From Swedenborg's Works

Cielo e inferno #1

Cielo e inferno

Go to section / 603  

← Previous    Next →

1. Prefazione dell’Autore

Il Signore parlando ai suoi discepoli della fine dei tempi, cioè nell’ultimo periodo della chiesa,1 dice, all’avvicinarsi della predetta fine, in merito al successivo stato di amore e fede:2

Subito dopo l’afflizione di quei giorni il sole si oscurerà e la luna non darà il suo splendore, e le stelle cadranno dal cielo, e le potenze dei cieli saranno scosse. Ed allora apparirà nel cielo il segno del Figlio dell’uomo; ed allora tutte le tribù della terra faranno cordoglio, e vedranno il Figliuolo dell’uomo venire sulle nuvole del cielo con gran potenza e gloria. E manderà i suoi angeli con gran suono di tromba a radunare i suoi eletti dai quattro venti, da un capo all’altro dei cieli. (Matteo 24:29-31)

Coloro che si soffermano sul mero significato letterale di queste parole, hanno la convinzione che alla fine dei tempi, quando vi sarà il giudizio universale, tutte queste cose avranno luogo, così come sono descritte nel senso letterale, cioè che il sole e la luna si oscureranno e le stelle cadranno dal cielo, e che il segno del Signore apparirà nel cielo, ed egli stesso sarà visto sulle nubi, con gli angeli e con le trombe al seguito; inoltre è predetto in altri passi che l’intero universo sarà distrutto, e poi sorgerà un nuovo cielo e una nuova terra. Tale è la convinzione della maggior parte degli uomini nella chiesa, nel presente. Ma coloro che sono in questa fede ignorano i segreti che sono nascosti in ogni minimo dettaglio della Parola; in realtà in ogni singolo vocabolo della Parola vi è un significato interiore che concerne le cose spirituali e celesti anziché le cose naturali e mondane, così come appaiono nel senso letterale. E questo è vero non solo per il significato di gruppi di parole, ma per ciascuna parola.3 Perché la Parola è scritta esclusivamente per corrispondenze 4, affinché vi possa essere un significato interiore in ogni singolo particolare di essa. Quale sia questo significato lo si può vedere da tutto ciò che è stato scritto al riguardo in Arcana Coelestia [pubblicato nel 1749-1756]; e dalle citazioni attinte da quell’opera, nell’illustrazione del Cavallo Bianco [dell’Apocalisse, pubblicato nel 1758] cui si fa riferimento nell’Apocalisse.

È in conformità di quel significato spirituale, che deve essere inteso l’avvento del Signore dal cielo, sulle nuvole, di cui al passo sopra citato. Ivi il sole che si oscura significa il Signore quanto all’amore;5 la “luna” si riferisce alla fede;6 le stelle indicano la conoscenza del bene e della verità, o dell’amore e della fede;7 il “segno del Figlio dell’uomo nel cielo” indica la manifestazione della Divina verità; le “tribù della terra” significano tutte le cose concernenti la verità ed il bene, o la fede e l’amore;8 “l’avvento del Signore sulle nuvole del cielo, in gloria e potenza,” significa la sua presenza nella Parola e la sua rivelazione;9 le “nuvole” significano il senso letterale della Parola,10 e la “gloria” il senso interiore della Parola;11 gli “angeli con gran suono di tromba” indicano il cielo quale sorgente della Divina verità.12 Tutto questo chiarisce cosa deve intendersi con queste parole del Signore, vale a dire che alla fine della chiesa, quando non vi sarà più alcun amore, e quindi alcuna fede, il Signore svelerà il significato interiore della Parola e rivelerà i segreti del cielo. I segreti rivelati nelle seguenti pagine riguardano il cielo e l’inferno, nonché la vita dell’uomo dopo la morte. L’uomo della chiesa attualmente ha una scarsa conoscenza del cielo e dell’inferno, o della sua vita dopo la morte, sebbene questi argomenti siano contemplati e descritti nella Parola; ciò nondimeno molti di quelli nati in seno alla chiesa, negano queste cose, dicendo nel loro intimo, “Chi mai è venuto da quel mondo e ha confermato queste cose?” Per evitare che questo atteggiamento negazionista, invalso specialmente presso quelli pervasi dalla saggezza mondana, possa contaminare e traviare le persone semplici nel cuore e nella fede, mi è stato concesso di essere associato agli angeli e di parlare con loro, come tra uomo e uomo, e anche di vedere come sono i cieli e gli inferni, e questo da tredici anni, ormai; quindi, adesso posso descrivere ciò che ho visto è udito, nell’auspicio che l’ignoranza possa essere illuminata, e l’incredulità, dissipata. Le presenti rivelazioni sono estese ora perché questo deve intendersi per la venuta del Signore.

-----
Footnotes:

1. [I rinvii contenuti nelle note in questa edizione, se non altrimenti specificato, sono all'opera Arcana Coelestia di Emanuel Swedenborg, e sono stati inseriti dall'Autore]. La fine dei tempi è il periodo finale della chiesa ( Arcana Coelestia 4535, 10622).

2. Le profezie del Signore in Matteo 24, 25, in merito alla fine dei tempi ed alla sua venuta, alla fine della chiesa e al giudizio finale, sono spiegate nelle prefazioni ai capitoli da 26 a 40 della Genesi (nn. 3353-3356, 3486-3489, 3650-3655, 3751-3757, 3897-3901, 4056-4060, 4229-4231, 4332-4335, 4422-4424, 4635-4638, 4661-4664, 4807-4810, 4954-4959, 5063-5071).

3. Sia in generale, sia in ogni particolare della Parola vi è un significato interiore o spirituale (nn. 1143, 1984, 2135, 2333, 2395, 2495, 4442, 9048, 9063, 9086).

4. La Parola è scritta esclusivamente per corrispondenze, e per questa ragione ogni singola cosa in essa ha un significato spirituale (nn. 1404, 1408, 1409, 1540, 1619, 1659, 1709, 1783, 2900, 9086).

5. Nella Parola il sole significa il Signore, quanto all'amore, e di conseguenza l'amore per il Signore (nn. 1529, 1837, 2441, 2495, 4060, 4696, 7083, 10809).

6. Nella Parola la luna significa il Signore, quanto alla fede, di conseguenza la fede per il Signore (nn. 1529, 1530, 2495, 4060, 4696, 7083).

7. Nella Parola le stelle significano la conoscenza del bene e della verità (nn. 2495, 2849, 4697).

8. Le tribù significano tutte le verità e tutti i beni nel loro insieme, quindi tutte le cose della fede e dell'amore (nn. 3858, 3926, 4060, 6335).

9. La venuta del Signore significa la sua presenza nella Parola, e la rivelazione di essa (nn. 3900, 4060).

10. Nella Parola le nuvole significano la Parola nel senso letterale Arcana Coelestia 4060, 4391, 5922, 6343, 6752, 8106, 8781, 9430, 10551, 10574).

11. Nella Parola gloria significa la Divina verità come è nel cielo e nel significato interiore della Parola ( Arcana Coelestia 4809, 5922, 8267, 8427, 9429, 10574).

12. La tromba o il corno significano la Divina verità nel cielo, e rivelata dal cielo ( Arcana Coelestia 8158, 8823, 8915); e la “voce” ha un simile significato (nn. 6771, 9926).

-----

Go to section / 603  

← Previous    Next →

From Swedenborg's Works

Arcana Coelestia #6752

Go to section / 10837  

← Previous    Next →

6752. Et vocavit nomen ejus Moscheh': quod significet quale status tunc, constat ex significatione nominis' et vocare nomen' quod sit quale, de qua n. 144, 145, 1754, 1896, 2009, 2724, 3006, 3421, 6674; hic quale status quia cum nominatur aliquis, ipsum nomen tunc significat statum, n. 1946, 2643, 3422, 4298; quale status quod significatur, (d)est 1quale status legis Divinae in principio apud Dominum, et 2quale status veri Divini principio apud hominem qui regeneratur 3. Duo sunt imprimis qui repraesentant Dominum quoad Verbum, nempe Moses et Elias, Moses' Dominum quoad libros historicos, Elias' quoad Prophetas; praeterea etiam sunt Elisaeus, et ultimo Johannes Baptista, quare hic est qui intelligitur per Eliam qui venturus,' Matth. xvii 10-13; Luc. i 17; sed antequam ostendi potest quod Moses' repraesentet legem Divinam, 4 dicendum est quid lex Divina: lex Divina in lato sensu significat totum Verbum; in minus lato significat Verbum historicum; in stricto 5 quod per Mosen scriptum est; et in strictissimo decem praecepta tabulis lapideis super monte Sinai inscripta; Moses legem 6 in minus lato sensu, tum in stricto, et quoque in strictissimo repraesentat.

2 Quod Lex in lato sensu sit totum Verbum, tam historicum quam propheticum, constat apud Johannem,

Nos audivimus ex Lege, quod Christus (Messias) manet in aeternum, xii 34;

quod hic per Legem' intelligatur etiam Verbum propheticum, patet, nam hoc scriptum est apud Esaiam ix 5, 6 [A.V. 6, 7]; apud Davidem, Ps. cx 4; et apud Danielem, vii 13, 14: apud eundem,

Ut impleretur Verbum scriptum in Lege, Odio habuerunt Me sine causa, xv 25;

similiter, nam hoc scriptum est apud Davidem, Ps. xxxv 19: apud Matthaeum,

Amen dico vobis, Usque dum praetereat caelum et terra, iota unum ac unum corniculum non praeteribit de Lege, donec omnia fiant, v, (x)18;

hic Lex' in lato sensu pro toto Verbo.

3 Quod Lex in minus lato sensu sit Verbum historicum, constat apud Matthaeum,

Omnia quaecumque volueritis ut faciant vobis homines, sic et vos facite illis; haec enim est Lex et Prophetae, vii 12;

hic distinguitur Verbum in Legem et Prophetas, et quia Verbum (x)est distinctum in Historicum et 7 Propheticum, sequitur quod per Legem' intelligatur Verbum historicum, et per Prophetas' Verbum propheticum: similiter apud eundem, 8

In his duobus mandatis Lex et Prophetae pendent, xxii 38-[A.V. 40]:

9apud Lucam,

Lex et Prophetae usque ad Johannem, abhinc regnum Dei evangelizatur, xvi 16; (x)Matth. xi 13'.

4 Quod Lex in stricto sensu sit Verbum quod scriptum est per Mosen, constat apud Mosen,

Cum absolvisset Moses scribere verba Legis hujus super librum, usque dum consummavit illa; praecepit Moses Levitis portantibus arcam Jehovae, dicendo, Accipiendo librum Legis hujus, et ponite illum a latere arcae foederis Jehovae Dei vestri, Deut. xxxi 24-26;

10liber Legis' pro Libris Mosis: apud eundem,

Si non custodias facere omnia verba Legis hujus scripta in libro hoc, omnem morbum et omnem plagam, quae non scripta in libro Legis hujus, occulte mittet Jehovah super te, usque dum perdaris, Deut. xxviii 58, 61;

similiter: apud Davidem,

In Lege Jehovae beneplacitum illius, et in Lege Ipsius meditatur diu et noctu, Ps. i 2;

Lex Jehovae' pro Libris Mosis, nam nondum Libri prophetici, nec historici modo Liber Joschuae et 11 Judicum: praeter 12in locis ubi dicitur Lex Mosis,' de quibus in mox sequentibus.

5 Quod Lex in strictissimo sensu sint decem praecepta tabulis lapideis super monte Sinai inscripta, notum est, videatur 13 Jos. viii 32; sed haec Lex etiam vocatur Testimonium, Exod. xxv 16, 21.

6 Quod Moses repraesentet Legem in minus lato sensu, seu Verbum historicum, tum quoque Legem in stricto, et quoque in 14strictissimo, constat ex illis locis ubi loco (x)Legis dicitur Moses,' et ubi Lex vocatur Lex Mosis,' ut apud Lucam,

Dixit illi Abraham, Habent Mosen et Prophetas, audiunto illos; si Mosen et Prophetas non audiunt, nec si quis ex mortuis resurrexerit, persuadebuntur, xvi 29, 31;

(m)15hic per Mosen et Prophetas' 16simile significatur quod per Legem et Prophetas,' 17nempe Verbum historicum et propheticum, inde patet quod Moses' sit Lex seu Verbum historicum:(n) apud eundem,

Jesus incipiens a Mose et ab omnibus prophetis, et interpretatus est in omnibus scripturis, quae ad Ipsum pertinerent, xxiv (x)27:

apud eundem,

Oportet impleri omnia quae scripta sunt in Lege Mosis et Prophetis et Psalmis de Me, xxiv 44:

apud Johannem,

Philippus dixit, Quem scripsit Moses (m)in Lege 18, invenimus Jesum, i 46 [A.V. 45]:

apud eundem,(n)

In Lege Moses nobis praecepit, viii 5:

apud Danielem,

Defluxit super nos maledictio et juramentum, quod scriptum in Lege Mosis servi Dei, quia peccavimus (c)Ipsi. Sicut scriptum in Lege Mosis, omne malum 19 venit super nos, ix 11, 13:

20 apud Joschuam,

Joschua scripsit super lapide altaris copiam Legis Mosis, viii 32;

7 Lex Mosis' dicitur quia per Mosen' repraesentatur Dominus quoad Legem, hoc est, quoad Verbum, 21 in [minus] lato sensu quoad Verbum historicum; inde 22est quod tribuatur Mosi, quod (t)est Domini, ut apud Johannem,

Moses dedit vobis Legem: Moses dedit vobis circumcisionem; si circumcisionem accipit homo in sabbato, ita ut non solvatur Lex Mosis, vii 19, 22, 23:

apud Marcum,

Moses dixit, Honora patrem tuum et matrem tuam, vii 10:

apud eundem,

Jesus respondens dixit illis, Quid vobis praecepit Moses? Dixerunt, Moses permisit libellum repudii scribere, et dimittere, x (x)3, 4:

et quia ob repraesentationem tribuitur Mosi, quod Domini est, dicitur et Lex Mosis,' et Lex Domini,' apud Lucam,

Cum impleti sunt dies purificationis illorum, juxta Legem Mosis, deduxerunt Ipsum in Hierosolymam ut sisterent Domino quemadmodum scriptum est in Lege Domini quod omnis masculus aperiens uterum, sanctum Domino vocandus, et ut darent sacrificium juxta quod dictum in Lege Domini, par turturum et duos pullos (x)columbarum, ii 22-24, 39.

8 Quia Moses' repraesentabat Legem, licuit illi intrare ad Dominum super monte Sinai, et non solum recipere tabulas Legis ibi sed etiam audire Legis statuta et judicia, et illa mandare populo; et quoque dicitur quod inde in Mosen crederent in aeternum,

Dixit Jehovah ad Mosen, Ecce Ego veniam ad te in nebula nubis, ut audiat populus quando locutus fuero ad te, et etiam in te credant in aeternum, Exod. xix 9;

in nebula nubis' dicitur quia per nubem' intelligitur Verbum in littera; inde quoque cum Moses intravit ad Dominum super monte Sinai, dicitur quod intraverit in nubem,' Exod. xx 18, xxiv 2, 18, (x)xxxiv 2-5; quod nubes' sit sensus litteralis Verbi, videatur Praefatio 9 ad Gen. xviii, tum n. 4060, 4391, 5922, 6343 fin.; et quia repraesentabat Legem seu Verbum, ideo quoque,

Cum 23descendit de monte Sinai, radiabat cutis facierum ejus cum loqueretur; et dabat super facies suas velamen, Exod. xxxiv 28 ad fin.;

radiatio 24facierum' significabat internum Legis, nam 25hoc est in luce caeli, et ideo vocatur gloria, n. 5922, 26 et velamen' significabat externum 27Legis; quod velaret faciem cum loqueretur cum populo,' erat quia internum illi obtectum erat, (c)et ita obscuratum (d)isti populo ut non sustinuerint aliquid lucis inde; quod facies' sit internum, videatur n. 1999, 2434, (x)3527, 3573, 4066, 4796-4805, 5102, 5695. Quia per Mosen' repraesentabatur Dominus quoad Verbum historicum, et per Eliam' Dominus quoad Verbum propheticum, idcirco cum transformatus Dominus,

Visi sunt Moses et Elias cum Ipso colloquentes, Matth. xvii 3; nec alii cum Domino, 28quando in mundo Divinum Ipsius apparuit, colloqui potuerunt quam qui repraesentabant Verbum, nam collocutio 29 cum Domino est per Verbum30; quod Elias' repraesentaverit Dominum quoad Verbum, videatur n. 2762, 5247 fin; et quia uterque, 10 tam Moses' quam Elias,' simul repraesentabat totum Verbum, idcirco ubi agitur de Elia, quod mitteretur ante Dominum, 31memoratur uterque apud Malachiam,

Mementote Legis Mosis, servi mei, quam praecepi illi in Chorebo pro toto Israele, statutorum et judiciorum: En Ego mittens vobis Eliam prophetam, antequam venit dies Jehovae magnus et terribilis, iii 22-24 [A.V. iv 4-6];

involvunt illa, quod praecederet qui annuntiaret Adventum 32 secundum Verbum.

-----
Footnotes:

1. qualis [or qualiter] lex Divina

2. verum Divinum

3. The Manuscript inserts, nam Moses hic repraesentat Dominum quoad Legem Divinam in principio et verum Divinum apud hominem qui regeneratur

4. The Manuscript inserts prius

5. The Manuscript inserts sensu Verbum

6. The Manuscript inserts Divinam

7. The Manuscript inserts in

8. The Manuscript inserts Omnes Prophetae et Lex usque ad Johannem prophetarunt, xi 13: apud eundem,

9. The Manuscript inserts et

10. The Manuscript inserts hic

11. The Manuscript inserts Liber 12. deletes in and inserts a

13. The Manuscript inserts Exod. xxv:

14. strictiori

15. quod

16. idem significetur ac

17. quod per Legem et Prophetas intelligantur Verbum tam Historicum quam Propheticum, supra videatur; et quia omne Verbum intelligitur, et per prophetas Verbumpropheticum,patet quod per Mosen...(about 8 to 10 undeciphered words follow here).

18. The Manuscript inserts et Prophetis

19. The Manuscript inserts hoc

20. The Manuscript inserts et in strictissimo sensu pro Decem praeceptis.

21. The Manuscript inserts et

22. quoque tribuitur

23. descenderet

24. facies

25. internum est

26. The Manuscript inserts et est in luce coeli,

27. ejus

28. cum

29. The Manuscript inserts Domini cum angelis et cum homine, et reciproca horum

30. The Manuscript inserts, Verbum enim scriptum est aeque pro Angelis ac pro homine

31. After idcirco

32. Domini

-----

(References: Arcana Coelestia 144-145, 1754, 1896, 1946, Arcana Coelestia 2009 [1-12], Arcana Coelestia 2643, 2724, Arcana Coelestia 3006, 3421, 3422, Arcana Coelestia 4298, Arcana Coelestia 6674; Luke 1:17; Matthew 17:10-13)


Go to section / 10837  

← Previous    Next →


Translate:
Share: