta giorni". "... E le acque tornarono continuamente da fuori della terra; e dopo la fine dei centocinquanta giorni le acque si placarono". L'uso qui è che significa la fine della Chiesa chiamata "Adamo" e l'inizio della Chiesa chiamata "Noè" (Vedi su questo sito web "Le Chiese", e per il significato, vedi Arcana Coelestia 812, 846). Nella storia che stiamo considerando significa la fine della Chiesa chiamata Israele e l'inizio della Chiesa cristiana, anche se questo è probabilmente completo uno o due giorni dopo, quando il Signore incontra tutti i suoi discepoli sulla montagna e li manda a predicare e a guarire.

Questa prima parte di questa storia si conclude con tutti i sette discepoli sulla riva con Gesù, e il suo dare loro una colazione di pane e pesce arrosto, e con questo dare forse tutti hanno capito pienamente chi era, come per i due a Emmaus, e il Vangelo commenta: "Questa è ora la terza volta che Gesù si mostra ai suoi discepoli dopo che è risorto dai morti.


Traduci: