Die Bibel

 

Ezekiel 23:15

Italian: Giovanni Diodati Bible (1649)         

Studieren Sie die innere Bedeutung

← früherer    Gesamtes Kapitel    Nächster →

15 cinte di cinture sopra i lor lombi, con delle tiare tinte in sul capo, d’aspetto di capitani tutte quante, di’ sembianza di figliuoli di Babilonia, del paese de’ Caldei, lor terra natia,

   Studieren Sie die innere Bedeutung
Swedenborg

Haupterklärung(en) aus den Werken Swedenborgs:

The Inner Meaning of the Prophets and Psalms 146


Weitere Verweise Swedenborgs zu diesem Kapitel:

Arcana Coelestia 1368, 2588, 4815, 8904, 9828, 10648

Apocalypse Revealed 350, 503, 601, 880

A Brief Exposition of New Church Doctrine 100

Doctrine of the Lord 64

Vita 79


References from Swedenborg's unpublished works:

Apocalypse Explained 433, 654, 1029

Word/Phrase Explanations

cinture
In a sense, the whole point of trying to accept the Lord and align ourselves with His love and His leading is so that we...

lombi
'Loins' in general, signify love, and when referring to the Lord, divine love. 'Loins' signify the interiors of conjugial love. Loins,' as in Isaiah 11:5,...

figliuoli
'A son,' as in Genesis 5:28, signifies the rise of a new church. 'Son,' as in Genesis 24:3, signifies the Lord’s rationality regarding good. 'A...

Babilonia
Babylon was an ancient city built on the Euphrates river in what is now southern Iraq. It once was the capital of a great empire...

Caldei
Chaldea was a land lying along the Euphrates river near its mouth, south of Babylon, part of what is now southern Iraq. It was a...

terra
'Lands' of different nations are used in the Word to signify the different kinds of love prevalent in the inhabitants.

Aus Swedenborgs Werken

 

Arcana Coelestia (Italian translation)      

Study this Passage

Gehen Sie zum Abschnitt / 10837  

← früherer   Nächster →

1368. Che per Ur dei caldei s'intenda il culto esterno in cui sono le falsità si evince dal significato di caldei nella Parola. È stato mostrato in precedenza, al versetto 9, che per Babele s'intende il culto nel quale interiormente ci sono i mali, e per Caldea s'intende il culto in cui interiormente ci sono le falsità. Di conseguenza per Babele s'intende il culto interiormente non vi è nulla del bene; e per Caldea, il culto in cui interiormente non vi nulla della verità. Un culto in cui interiormente non vi è alcun bene, né alcuna verità è un culto che interiormente è profano e idolatrico. Che tale culto s'intenda per Caldea può essere visto dai seguenti passi.

In Isaia:

Ecco la terra dei caldei; questo popolo non è più; Assur lo fondò in Ziim; essi ne edificano le torri di guardia fino suoi palazzi. Egli li ne farà un cumulo di rovine (Isaia 23:13)

La terra dei Caldei, che non è un popolo, significa la falsità. Assur la fondò, significa i ragionamenti. Le torri di guardia, le fantasie.

Nello stesso profeta:

Così ha detto Jehovah, il tuo Redentore, il Santo d'Israele, Per il tuo bene ho mandato un esercito contro Babilonia, e ho fatto cadere le loro difese, e sulle navi dei caldei risuonano grida di lutto (Isaia 43:14)

Babilonia indica il culto nel quale interiormente c'è il male. I caldei, il culto nel quale interiormente c'è la falsità. Le navi sono le conoscenze della verità che sono state corrotte.

(Verweise: Genesis 11:9)


[2] Nello stesso profeta:

Siedi in silenzio e nasconditi nelle tenebre, o figlia dei caldei; perché essi non ti chiamano più signora dei regni. Ero adirato con il mio popolo, e ho lasciato che la mia eredità fosse profanata, e li abbandonai nelle tue mani. Un giorno, due cose ti accadranno improvvisamente, perderai i tuoi figli e rimarrai vedova. Queste due disgrazie piomberanno su di te a causa della moltitudine delle tue stregonerie, e a causa dei tuoi incantesimi (Isaia 47:5-6, 9)

Qui è evidente che Caldea è la profanazione della verità, cui si fa riferimento con le sue stregonerie e incantesimi.

Nello stesso profeta:

Andate via da Babilonia, fuggite dai Caldei! (Isaia 48:20)

cioè dalla profanazione del bene e della verità nel culto.

In Ezechiele:

Fa' conoscere a Gerusalemme i suoi abomini; tuo padre era un amorreo, e tua madre una ittita; ti sei prostituita con i figli di Egitto; ti sei prostituita con i figli di Assur; e hai moltiplicato le tue prostituzioni anche nella Caldea (Ezechiele 16:2-3, 26, 28-29).

Questo è detto in particolare della chiesa ebraica. I figli di Egitto, indicano le conoscenze mondane. I figli di Assur, i ragionamenti. La Caldea in cui Gerusalemme ha moltiplicato la sua prostituzione, la profanazione della verità. Chiunque può comprendere che qui non si fa riferimento ai paesi d'Egitto, Assiria e Caldea, né in alcun modo alla prostituzione.

[3] Nello stesso profeta:

Ohola si è prostituita. Ella stravedeva per i suoi amanti, gli assiri, suoi vicini; e non rinunciò a prostituirsi in Egitto. Ella ha moltiplicato le sue prostituzioni; e vide uomini, ritratti sui muri, immagini di caldei dipinti di vermiglio, con cinture ai fianchi, con ampi turbanti sulle loro teste, dall'aspetto di grandi capi, rappresentanti i figli di Babilonia, della Caldea, la loro terra natia. Non appena li vide se ne innamorò, e mandò loro messaggeri in Caldea. I figli di Babilonia la contaminarono con le loro fornicazioni (Ezechiele 23:5, 8, 14-17)

Qui i caldei sono chiamati figli di Babilonia, e indicano la verità profanata nel culto. Ohola indica la chiesa spirituale, che è chiamata Samaria.

[4] In Abacuc:

Ecco, io faccio sorgere i Caldei, popolo feroce e impetuoso, che percorre ampie regioni per occupare territori altrui. È feroce e terribile; e da lui esce il suo giudizio e la sua grandezza. Più veloci dei leopardi sono i suoi cavalli, più agili dei lupi della sera. Balzano i suoi destrieri, venuti da lontano, volano come l'aquila che piomba per divorare. Tutti avanzano per la rapina. La loro faccia è infuocata come il vento d'oriente (Abacuc 1:6-9)

La nazione caldea è qui descritta attraverso molte rappresentazioni che significano le profanazioni della verità nel culto.

(Verweise: Habakkuk 1:6, 1:9)


[5] Inoltre, Babilonia e la Caldea sono descritte in due interi capitoli in Geremia (capitoli Geremia 50 e Geremia 51), in cui ciò che s'intende per ciascuno di essi è chiaramente evidente, vale a dire, per Babilonia la profanazione delle cose celesti, e per la Caldea, la profanazione delle cose spirituali, nel culto. Da tutto questo è evidente ciò che è significato per Ur dei Caldei, cioè il culto esterno che interiormente è profano e idolatrico. Inoltre mi è stato permesso di sapere direttamente da loro stessi, che tale era la qualità del loro culto.

(Verweise: Genesis 11:28)

Gehen Sie zum Abschnitt / 10837  

← früherer   Nächster →

   Study this Passage
From Swedenborg's Works

Inbound References:

Arcana Coelestia 2220, 2466, 3079, 3901, 4335, 6534, 8904


Many thanks to the people of the Fondazione Swedenborg for their work in translating Arcana Coelestia, and for their generosity in making it available.


Übersetzen