La Bibbia

 

1 Kings 22:1-18 : Ad Achab non piace il modello

Study

        

1 And they continued three years without war between Syria and Israel.

2 And it came to pass in the third year, that Jehoshaphat the king of Judah came down to the king of Israel.

3 And the king of Israel said unto his servants, Know ye that Ramoth in Gilead is ours, and we be still, and take it not out of the hand of the king of Syria?

4 And he said unto Jehoshaphat, Wilt thou go with me to battle to Ramoth-gilead? And Jehoshaphat said to the king of Israel, I am as thou art, my people as thy people, my horses as thy horses.

5 And Jehoshaphat said unto the king of Israel, Inquire, I pray thee, at the word of the LORD to day.

6 Then the king of Israel gathered the prophets together, about four hundred men, and said unto them, Shall I go against Ramoth-gilead to battle, or shall I forbear? And they said, Go up; for the Lord shall deliver it into the hand of the king.

7 And Jehoshaphat said, Is there not here a prophet of the LORD besides, that we might inquire of him?

8 And the king of Israel said unto Jehoshaphat, There is yet one man, Micaiah the son of Imlah, by whom we may inquire of the LORD: but I hate him; for he doth not prophesy good concerning me, but evil. And Jehoshaphat said, Let not the king say so.

9 Then the king of Israel called an officer, and said, Hasten hither Micaiah the son of Imlah.

10 And the king of Israel and Jehoshaphat the king of Judah sat each on his throne, having put on their robes, in a void place in the entrance of the gate of Samaria; and all the prophets prophesied before them.

11 And Zedekiah the son of Chenaanah made him horns of iron: and he said, Thus saith the LORD, With these shalt thou push the Syrians, until thou have consumed them.

12 And all the prophets prophesied so, saying, Go up to Ramoth-gilead, and prosper: for the LORD shall deliver it into the king's hand.

13 And the messenger that was gone to call Micaiah spake unto him, saying, Behold now, the words of the prophets declare good unto the king with one mouth: let thy word, I pray thee, be like the word of one of them, and speak that which is good.

14 And Micaiah said, As the LORD liveth, what the LORD saith unto me, that will I speak.

15 So he came to the king. And the king said unto him, Micaiah, shall we go against Ramoth-gilead to battle, or shall we forbear? And he answered him, Go, and prosper: for the LORD shall deliver it into the hand of the king.

16 And the king said unto him, How many times shall I adjure thee that thou tell me nothing but that which is true in the name of the LORD?

17 And he said, I saw all Israel scattered upon the hills, as sheep that have not a shepherd: and the LORD said, These have no master: let them return every man to his house in peace.

18 And the king of Israel said unto Jehoshaphat, Did I not tell thee that he would prophesy no good concerning me, but evil?

    Studia il significato interno

Commento

 

Ad Achab non piace il modello

     

Da Rev. Eric Carswell (machine translated into Italiano)

E Giosafat disse: "Non c'è qui ancora un profeta dell'Eterno che noi possiamo interrogare?" Allora il re d'Israele disse a Giosafat: "C'è ancora un uomo, Micaia, figlio di Imlah, per mezzo del quale possiamo interrogare l'Eterno; ma io lo odio, perché non profetizza il bene su di me, ma il male". (I Re 22:7-8)

Re Achab è quasi una figura comica nel suo lamentarsi delle cattive notizie che sente sempre da un profeta del Signore. La qualità più sorprendente della sua risposta è che sembra completamente inconsapevole del fatto che lui è personalmente responsabile della cattiva profezia che gli arriva sempre. Achab aveva notato che c'era un chiaro schema in ciò che sentiva, ma non era nella sua volontà di vedere che poteva fare qualcosa al riguardo.

Senza schemi nella vita non potremmo imparare nulla. Se non ci fosse un ordine nel mondo che la nostra mente potesse riconoscere, saremmo continuamente sommersi da un disordine di viste, suoni, odori, senso del tatto e saremmo terribilmente limitati nel fare qualsiasi tipo di scelta. Per esempio, cosa succederebbe se a volte i banchi in cui siete seduti non avessero più forza di un sottile cartone e a volte vi sorreggessero come fanno ora? Non sapreste mai se sono sicuri per sedersi. E se a volte il vostro tipo di mela preferito avesse il suo normale sapore succoso e altre volte, senza alcun cambiamento di aspetto, avesse un sapore terribilmente miserabile? Non esitereste prima di addentarne una?

Nelle nostre relazioni con altre persone i modelli non sono sempre così chiari. A volte siamo molto sorpresi dalle risposte che gli altri ci danno quando diciamo o facciamo qualcosa. Possiamo pensare di fare un commento perfettamente innocuo solo per avere qualcuno che esplode di rabbia apparentemente come risultato di ciò che abbiamo detto. Possiamo cercare di essere d'aiuto e invece peggioriamo solo un problema.

Presto segneremo la fine di un anno solare e l'inizio di uno nuovo. È comune per molte persone usare questo passaggio annuale per riflettere su ciò che è accaduto nell'anno passato. Si possono vedere articoli di riviste che passano in rassegna l'anno in immagini che considerano chi ha dato un contributo particolarmente notevole degli eventi dell'anno. Una persona può anche fare un bilancio della propria vita nell'ultimo anno e riflettere sui modelli riflessi dagli eventi che si sono verificati.

Il Signore ci incoraggia fortemente a fare questo tipo di riflessione. Anche se questo particolare periodo dell'anno non sembra essere opportuno per tale considerazione, è assolutamente vitale che troviamo il tempo per riconoscere gli schemi chiave nella nostra vita: schemi in ciò che ci interessa e pensiamo, schemi in ciò che diciamo e facciamo e schemi nei risultati che quelle parole e azioni producono. Se non vediamo schemi, non impareremo molto e probabilmente continueremo in abitudini che non sono buone per noi stessi e non sono buone nemmeno per le persone intorno a noi.

Achab come re rappresenta la parte di comprensione della nostra mente che dirige le decisioni che prendiamo e la nostra prospettiva su ciò che è più importante. Il Signore ci ha dato la capacità di riflettere liberamente sui nostri modelli di vita spirituali e naturali. Come detto nella Divina Provvidenza 278, ci è data la capacità di guardare queste cose perché abbiamo la possibilità di pensiero superiore e inferiore, o pensiero interiore ed esteriore. Dal pensiero superiore o interiore possiamo guardare ciò che accade nel piano inferiore o più esteriore della nostra mente. Abbiamo la capacità di notare che siamo di buon o cattivo umore o che stiamo pensando più o meno chiaramente del solito.

Ma da soli, tutta questa capacità non significherebbe una quantità enorme perché ci sono modelli cruciali nella vita che l'osservazione naturale non dà ad una persona. Il profeta Micaiah, che Ahab vedeva come un piantagrane, rappresenta la verità del Signore che deve avere la sua fonte iniziale nella rivelazione divina. Senza la rivelazione divina ci sono molte cose che non potremmo sapere, come chiaramente affermato nel seguente passo degli Scritti:

. . .senza la Parola nessuno possederebbe l'intelligenza spirituale, che consiste nell'avere conoscenza di un Dio, del cielo e dell'inferno, e di una vita dopo la morte; né saprebbe nulla del Signore, della fede in Lui e dell'amore per Lui, né nulla della redenzione, per mezzo della quale tuttavia viene la salvezza. Come dice anche il Signore ai suoi discepoli: "Senza di me non potete far nulla" (Giovanni 15,5); e a Giovanni: "Nessuno può ricevere nulla se non gli è dato dal cielo" (Giovanni 3,27). (Dottrina della Sacra Scrittura 114)

È importante per noi conoscere il Signore e ciò che è vero e buono dalla Parola. Ma la sua conoscenza e la mia sono relativamente inutili se non riconosciamo come la sua descrizione di ciò che è reale e la sua descrizione delle conseguenze di certi modelli di preoccupazione, pensiero, parola e azione si riferiscono alla nostra vita. Da soli non vogliamo vedere questi schemi nella nostra vita.

Ecco un altro passaggio:

. . .da se stessi gli uomini non desiderano capire nulla se non ciò che proviene da ciò che è loro proprio nella loro volontà, e anche che non è possibile per loro farlo se non c'è qualche altra fonte da cui lo possano conoscere. Da ciò che è loro proprio nella volontà gli uomini non desiderano capire nulla se non ciò che riguarda loro stessi e il mondo; tutto ciò che è al di sopra di questo è per loro in una fitta oscurità. (Dottrina della Sacra Scrittura 115)

Eppure ci è stato chiaramente insegnato che al di sopra di noi stessi e delle cose del mondo naturale c'è un mondo spirituale che è effettivamente più reale e più duraturo di questo mondo. Ci è stato chiaramente insegnato che le nostre menti e i nostri spiriti sono costantemente in compagnia di altri spiriti di quel mondo. Senza la loro presenza non avremmo alcun pensiero né ci importerebbe di nulla. Mentre perseguiamo i nostri modelli quotidiani di pensiero e azione, stiamo rafforzando i legami con le comunità di quegli spiriti. Le nostre scelte quotidiane sono investimenti spirituali nel nostro futuro eterno. Alcune persone si collegano giorno dopo giorno sempre più chiaramente a comunità di spiriti che garantiranno loro di sentirsi critici verso gli altri e facilmente offesi dal minimo inconveniente che attraversa il loro cammino. Alcuni si collegano sempre più chiaramente a comunità di spiriti che rendono loro quasi impossibile dire la verità a se stessi e agli altri - ogni evento problematico verrà spiegato o giustificato. Altri si collegano a comunità che trovano la loro più grande gioia nell'essere al servizio delle persone intorno a loro. Altri ancora si collegano a comunità che si preoccupano veramente di capire ciò che è vero perché sanno che questo è l'unico modo in cui potranno seguire veramente il Signore. La singola comunità nella prossima vita, in cielo o all'inferno, a cui ci colleghiamo più strettamente con le nostre scelte quotidiane sarà quella in cui vivremo per l'eternità dopo la morte.

Come possiamo sapere a quale tipo di comunità ci stiamo collegando? Riflettendo sui modelli della nostra vita a partire dalla conoscenza di ciò che è vero.

Le persone che riflettono, o sono in grado di riflettere, sugli affetti del bene e della verità in se stesse, e anche sulle loro delizie e piaceri, noteranno una forte inclinazione per [alcuni affetti] a preferenza di altri; ma senza riflessione queste e simili cose non appaiono. (Arcana Caelestia 3980)

Achab non voleva vedere i modelli nella sua vita che condannavano alcune delle sue azioni. Avrebbe preferito ascoltare i falsi profeti che promettevano cose meravigliose, ma non poteva sfuggire alla realtà dell'ordine che il Signore aveva creato. Che volesse ascoltarlo o meno, le conseguenze di quell'ordine avrebbero influenzato la sua vita.

Dove si troverà ognuno di noi nella vita dopo la morte? Gli Scritti dicono che se abbiamo una conoscenza di come diversi amori buoni e cattivi corrispondono a diversi ambienti belli e brutti, allora possiamo sapere quale sarà la nostra sorte nell'eternità. Questo è descritto nel seguente passaggio dal libro degli Scritti chiamato Paradiso e Inferno.

Le persone che sono impegnate in [una conoscenza delle corrispondenze] possono riconoscere e conoscere il loro stato dopo la morte a condizione che conoscano il loro amore e come esso si riferisce nella sua natura all'amore dominante a cui tutti gli amori risalgono.

Tuttavia, le persone che sono coinvolte nell'amor proprio non possono sapere qual è il loro amore dominante perché amano qualsiasi cosa sia loro e chiamano buoni i loro mali. Chiamano vere anche le cose false, le false nozioni che le sostengono e che usano per razionalizzare i loro mali. Se volessero, però, potrebbero ancora conoscere [il loro amore dominante] da altre persone che sono sagge, ma queste ultime vedono ciò che loro stessi non vedono. Questo non accade, però, nel caso di persone che sono così avvinte al loro amor proprio che non hanno altro che disprezzo per qualsiasi insegnamento dei saggi, che sono saggi, e che vedono ciò che essi stessi non vedono. Questo però è impossibile con coloro che sono così allettati dall'amore per se stessi che rifiutano ogni insegnamento dei saggi.

D'altra parte, le persone che sono nell'amore celeste accettano l'istruzione e vedono i mali in cui sono nati quando vi sono condotti. Li vedono dalle verità perché le verità rendono evidenti i mali. Chiunque può infatti vedere ciò che è male e la distorsione che provoca vedendo dalla verità che nasce da ciò che è bene; ma nessuno può vedere ciò che è buono e vero da un punto di vista del male. Questo perché le false nozioni che nascono dal male sono tenebre e corrispondono ad esso. Così le persone che sono intrappolate in false nozioni, [concetti e pregiudizi] che nascono dal male sono come ciechi che non vedono le cose che sono nella luce, e le evitano come i gufi evitano la luce del giorno. (Paradiso e Inferno 487)

Non è sufficiente riconoscere che tutti noi abbiamo colpe e difetti spirituali. Questo riconoscimento può essere del tutto inutile ed è così descritto nella Vera Religione Cristiana.

Nessuno può capire, dalla ragione che gli è stata data, che la mera confessione a parole di essere un peccatore non è pentimento, o il racconto di vari particolari riguardo a . . . ? Perché cosa è più facile per una persona, quando è in difficoltà e in agonia, che emettere sospiri e gemiti dai suoi polmoni e dalle sue labbra, e anche battersi il petto e rendersi colpevole di tutti i peccati, e ancora non essere consapevole di alcun peccato in sé? L'orda diabolica che allora occupa i suoi amori, se ne va insieme ai suoi sospiri? Non fischiano piuttosto quelle cose, e restano in lui come prima, come in casa loro? Da questo è chiaro che tale pentimento non è quello che si intende nella Parola; ma il pentimento dalle opere malvagie, come è detto. (Vera Religione Cristiana 529)

Sai in quale qualità della tua vita vorresti vedere un miglioramento nel prossimo anno? Il Signore non ci consiglia di affrontare troppi problemi in una volta sola. Egli descrive molto chiaramente i passi che dobbiamo fare se vogliamo migliorare spiritualmente.

La domanda quindi è: come deve pentirsi una persona? E la risposta è: In realtà; cioè, deve esaminare se stesso, riconoscere e conoscere i suoi peccati, pregare il Signore e iniziare una nuova vita. Che senza esame il pentimento non è possibile, è stato dimostrato nella sezione precedente. Ma a cosa serve l'esame se non per riconoscere i propri peccati? E perché dovrebbe riconoscere i suoi peccati, se non per riconoscere che sono in lui? E a cosa servono queste tre cose, se non a far sì che una persona possa confessare i suoi peccati davanti al Signore, pregare per un aiuto, e poi iniziare una nuova vita, che è il fine ricercato? Questo è il vero pentimento. (La vera religione cristiana 530)

Il Signore vuole che siamo veramente felici. Vuole che abbiamo la gioia di usare i doni e i talenti che ci ha dato per rendere il mondo intorno a noi un posto migliore per gli altri e per noi stessi. Ci ha dato la Sua Parola per aiutarci a imparare ciò che dobbiamo sapere se vogliamo prendere buone decisioni e seguire il Signore sempre più chiaramente nella nostra vita. Dobbiamo imparare dalla Parola e dobbiamo usare ciò che impariamo per riflettere sui modelli nelle nostre preoccupazioni, pensieri, parole e azioni. Mentre guardiamo a un nuovo anno solare, possa ognuno di noi impegnarsi nel lavoro personale che aiuterà quest'anno a essere un anno migliore per noi e per tutti coloro che entrano in contatto con noi.

(Riferimenti: Divina Provvidenza 278 [1-3]; Dottrina della Sacra Scrittura 114, 115)


Traduci: