Cielo e inferno #0

Cielo e inferno

Go to section / 603  

Next →



Cieloe e le sue meraviglie e inferno da ciè che è stato visto e udito
EMANUEL SWEDENBORG

Traduzione a cura di https://fondazioneswedenborg.wordpress.com tratta dalle scansioni della versione originale in latino, rilasciate in rete da http://www.baysidechurch.org, resa compatibile con la versione inglese di John C. Ager (http://www.swedenborg.com).

Translated in 2012. No copyright – Public domain

Questa versione è stata tradotta dai file in formato pdf messi a disposizione dalla Fondazione Swedenborg dello Stato della Pennsylvania (www.swedenborg.com) i cui collaboratori hanno curato la traduzione dai testi originali in latino. Questa versione evidentemente non è esente da eventuali errori in sede di conversione del testo da una versione non originale.

La presente opera può essere liberamente copiata, stampata e diffusa in tutto o in parte senza alcun vincolo, non essendo gravata da diritti d’autore, fatti salvi il divieto di utilizzarla a scopo commerciale e gli obblighi di non modificare il contenuto, di non stravolgerne il senso e di citare la fonte (https://fondazioneswedenborg.wordpress.com).

INDICE

Prefazione dell'Autore

PARTE 1. IL CIELO
1. Il Signore è il Dio del cielo (2-6)
2. Il cielo è formato dal Divino del Signore (7-12)
3. Il Divino del Signore nel cielo è l’amore per Lui e la carità verso il prossimo (13-19)
4. Il cielo consta di due regni (20-28)
5. Esistono tre cieli (29-40)
6. I cieli sono composti da innumerevoli società (41-50)
7. Ogni società è un cielo in una forma minore, e ogni angelo lo è nella forma più piccola (51-58)
8. Il cielo nel suo insieme ha la forma di un singolo uomo (59-67)
9. Ogni società nel cielo ha la forma di un singolo uomo (68-72)
10. Ogni angelo quindi ha una forma assolutamente umana (73-77)
11. Dalla Divina umanità del Signore consegue che il cielo in generale e nel particolare ha la forma di un uomo (78-86)
Passi estratti da Arcana Coelestia, concernenti il Signore e la sua Divina umanità
12. C'è una corrispondenza fra tutte le cose del cielo e tutte le cose dell’uomo (87-102)
13. C'è una corrispondenza del cielo con tutte le cose del mondo (103-115)
14. Il sole nel cielo (116-125)
15. La luce e il calore nel cielo (126-140)
16. Le quattro regioni del cielo (141-153)
17. Il cambiamento di stato degli angeli nel cielo (154-161)
18. Il tempo nel cielo (162-169)
19. Rappresentazioni e apparenze nel cielo (170-176)
20. Gli abiti con cui appaiono vestiti gli angeli (177-183)
21. Le residenze degli angeli (184-190)
22. Lo spazio nel cielo (191-199)
23. La forma del cielo, da cui sono determinate le affiliazioni e le comunicazioni (200-212)
24. Le amministrazioni nel cielo (213-220)
25. Il culto Divino nel cielo (221-227)
26. Il potere degli angeli nel cielo (228-233)
27. Il linguaggio degli angeli (234-245)
28. Il linguaggio degli angeli presso l’uomo (246-257)
29. La scrittura nel cielo (258-264)
30. La sapienza degli angeli nel cielo (265-275)
31. Lo stato di innocenza degli angeli nel cielo (276-283)
32. Lo stato di pace nel cielo (284-290)
33. L’unione del cielo con il genere umano (291-302)
34. L’unione del cielo con l’uomo attraverso la Parola (303-310)
35. Cielo e inferno provengono dal genere umano (311-317)
36. I pagani, ovvero i popoli che vivono al di fuori dalla chiesa, nel cielo (318-328)
37. I bambini nel cielo (329-345)
38. Il savio e il semplice nel cielo (346-356)
Passi estratti da Arcana Coelestia, concernenti le conoscenze
39. Il ricco e il povero nel cielo (357-365)
40. Matrimoni nel cielo (366-386)
41. Le occupazioni degli angeli nel cielo (387-394)
42. La gioia e la felicità celesti (395-414)
43. L’immensità del cielo (415-420)

PARTE 2. IL MONDO DEGLI SPIRITI E LO STATO DELL'UOMO DOPO LA MORTE
44. Cosa è il mondo degli spiriti (421-431)
45. Ogni uomo è uno spirito, rispetto alla sua veste interiore (432-444)
46. La resurrezione dell’uomo dalla morte e la sua ammissione alla vita eterna (445-452)
47. L'uomo dopo la morte ha una forma perfettamente umana (453-461)
48. L’uomo dopo la morte gode delle percezioni dei sensi, della memoria e delle affezioni che aveva nel mondo. Nulla è perduto salvo il corpo (461-469)
49. L’uomo, dopo la morte, è tale quale è stata la sua vita nel mondo (470-484)
50. Dopo la morte, i piaceri della vita di ciascuno sono mutati in cose ad essi corrispondenti (485-490)
51. Il primo stato dell’uomo dopo la morte (491-498)
52. Il secondo stato dell’uomo dopo la morte (499-511)
53. Il terzo stato dell’uomo dopo la morte, che è uno stato di istruzione per coloro che entrano nel cielo (512-520)
54. Nessuno accede al cielo per pura misericordia, a prescindere dai mezzi (521-527)
55. Non è difficile come si crede condurre una vita che porta al cielo (528-535)

PARTE 3. INFERNO
56. Il Signore governa gli inferni (536-544)
57. Il Signor non precipita nessuno nell’inferno, è lo spirito che si precipita (545-550)
58. Tutti coloro che sono nell’inferno sono nei mali e nelle conseguenti falsitàche derivano dall’amore di sé e dall’amore del mondo (551-565)
59. Fuoco infernale e stridore dei denti (566-575)
60. Le malvagità e gli scellerati artifici degli spiriti infernali (576-581)
61. Aspetto, disposizione e numero degli inferni (582-588)
62. Equilibrio tra cielo e inferno (589-596)
63. L’uomo è mantenuto nel libero arbitrio in virtù dell’equilibrio tra cielo e inferno (597-603)

Passi estratti da Arcana Coelestia concernenti il libero arbitrio, l’influsso e gli spiriti attraverso i quali si realizza la comunicazione
Indice dei rinvii alle Scritture (omesso nella presente edizione)
Indice analitico (omesso nella presente edizione)

Go to section / 603  

Next →


Translate:
Share: