Bible

 

Ezekiel 21

Italian: Riveduta Bible (1927)         

Studovat vnitřní smysl

← Předchozí   Další →

1 (H21-6) E la parola dell’Eterno mi fu rivolta in questi termini:

2 (H21-7) "Figliuol d’uomo, vòlta la faccia verso Gerusalemme, e rivolgi la parola ai luoghi santi, e profetizza contro il paese d’Israele;

3 (H21-8) e di’ al paese d’Israele: Così parla l’Eterno: Eccomi a te! Io trarrò la mia spada dal suo fodero, e sterminerò in mezzo a te giusti e malvagi.

4 (H21-9) Appunto perché voglio sterminare in mezzo a te giusti e malvagi, la mia spada uscirà dal suo fodero per colpire ogni carne dal mezzogiorno al settentrione;

5 (H21-10) e ogni carne conoscerà che io, l’Eterno, ho tratto la mia spada dal suo fodero; e non vi sarà più rimessa.

6 (H21-11) E tu, figliuol d’uomo, gemi! Coi lombi rotti e con dolore amaro, gemi dinanzi agli occhi loro.

7 (H21-12) E quando ti chiederanno: Perché gemi? rispondi: Per la notizia che sta per giungere; ogni cuore si struggerà, tutte le mani diverran fiacche, tutti gli spiriti verranno meno, tutte le ginocchia si scioglieranno in acqua. Ecco, la cosa giunge, ed avverrà! dice il Signore, l’Eterno".

8 (H21-13) E la parola dell’Eterno mi fu rivolta in questi termini:

9 (H21-14) "Figliuol d’uomo, profetizza, e di’: Così parla il Signore. Di’: La spada! la spada! è aguzzata ed anche forbita:

10 (H21-15) aguzzata, per fare un macello; forbita, perché folgoreggi. Ci rallegrerem noi dunque? ripetendo: "Lo scettro del mio figliuolo disprezza ogni legno".

11 (H21-16) Il Signore l’ha data a forbire, perché la s’impugni; la spada è aguzza, essa è forbita, per metterla in mano di chi uccide.

12 (H21-17) Grida e urla, figliuol d’uomo, poich’essa è per il mio popolo, e per tutti i principi d’Israele; essi son dati in balìa della spada col mio popolo; perciò percuotiti la coscia!

13 (H21-18) Poiché la prova è stata fatta; e che dunque, se perfino lo scettro sprezzante non sarà più? dice il Signore, l’Eterno.

14 (H21-19) E tu, figliuol d’uomo, profetizza, e batti le mani; la spada raddoppi, triplichi i suoi colpi, la spada che fa strage, la spada che uccide anche chi è grande, la spada che li attornia.

15 (H21-20) Io ho rivolto la punta della spada contro tutte le loro porte, perché il loro cuore si strugga e cresca il numero dei caduti; sì, essa è fatta per folgoreggiare, è aguzzata per il macello.

16 (H21-21) Spada! raccogliti! volgiti a destra, attenta! Volgiti a sinistra, dovunque è diretto il tuo filo!

17 (H21-22) E anch’io batterò le mani, e sfogherò il mio furore! Io, l’Eterno, son quegli che ho parlato".

18 (H21-23) E la parola dell’Eterno mi fu rivolta in questi termini:

19 (H21-24) "E tu, figliuol d’uomo, fatti due vie, per le quali passi la spada del re di Babilonia; partano ambedue dal medesimo paese; e traccia un indicatore, tracciato al capo della strada d’una città.

20 (H21-25) Fa’ una strada per la quale la spada vada a Rabba, città de’ figliuoli d’Ammon, e un’altra perché vada in Giuda, a Gerusalemme, città fortificata.

21 (H21-26) Poiché il re di Babilonia sta sul bivio, in capo alle due strade, per tirare presagi: scuote le freccie, consulta gl’idoli, esamina il fegato.

22 (H21-27) La sorte, ch’è nella destra, designa Gerusalemme per collocargli degli arieti, per aprir la bocca a ordinare il massacro, per alzar la voce in gridi di guerra, per collocare gli arieti contro le porte, per elevare bastioni, per costruire delle torri.

23 (H21-28) Ma essi non vedono in questo che una divinazione bugiarda; essi, a cui sono stati fatti tanti giuramenti! Ma ora egli si ricorderà della loro iniquità, perché siano presi.

24 (H21-29) Perciò così parla il Signore, l’Eterno: Poiché avete fatto ricordare la vostra iniquità mediante le vostre manifeste trasgressioni, sì che i vostri peccati si manifestano in tutte le vostre azioni, poiché ne rievocate il ricordo, sarete presi dalla sua mano.

25 (H21-30) E tu, o empio, dannato alla spada, o principe d’Israele, il cui giorno è giunto al tempo del colmo dell’iniquità;

26 (H21-31) così parla il Signore, l’Eterno: La tiara sarà tolta, il diadema sarà levato; tutto sarà mutato; ciò che in basso sarà innalzato; ciò ch’è in alto sarà abbassato.

27 (H21-32) Ruina! ruina! ruina! Questo farò di lei; anch’essa non sarà più, finché non venga colui a cui appartiene il giudizio, e al quale lo rimetterò.

28 (H21-33) E tu, figliuol d’uomo, profetizza, e di’: Così parla il Signore, l’Eterno, riguardo ai figliuoli d’Ammon ed al loro obbrobrio; e di’: La spada, la spada è sguainata; è forbita per massacrare, per divorare, per folgoreggiare.

29 (H21-34) Mentre s’hanno per te delle visioni vane, mentre s’hanno per te divinazioni bugiarde, essa ti farà cadere fra i cadaveri degli empi, il cui giorno è giunto al tempo del colmo dell’iniquità.

30 (H21-35) Riponi la spada nel suo fodero! Io ti giudicherò nel luogo stesso dove fosti creata, nel paese della tua origine;

31 (H21-36) e riverserò su di te la mia indignazione, soffierò contro di te nel fuoco della mia ira, e ti darò in mano d’uomini brutali, artefici di distruzione.

32 (H21-37) Tu sarai pascolo al fuoco, il tuo sangue sarà in mezzo al paese; tu non sarai più ricordata, perché io, l’Eterno, son quegli che ho parlato".

← Předchozí   Další →

   Studovat vnitřní smysl
Swedenborg

Hlavní výklad ze Swedenborgových prací:

The Inner Meaning of the Prophets and Psalms 144


Další odkazy Swedenborga k této kapitole:

Arcana Coelestia 309, 574, 2799, 4111, 6563, 8294, 8813, ...

Apocalypse Revealed 52, 748, 759, 924

L’Amore Coniugale 156

Doctrine of the Lord 4, 28, 48

True Christianity 156, 322


References from Swedenborg's unpublished works:

Apocalypse Explained 126, 131, 183, 504, 600, 840, 1082

Coronis (An Appendix to True Christian Religion) 58

Jiný komentář

  Příběhy:


Hop to Similar Bible Verses

Genesis 49:10

Judges 17:5

2 Chronicles 36:17

Esther 4:1

Job 9:22

Psalms 48:13, 80:17, 83:15, 89:40

Isaiah 13:7, 22:4, 37:24, 47:12

Jeremiah 6:7, 25, 12:12, 17:27, 21:14, 23:20, 26:12, 31:19, 32:24, 47:7, 49:1, 2, 52:4

Ezekiel 4:2, 5:12, 13, 6:2, 11, 7:2, 17, 12:10, 14:17, 15:1, 17:2, 13, 15, 21:3, 4, 9, 10, 22:13, 23:23, 24:9, 25:5, 28:23, 36:31

Hosea 3:4, 7:2, 9:9

Joel 2:1

Amos 1:14, 5:6, 7:4

Micah 5:1

Zechariah 9:9

Matthew 13:10, 23:12

Luke 1:52

Revelation 6:4

Word/Phrase Explanations

parola
'Word,' as in Psalms 119:6-17, stands for doctrine in general. 'The Word,' as in Psalms 147:18, signifies divine good united with divine truth. 'Word,' as...

Gerusalemme
Jerusalem first comes to or attention in II Samuel, chapter 5 where King David takes it from the Jebusites and makes it his capital. In...

Israele
'Israel,' in Jeremiah 23:8, signifies the spiritual natural church. The children of Israel dispersed all the literal sense of the Word by falsities. 'The children...

l’eterno
The Lord, in the simplest terms, is love itself expressed as wisdom itself. In philosophic terms, love is the Lord's substance and wisdom is His...

spada
A 'sword,' in the Word, signifies the truth of faith combating and the vastation of truth. In an opposite sense, it signifies falsity combating and...

giusti
He is said to be 'just' in a spiritual sense, who lives according to divine laws. They on the right hand being called 'just,' as...

carne
Flesh has several meanings just in its most obvious form. It can mean all living creatures as when the Lord talks about the flood "destroying...

settentrione
'North' signifies people who are in obscurity regarding truth. North,' in Isaiah 14:31, signifies hell. The North,' as in Jeremiah 3:12, signifies people who are...

lombi
'Loins' in general, signify love, and when referring to the Lord, divine love. 'Loins' signify the interiors of conjugial love. Loins,' as in Isaiah 11:5,...

dolore
Grief is anxiety of heart or will.

occhi
It’s common to say “I see” when we understand something. And indeed, “seeing” in the Bible represents grasping and understanding spiritual things. So it makes...

cuore
The heart means love. A good heart means love to the Lord and to the neighbor while a hard or stony heart means the love...

ginocchia
A knee,' as in Genesis 30:5, signifies conjugial love. The king,' as in Isaiah 66:12, signifies celestial love. A knee,' as in Ezekiel 7:17, signifies...

acqua
'Waters' signify truths in the natural self, and in the opposite sense, falsities. 'Waters' signify particularly the spiritual parts of a person, or the intellectual...

dice
As with many common verbs, the meaning of “to say” in the Bible is highly dependent on context. Who is speaking? Who is hearing? What...

macello
'Slaughter' signifies perdition and damnation. 'Slaughter' and 'a storm of slaughter,' signifies evils which destroy the goods of the church. 'The day of great slaughter'...

figliuolo
'A son,' as in Genesis 5:28, signifies the rise of a new church. 'Son,' as in Genesis 24:3, signifies the Lord’s rationality regarding good. 'A...

mano
Scientists believe that one of the most crucial developments in the evolution of humans was bipedalism – walking on two legs. That left our hands...

grida
'To wail and howl,' as in Micah 1:8, signifies the grief of the angels of heaven and the people of the church, where the church...

coscia
In Revelation 19:16, 'the Lord’s thigh' signifies the Word regarding its divine good. 'The thigh and loins' signify conjugial love, and because this is the...

grande
The word "great" is used in the Bible to represent a state with a strong degree of love and affection, of the desire for good;...

porte
"Gates" in ancient times had a significance that does not hold in the modern world. Cities then were enclosed by walls for protection; gates in...

parlato
Like "say," the word "speak" refers to thoughts and feelings moving from our more internal spiritual levels to our more external ones – and ultimately...

Due
The number "two" has two different meanings in the Bible. In most cases "two" indicates a joining together or unification. This is easy to see...

re
The human mind is composed of two parts, a will and an understanding, a seat of loves and affections, and a seat of wisdom and...

Babilonia
Babylon was an ancient city built on the Euphrates river in what is now southern Iraq. It once was the capital of a great empire...

Città
Cities of the mountain and cities of the plain (Jer. 33:13) signify doctrines of charity and faith.

rabba
Rabbath

Ammon
The children of Ammon ('Jeremiah 49:1'), signify those who falsify the truths of the Word, and of the church.

Giuda
City of Judah,' as in Isaiah 40:9, signifies the doctrine of love towards the Lord and love towards our neighbor in its whole extent.

strade
These days we tend to think of "roads" as smooth swaths of pavement, and judge them by how fast we can drive cars on them....

Fegato
'The liver,' as in Exodus 29:13, signifies interior purification, and 'the caul above the liver,' the inferior good of the external or natural self.

bocca
In most cases, "mouth" in the Bible represents thought and logic, especially the kind of active, concrete thought that is connected with speech. The reason...

voce
'Voice' signifies what is announced from the Word. 'Voice' often refers and is applied to things that cannot have a voice, as in Exodus 4,...

costruire
wrought (also entwined or entwisted) is predicated of the natural scientific principle, and in Isaiah 45:13, of divine natural truth.

iniquità
In the Word three terms are used to mean bad things that are done. These three are transgression, iniquity, and sin, and they are here...

ricordare
'To remember,' as in Genesis 41:9, signifies conjunction. 'Remembering' denotes conjunction because the remembrance of anyone in the other life joins them together, because as...

principe
'Vapor,' as in Jeremiah 10:13, signifies the ultimate truths of the church.

giorno
The expression 'even to this day' or 'today' sometimes appears in the Word, as in Genesis 19:37-38, 22:14, 26:33, 32:32, 35:20, and 47:26. In a...

tempo
Time is an aspect of the physical world, but according to Swedenborg is not an aspect of the spiritual world. The same is true of...

alto
'Height' signifies what is inward, and also heaven.

Giudizio
Judgement' pertains to the Lord's divine human and holy proceeding. Judgment' has two sides, a principle of good, and a principle of truth. The faithful...

divorare
When we eat, our bodies break down the food and get from it both energy and materials for building and repairing the body. The process...

empi
Swedenborg several times associates the “wicked” with “malevolence,” defines “malevolence” as “destroying good, interior and exterior,” and says that the wicked do this by disowning...

fuoco
Just as natural fire can be both comforting in keeping you warm or scary in burning down your house, so fire in the spiritual sense...

artefici
'A workman,' as in Hosea 8:6, signifies a person’s proprium or selfhood. 'A workman,' as in Zechariah 1:20, signifies the same thing as 'iron,' that...

sangue
Bloods signify evil, in Ezek. 16:9.

mezzo
'Middle' denotes what is primary, principal, or inmost.

Ze Swedenborgových děl

 

L’Amore Coniugale # 156

L’Amore Coniugale      

Study this Passage

Přejděte do sekce / 535  

← Předchozí   Další →

156. (14) La condizione del matrimonio è preferibile al celibato. Questo è evidente da quanto è stato finora detto in materia di matrimonio e di celibato. Che lo stato del matrimonio è da preferire perché esso esiste dalla creazione; perché la sua origine è il connubio della verità e del bene; perché la sua corrispondenza è con il matrimonio del Signore e della chiesa; perché la chiesa e l'amore coniugale sono compagni fedeli; perché il suo uso è preponderante sopra tutti gli usi di tutte le cose della creazione; perché di lì, secondo l’ordine discende la propagazione della razza umana, e anche del cielo angelico, che si compone attraverso la razza umana. Si aggiunga a ciò che il matrimonio è la pienezza dell'uomo; perché attraverso questo l'uomo diventa compiutamente uomo, come sarà illustrato nel capitolo seguente. Nel celibato tutte queste cose mancano.

(Odkazy: Genesis 5:1-2; Jeremiah 14:5; Matthew 19:4-5, 19:4-6)


[2] Tuttavia qualora si affermasse che il celibato è preferibile al matrimonio, e si esaminasse in modo da dimostrare questa asserzione con argomenti probanti, da queste conclusioni conseguirebbe: che i matrimoni non sono santi né casti; anzi, che la castità nel sesso femminile è possibile solo presso coloro che si astengono dal matrimonio e fanno voto di verginità perpetua; e inoltre che quelli che fanno voto di celibato perpetuo si intendono per:

Eunuchi che si sono fatti eunuchi per il bene del regno di Dio (Matteo 19:12)

E molte altre conclusioni, che in quanto provenienti da false proposizioni sono altrettanto false. Con eunuchi che si fanno eunuchi per il regno di Dio si intendono gli eunuchi spirituali, che sono quelli che nel matrimonio si astengono dai mali della promiscuità. Che non si faccia riferimento agli eunuchi italiani 1 è evidente.

151a. 2 A questo aggiungo due narrazioni. La prima:

- Mentre stavo tornando a casa dalla scuola della sapienza, di cui ho parlato sopra (n. 132.), sulla strada ho visto un angelo in vesti del colore del giacinto. Egli è venuto al mio fianco dicendomi: Vedo che vieni dalla scuola della sapienza, e che sei stato allietato da quanto hai udito lì. E poiché percepisco che tu non sei del tutto in questo mondo, essendo al tempo stesso nel mondo naturale, e quindi non conosci le nostre palestre olimpiche dove gli antichi savi incontrano e apprendono da quelli che provengono dal vostro mondo quali cambiamenti e quali vicende lo stato della sapienza stia attraversando, se non ti spiace ti

E mi ha portato verso il confine tra settentrione e oriente. E guardando di là da un luogo elevato, ecco! Ho visto una città, e su un lato di essa due colline, quella più vicina alla città era più bassa rispetto alle altre. E mi ha detto:

- Questa città si chiama Athenaeum, la collina più bassa,

Parnassium, e la più alta, Heliconeum. Sono così chiamate perché in quella città e nei dintorni abitano gli antichi savi della Grecia, come Pitagora, Socrate, Aristippo, Senofonte, con i loro discepoli e novizi.

Ho chiesto di Platone e Aristotele.

Egli ha detto:

- Loro e i loro seguaci abitano in un'altra regione, perché hanno insegnato le materie della ragione che appartengono all’intelletto, mentre gli altri hanno insegnato la morale che appartiene alla vita.

[2] Egli ha detto che da questa città Athenaeum spesso gli studenti sono inviati per apprendere dai cristiani, in modo che questi possano ragguagliarli sul modo in cui debbono pensare a Dio, sulla creazione dell’universo, sull’immortalità dell'anima, lo stato dell'uomo rispetto a quello delle bestie, e su altre materie inerenti la sapienza interiore. E mi ha detto che oggi un araldo ha annunciato in assemblea che i loro inviati si sono incontrati con i nuovi arrivati dalla terra, dai quali hanno udito stranezze. E abbiamo visto molti di loro uscire dalla città e dalle sue vicinanze, alcuni con alloro sulla testa, altri portavano palme nelle loro mani, altri libri sotto il braccio, e altri con penne sotto i capelli della tempia sinistra. Ci siamo uniti a loro e siamo andati insieme. Ed ecco, sulla collina c’era un palazzo a pianta ottagonale, denominato Palladium, e siamo entrati. Ed ecco, otto cavità esagonali in ognuna delle quali vi era una biblioteca, e anche un tavolo attorno al quale erano seduti quelli coronati con l’alloro. E nello stesso Palladium sono apparsi seggi scolpiti nella roccia, su cui gli altri si sono seduti.

[3] Poi una porta si è aperta a sinistra, da cui sono entrati i due nuovi arrivati dal mondo. E dopo il saluto, uno di quelli coronati di alloro ha chiesto:

- Quali nuove dalla terra?

Hanno detto:

- La novità è che uomini somiglianti a bestie sono stati trovati nei boschi, o bestie somiglianti a uomini. Ma si comprendeva dal loro volto e dal corpo che erano uomini, e che erano stato smarriti o abbandonati nei boschi nel secondo o terzo anno di vita.

Hanno aggiunto:

Non erano in grado esprimere il loro pensiero con il linguaggio, né erano in grado di imparare ad articolare il suono in qualsiasi parola. Neppure erano capaci di conoscere il cibo adatto a loro, come fanno le bestie, ma mettevano in bocca quello che trovavano nel bosco, sia pulito, sia sporco, e altre simili cose di cui hanno affermato:

- Alcuni dei dotti tra noi hanno ipotizzato, e altri dedotto, molte cose in merito allo stato degli uomini rispetto a quello delle bestie.

[4] All'udire questo alcuni degli antichi savi hanno chiesto quali ipotesi e quali deduzioni fossero state fatte. I due nuovi arrivati hanno risposto:

- Ne sono state fatte molteplici, tuttavia, possono essere sintetizzate in queste. (a) Che l'uomo nella sua stessa natura e anche dalla nascita è più ottuso e vile di tutti gli animali; e così diviene se non è istruito. (b) Che può essere istruito, perché ha imparato ad articolare i suoni e di là a parlare; e con questo mezzo ha iniziato ad esprimere i pensieri, e questo via via sempre più, finché è stato capace di esprimere le leggi della società, molte delle quali, tuttavia, sono innate negli animali. (c) Che le bestie hanno razionalità in modo analogo agli uomini. (d) Quindi, se le bestie potessero parlare avrebbero capacità di discernimento su ogni cosa, con la stessa abilità degli uomini; un segno di ciò è il fatto che esse, al pari degli uomini pensano in virtù della ragione e della prudenza. (e) Che la capacità d’intendere non è che una modificazione della luce dal sole, con l’interazione del calore attraverso l'etere; in modo che sia soltanto un'attività interiore della natura che può essere elevata fino ad apparire come sapienza. (f) Che quindi è inutile sostenere che un uomo vive dopo la morte diversamente dalla bestia; tranne forse che per alcuni giorni dopo la morte, per via dell’esalazione della vita dal corpo, egli può apparire come un vapore sotto forma di uno spettro, prima di disperdersi nella natura, un po’ come un ramoscello innalzato dalle ceneri appare nelle sembianze della propria forma. (g) Di conseguenza, che religione la quale insegni che c'è una vita dopo la morte è un’invenzione per mantenere la gente comune interiormente nella moderazione conformemente alle leggi della morale, così come sono esteriormente trattenuti dalle leggi civili. A questo, hanno aggiunto:

- L’individuo dotato di senso comune ragiona in questo modo, ma non l'intelligente.

Quando è stato loro chiesto:

- Cosa pensano gli intelligenti?

Hanno risposto che non li hanno uditi, ma suppongono che non sia nello stesso modo in cui ragionano i primi.

152a. A sentire queste cose tutti coloro che erano seduti ai tavoli hanno esclamato: Oh, che tempi corrono sulla terra! Ahimè, quali stravolgimenti ha subito la sapienza! Perché mai è degradata in sciocca fantasia!

Il sole è piazzato in basso rispetto alla terra, di fronte al suo meridiano! Chi può ignorare, circa l’evidenza di quelli abbandonati e trovati nei boschi, che l'uomo è tale senza istruzione? Che è conforme a quanto gli viene insegnato? Non è egli nato in una ignoranza maggiore delle bestie? Non deve imparare a camminare, e a parlare? Se non imparasse a camminare sarebbe in grado di stare eretto sui suoi piedi? Se non imparasse a parlare sarebbe in grado di esprimere qualsiasi pensiero? Non è ogni uomo esattamente come gli viene insegnato, folle dalla falsità, o savio dalla verità? E quando un uomo è folle dalla falsità non è egli persuaso nel suo delirio di essere più savio di colui che è savio dalle verità? Non vi sono uomini, sciocchi o folli, che non sono più uomini di quelli trovati nel bosco? Quelli che hanno perso la loro memoria non sono forse come loro?

[2] Possiamo concludere da tutto ciò che l'uomo senza istruzione non è un uomo; e non è una bestia, ma che egli è una forma che può ricevere in sé ciò che lo rende uomo; dunque egli non nasce uomo, ma diventa uomo; e l'uomo nasce in una forma tale che egli possa essere un organo ricevente la vita da Dio, al fine che egli possa essere un soggetto in cui Dio può portare ogni bene, e mediante l'unione in Lui, renderlo benedetto in eterno. Noi percepiamo da ciò che avete detto che la sapienza è ormai spenta nel tempo presente, o degradata nell’insensatezza, che gli uomini non sanno assolutamente nulla della condizione della vita degli uomini rispetto a quella delle bestie. Quindi non sanno nulla della condizione dell'uomo dopo la morte; e coloro che potrebbero conoscere queste cose, non sono disposti ad accettarle, e quindi le negano, come fanno molti dei vostri cristiani, i quali possono essere paragonati a quelli trovati nel bosco. Non che essi siano diventati così ottusi per mancanza di istruzione, ma che essi hanno reso se stessi ottusi da falsi ragionamenti indotti dalle percezioni dei sensi, che sono l'oscurità della verità.

153a. Poi uno in piedi in mezzo al Palladium, con la palma in mano, ha detto:

- Ti prego di spiegare questo arcano: come può l'uomo creato a immagine di Dio essere cambiato nell’immagine di un diavolo. Io so che gli angeli del cielo sono immagini di Dio; e che gli angeli dell'inferno sono immagini del diavolo; e le due immagini sono opposte; le une della sapienza, le altre della follia. Dicci, dunque, come può l'uomo creato a immagine di Dio, passare dalla luce in tale oscurità, avendo negato Dio e la vita eterna?

[2] A questo gli antichi savi hanno risposto nell’ordine: prima i pitagorici, poi i socratici, e poi gli altri. Ma c'era un certo platonico tra di loro che ha parlato per ultimo, e la sua opinione che ha prevalso, era questa: Nel periodo di Saturno o età dell’oro, gli uomini sapevano di essere immagini ricettive della vita da Dio; e perciò la sapienza era iscritta nelle loro anime e nei loro cuori. Da qui hanno visto la verità dalla luce della verità; e dalla verità hanno percepito il bene dalla delizia del suo amore. Ma, poiché nelle epoche successive la razza umana si è allontanata dal riconoscere che ogni verità della sapienza e di là ogni bene dell’amore presso di loro, affluiscono continuamente da Dio, essi hanno cessato di essere dimore di Dio; e quindi anche la comunicazione con Dio e le associazioni con gli angeli sono cessate. Perché l'intimo delle loro menti, che era stato elevato da Dio verso l'alto fino a Dio, si è ripiegato su se stesso, in direzione opposta, cioè verso il basso, verso il proprio sé. E siccome Dio non può essere tenuto in considerazione nell’uomo interiormente invertito, cioè rivolto verso se stesso, l’uomo si è separato da Dio, ed è divenuto immagine dell’inferno, o del diavolo.

[3] E di qui segue che nella prima era gli uomini riconoscevano con il cuore e l'anima che ogni bene dell’amore, e di là ogni verità della sapienza in loro era da Dio; e anche che Dio era in loro, e che quindi erano semplicemente ricettacoli della vita da Dio; e per questa ragione erano chiamati immagini di Dio, figli di Dio, e nati da Dio. Ma nelle epoche successive ciò non è stato riconosciuto nel cuore e nell'anima, ma con una sorta di fede persuasiva; e poi con una fede storica; e, infine, unicamente con la bocca; e, riconoscere una simile verità solo con la bocca non è riconoscere, ma è negare nel cuore. Da questi fatti si può vedere quale sia la sapienza di questi tempi sulla terra, tra i cristiani, quando, anche se possono essere ispirati da Dio per rivelazione scritta, essi non conoscono la differenza tra uomo e bestia, e molti quindi credono che se l'uomo vive dopo la morte, anche un animale possa vivere, o che poiché una bestia non sopravvive alla morte, neppure l'uomo possa sopravvivervi. La nostra luce spirituale che illumina la visione della mente non diventa densa oscurità presso di loro? E la loro luce naturale che illumina solo la vista del corpo, non diviene splendore ai loro occhi?

154a. Dopo questo tutti si sono rivolti ai due nuovi arrivati e li hanno ringraziati per la loro visita e per i loro ragguagli, e li hanno pregati di comunicare ciò che avevano udito ai loro fratelli. I nuovi arrivati hanno risposto che desideravano approfondire la conoscenza di questa verità che, per quanto si attribuiscono ogni bene della carità e ogni verità della fede al Signore, e non a se stessi, si è uomini, e nella misura in cui ciò si compie, si diventa angeli del cielo.

155a. La seconda narrazione:

Un mattino, una dolcissima melodia è stata udita ad una certa altezza sopra di me, e mi sono destato dal sonno; e in quella prima veglia, che è più interiore, serena, e dolce delle ore seguenti della giornata, mi è stato permesso di rimanere per un certo tempo, nello spirito, come fuori dal corpo, e potevo focalizzare la mia attenzione alle affezioni che risuonavano nella melodia. Il canto dal cielo altro non era che un affezione della mente emessa dalla bocca come melodia; perché il suono si distingue dal discorso per un affezione dell’amore che dà vita alla parola. In quello stato ho avvertito che era un affezione delle delizie dell'amore coniugale, che era reso melodioso dalle mogli nel cielo. Ho percepito che era così dal suono della melodia, in cui tali piaceri sono variati in maniera meravigliosa. Dopo questo mi sono alzato e ho guardato all'esterno nel mondo spirituale. Ed ecco, a oriente sotto il sole è apparsa come una pioggia d’oro. Era la rugiada del mattino, in un’abbondanza tale da essere irradiata dai raggi del sole, e si presentava alla mia vista con l’aspetto di pioggia d'oro. Svegliato ancora di più da questo, ho camminato a lungo in spirito, e ho chiesto a un angelo, che proprio allora ho incontrato per caso, se avesse visto anche lui la pioggia d'oro che scendeva dal sole.

[2] Egli ha risposto che la vedeva tutte le volte che egli era in meditazione sull'amore coniugale. E poi, volgendo gli occhi in quella direzione ha detto:

- Quella pioggia è caduta in una sala in cui ci sono tre mariti con le mogli, che abitano nel mezzo di un paradiso orientale. Tale pioggia sembra scendere dal sole su quella sala, perché la sapienza dell'amore coniugale ed i suoi piaceri abitano presso di loro, presso i mariti la sapienza dell’amore coniugale, e presso le mogli, i suoi piaceri. Ma vedo che tu stai meditando sui piaceri dell'amore coniugale. Pertanto ti condurrò in quella sala e ti presenterò. E mi ha guidato attraverso scene paradisiache in case costruite in legno di ulivo, con due colonne di cedro davanti all’ingresso; e mi ha presentato ai mariti, pregandoli di permettermi, in loro presenza, di parlare con le loro mogli. Ed essi si sono inchinati in segno di assenso e le hanno chiamate. Le mogli guardavano attentamente nei miei occhi. E ho chiesto:

- Cosa succede?

Hanno detto:

- Siamo in grado di vedere esattamente qual è la tua disposizione, e l’affezione da essa, e di qui, qual è il tuo pensiero circa l'amore del sesso; e vediamo che stai pensando intensamente ad esso, ma in modo casto.

Ed esse hanno chiesto:

- Cosa vuoi sapere in proposito?

Ho risposto:

- Ditemi, vi prego, qualcosa delle delizie dell’amore coniugale.

I mariti hanno acconsentito, dicendo:

- Se lo desideri parla con loro di ciò. Le loro orecchie sono caste.

[3] Ed esse hanno chiesto: Chi ti ha insegnato a chiedere a noi dei piaceri di questo amore? Perché non chiedi ai nostri mariti? Ho risposto:

- L’angelo che è con me, mi ha sussurrato all'orecchio che le mogli sono i ricettacoli e gli organi sensori di essi, perché sono nate come forme dell’amore, e ivi sono tutte le delizie dell'amore. A questo, con le labbra sorridenti, hanno risposto:

- Sii prudente, e non dire una cosa del genere, se non in un senso vago; perché si tratta di un sapienza profondamente custodita nel cuore del nostro sesso, e non rivelata ad alcuno a meno che il marito sia nell’amore autenticamente coniugale. I motivi sono molteplici e sono profondamente nascosti da noi. Poi i mariti hanno detto:

- Le mogli conoscono tutti gli stati della nostra mente, e niente è nascosto a loro. Esse vedono, percepiscono e avvertono ciò che esce dalla nostra volontà; mentre noi, al contrario, non percepiamo nulla delle mogli. Le mogli hanno questo dono perché sono più sensibili, appassionate e sollecite nella conservazione dell’amicizia e della fiducia coniugale, e così della felicità della vita di coppia, che cercano, per i loro mariti e per se stesse, in virtù della sapienza insita nel loro amore, che è così pieno di prudenza che non vogliono, e quindi non possono dire che amano, ma che sono amate. Ho chiesto:

- Perché non vogliono, e quindi non possono? Mi hanno risposto che, se la più piccola di queste cose fosse trapelata dalla loro bocca, la freddezza avrebbe pervaso i loro mariti, e li avrebbe allontanati dal letto, dalla camera e dalla vista. Ma questo avviene presso coloro che non considerano il matrimonio santo, e quindi non amano la loro mogli dall’amore spirituale. È altrimenti presso coloro che amano in forza dell’amore spirituale. Nella loro mente quell’amore è spirituale, e da qui, nel corpo è naturale. Noi, in questa sala, siamo in questo amore da quello, e quindi affidiamo i segreti delle delizie dell'amore coniugale ai nostri mariti.

[4] Ho cortesemente chiesto se potessero rivelare alcuni di questi arcani anche a me. E subito hanno guardato attraverso una finestra che dava a mezzogiorno, ed ecco, è apparsa una colomba bianca, le cui ali brillavano come d’argento, e la cui testa era addobbata con una cresta dorata. Si è posata su un ramo da cui è spuntata un’oliva. Quando la colomba era sul punto di stendere le ali, le mogli hanno detto:

- Ti riveleremo qualcosa. Il fatto che sia apparsa questa colomba è segno che noi possiamo. Ed esse hanno detto:

- Ogni uomo ha cinque sensi, vista, udito, olfatto, gusto e tatto. Ma noi abbiamo anche un sesto senso, che è il senso di tutte le delizie dell'amore coniugale del marito. Noi abbiamo questo senso nelle palme delle nostre mani, mentre noi tocchiamo il petto, le braccia, le mani, o le guance, in particolare il petto dei nostri mariti, e anche quando siamo toccate da loro. Tutta la letizia e la bellezza dei pensieri della loro mente interiore, e tutte le gioie ed i piaceri della loro mente esteriore, e la vivacità e l'allegria del loro cuore, si trasmettono da loro in noi, prendono forma e diventano percettibili, sensibili e tattili; e noi le percepiamo perfettamente e distintamente come un orecchio percepisce il tono di una melodia, o come la lingua distingue il sapore di una prelibatezza. In una parola, i piaceri spirituali dei nostri mariti si insinuano presso di noi, in una sorta di incarnazione naturale. Per questo motivo siamo chiamate dai nostri mariti gli organi sensoriali del casto amore coniugale e da lì, delle sue delizie. Ma questa percezione del nostro sesso esiste, sussiste e persiste, e si esalta nella misura in cui i nostri mariti ci amano in virtù della sapienza e del giudizio, e nella misura in cui noi a nostra volta, amiamo quella sapienza e quel giudizio in loro. Questa sensazione del nostro sesso è chiamata nei cieli il gioco della sapienza con il suo amore e dell’amore con la sua sapienza.

[5] Ero eccitato dalla voglia di sapere di più, sulla varietà di tali piaceri; ed esse hanno detto:

-È infinita. Ma noi non desideriamo dire di più, né possiamo,

perché la colomba alla nostra finestra, che si era posata sul ramo d'ulivo, è volata via.

Ho atteso il suo ritorno, ma invano. Nel frattempo ho chiesto ai mariti:

- Voi avete una simile percezione dell’amore coniugale?

Essi hanno risposto:

- Noi l’abbiamo in generale, ma non in particolare. Noi abbiamo una beatitudine generale, un piacere generale, una soddisfazione generale dalle sensazioni particolari delle nostre mogli; e questa sensazione generale che abbiamo da loro è come la serenità della pace.

Poi, ecco, al di là della finestra è apparso un cigno, che da un ramo di un albero di fico, ha spiegato le ali ed è volato via.

Vedendo ciò i mariti hanno detto:

- Questo è un segno per noi che ci impone il silenzio sull'amore coniugale. Torna in un altro momento e forse potrà essere rivelato di più.

Ed essi si sono allontanati.

La congiunzione delle anime e delle menti attraverso il matrimonio; cosa si intende con le parole del Signore,

156a. Essi non saranno più due ma una sola carne

Che con la creazione sia stata conferita all'uomo e alla donna la propensione e anche la capacità di congiungersi, in uno, e che questi attributi sono tuttora in entrambi, l'uomo e la donna, è evidente dal libro della creazione, e nello stesso tempo dalle parole del Signore. Nel libro della creazione, denominato Genesi, leggiamo che:

- Jehovah Dio creò la donna con la costola che aveva tolto all'uomo; e la condusse all'uomo; e l'uomo disse: Questa è ora ossa dalle mie ossa e carne della mia carne, il suo nome sarà donna [ishah], perché è stata tratta dall'uomo [ish]. Perciò l'uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie, e due saranno una sola carne (Genesi 2:22-24)

Allo stesso modo il Signore dice in Matteo:

Non avete letto che colui che li ha fatti fin dall'inizio li creò maschio e femmina e disse: A causa di ciò l'uomo lascerà il padre e la madre e si unirà a sua moglie, e due saranno una sola carne? Perciò essi non sono più due ma una sola carne (Genesi 19:4-5)

[2] Da questi passi è evidente che la donna è stata creata dall'uomo, e che vi è in entrambi la propensione e la facoltà a ricongiungersi in uno. Che la congiunzione è in una sola persona [homo] è anche chiaro dal libro della creazione, dove entrambi insieme sono denominati uomo; perché si legge che:

Nel giorno in cui Dio creò l'uomo, maschio e femmina li creò e diede loro il nome di uomo.

Ivi si dice anche:

Egli diede loro il nome di Adamo

ma Adamo in ebraico e uomo sono una sola parola. Sono anche chiamati insieme uomo nel capitolo 1:27, e 3:22-24 dello stesso libro. E un uomo è inteso anche per una sola carne, come risulta dai passi della Parola dove si parla di tutta la carne, per intendere ogni uomo, così in Genesi 6:12-13, 17, 19; Isaia 40:5-6, 49:26, 66:16, 23-24; Geremia 25:31; 32:27, 45:5; Ezechiele 20:48, 21:4-5; e altrove.

[3] Ma cosa si intende con la costola di un uomo da cui è stata creata la donna; cosa si intende per la carne che è stata racchiusa in quella sede, e quindi cosa si intende per ossa delle mie ossa e carne della la mia carne e per padre e madre che l'uomo dopo il matrimonio deve lasciare, e per si unirà a sua moglie, tutto questo è illustrato in Arcana Coelestia in cui vengono spiegati i due libri della Genesi e dell'Esodo con riferimento al significato spirituale. Ivi è illustrato che per costola non si intende costola, né per carne, carne, né per osso, osso, e neppure per unirsi, unirsi, ma che le cose spirituali che corrispondono a queste sono qui significate. Che il riferimento sia alle cose spirituali, circa il fatto che due fanno un solo uomo, è evidente in quanto l’amore coniugale li congiunge, e quell'amore è spirituale. È stato più volte affermato, sopra, che l'amore della sapienza dell'uomo è trasmesso alla moglie; e nelle sezioni che seguono questo sarà più compiutamente dimostrato; ma ora non possiamo deviare né fare digressioni dal tema qui proposto, che è la congiunzione di due coniugi in una sola carne con l'unione delle anime e delle menti. Questa unione deve essere illustrata nel seguente ordine:

(1) Che sia insito in ciascun sesso, dalla creazione, la capacità e la propensione con cui essi sono in grado e desiderano essere congiunti in uno.

(2) Che l'amore coniugale congiunge due anime e, quindi, due menti in uno.

(3) Che la volontà della moglie si congiunge con l’intelletto dell'uomo, e quindi l’intelletto dell'uomo con la volontà della moglie.

(4) Che la propensione a congiungere se stessa con l'uomo è stabile e perpetua presso la moglie, mentre presso l'uomo è instabile e discontinua.

(5) Che tale congiunzione è ispirata nell'uomo dalla moglie secondo l’amore di quest’ultima, ed è ricevuta nella donna dall’uomo secondo la sua sapienza.

(6) Che questa congiunzione avviene progressivamente dai primi giorni del matrimonio; e presso coloro che sono nell’amore autenticamente coniugale avviene sempre più interiormente per l'eternità.

(7) Che la congiunzione della moglie con la sapienza razionale del marito avviene in modo interiore; mentre con la sua sapienza morale in modo esteriore.

(8) Che al fine di questa congiunzione la moglie è dotata di una percezione delle affezioni del marito, nonché di eccellente giudizio nel temperarle.

(9) Che le mogli custodiscono questa percezione presso se stesse, e la nascondono ai loro mariti, per necessità; affinché l’amore coniugale, l'amicizia e la fiducia, e quindi la beatitudine del vivere insieme, e la felicità della vita, possano essere rinsaldate.

(10) Che questa percezione è la sapienza della moglie; che l’uomo non ne è dotato; e che la sapienza razionale dell'uomo non può essere presso la moglie.

(11) Che la moglie, per amore, focalizza continuamente il suo pensiero sulla disposizione dell'uomo verso se stessa, allo scopo della loro reciproca congiunzione; con l'uomo la situazione è diversa.

(12) Che la moglie si congiunge con l'uomo dedicando se stessa ai desideri della sua volontà.

(13) Che la moglie è congiunta al marito attraverso la sfera della sua vita che scaturisce dal suo amore.

(14) Che la moglie è congiunta al marito in virtù dell’acquisizione delle facoltà della sua virilità, ma questo ha luogo in base al loro reciproco amore spirituale.

(15) Che la moglie riceve in tal modo in se stessa l'immagine del marito, e da questo percepisce, vede, e sente le sue affezioni.

(16) Che ci sono funzioni proprie dell'uomo e funzioni proprie della moglie; e che la moglie non può intraprendere le funzioni proprie dell'uomo, né l'uomo quelle proprie della moglie, e portarle correttamente a compimento.

(17) Che queste funzioni, secondo l'aiuto reciproco, congiungono i due in uno; e nello stesso tempo fanno una dimora.

(18) Che i coniugi, in forza della congiunzione, diventano una sola persona sempre di più.

(19) Che coloro che sono nell’amore autenticamente coniugale si sentono come un’unica persona e come una sola carne.

(20) Che l’amore autenticamente coniugale considerato in sé è una unione di anime, una congiunzione delle menti, e uno sforzo di congiunzione nel seno e quindi nel corpo.

(21) Che gli stati di questo amore sono l’innocenza, la pace, la tranquillità, l’amicizia intima, la piena fiducia, e il desiderio reciproco della mente e del cuore di fare tra loro ogni bene; e da tutti questi provengono beatitudine, felicità, gioia, piacere, e dal loro eterno godimento, felicità celeste.

(22) Che queste cose non possono esistere in alcun modo tranne nel matrimonio di un uomo con una moglie.

La spiegazione di questi punti segue ora.

-----
Footnotes:

1 L'Autore fa riferimento alla pratica allora corrente nell'Italia del XVIII sec. ove per allevare cantanti con qualità straordinarie si ricorreva alla castrazione.

2 I numeri dei paragrafi da 151 a 156 sono ripetuti nella prima edizione. condurrò in un luogo dove dimorano molti degli antichi savi e molti dei loro figli, cioè dei loro discepoli.

-----

Přejděte do sekce / 535  

← Předchozí   Další →

   Study this Passage
From Swedenborg's Works

Inbound References:

L’Amore Coniugale 166, 173, 182, 202, 207, 208, 214, 334


   Parallel Passages:

True Christianity 692

Resources for parents and teachers

The items listed here are provided courtesy of our friends at the General Church of the New Jerusalem. You can search/browse their whole library by following this link.


 The White Dove
Project | Ages 4 - 10


Many thanks to Fondazione Swedenborg for making this translating publicly available.


Přeložit: